Cavalieri Sperduti

Serie: Sussurri dalla locanda - Le cronache di Zorex e Drok


La Dimora dei Sussurri si trovava nei sobborghi della cittadina di Ashur ed era una costruzione di una semplicità sorprendente, al punto che molti mercanti della media borghesia avevano abitazioni più grandi e sfarzose. Quel piccolo edificio, però, aveva un qualcosa di sempiterno che le altre dimore non avrebbero mai potuto sperare di imitare. Lo stesso cortile che circondava la taverna aveva un aspetto magico: parecchie lanterne erano appese agli alberi e i loro pannelli di vetro bluastro, con l’accentuarsi del crepuscolo, emanavano raggi azzurrati che danzavano fra il fogliame.

La cucina di Rosso Balthius, detto “il pepato”, non somigliava affatto a quella tipica della regione di Creeneva, che utilizzava soprattutto i prodotti del mare e le salse agrodolci a base di frutta. La portata principale era un cinghiale arrosto, coperto da una gelatina di rosmarino, salvia e limone e guarnito con strisce di formaggio piccante e verdure al forno gratinate. C’erano anche delle cosce di pollo imbevute nella birra Otherkuliana, insaporite con cipolla, aceto di malto e scorza d’arancia. Entrambi i piatti venivano serviti con abbondante insalata di patate, fagioli e cavolo verzotto: erano abbastanza piccanti da far venire le lacrime agli occhi, ma altrettanto deliziosi.

«Accidenti!» esclamò Neigmor, ruttando. «In questo piatto c’è della roba potente!» Per placare il bruciore, tracannò una coppa di vino e allungò la mano verso la brocca che aveva davanti.

«Vacci piano con quello e vedi di lasciarmene qualche goccio!» protestò Nevil, sollevando il boccale. «Su, versa qua!»

«Ma non la smetti mai di bere? Con l’età che ti ritrovi, sicuro di riuscire a stare ancora in piedi?»

«Bada a ciò che dici, ragazzotto!»

«Perché non la smettete di ingozzarvi come porci? Manca poco all’incontro e preferirei vedervi lucidi!» li ammonì Esmerah delle Cinque Lame, che sedeva fra loro due.

Crepaossa sbuffò. «Ehi, Brandispadone, sentito la mamma? Tieni e cerca di darti una calmata.» Dopo avergli versato da bere, tese il suo bicchiere per un brindisi. Nevil sorrise e ricambiò.

Al suo fianco, Gil Gal focalizzò lo sguardo su Neigmor: il suo innesto arcano gli restituiva un Codice Entità alquanto notevole. «Così anche tu sei stato convocato?» gli domandò.

Il guerriero annuì. «Non solo io.»

«E chi altri?» chiese Cinque Lame.

Neigmor indicò un punto imprecisato alle sue spalle. «Si trova lì, in mezzo al gruppo di bardi.»

Proprio in quel frangente due musicisti attaccarono un canto tipico delle terre del Sud; molti degli avventori sembravano conoscere le parole e cominciarono a scandire il ritmo battendo le mani. A quel punto s’inserì Lydia Kyreas, le cui dita presero a danzare sulle corde del suo violino con una grazia straordinaria: attraverso un crescendo accorto, eseguì un passaggio di scala per introdurre la calda voce da tenore di una giovane cantastorie.

Nevil si alzò e partecipò al coro con grande fervore e voce stentorea, ma tutti notarono subito quanto fosse stonato. Con un inchino invitò Esmerah a ballare e lei, dopo alcuni timidi dinieghi, si lasciò trasportare dal suo entusiasmo.

Quando il resto dei bardi cominciò a suonare, le persone si alzarono da tavola a uno a uno e presero a danzare. Ben presto il pavimento di legno della locanda rimbombò sotto il battito dei tacchi che dettavano il tempo, mentre i corpi ondeggiavano agili e rapidi.

Seduto in un angolo della sala, Grouch ascoltava e osservava imbambolato, come se si trovasse sotto l’effetto di un incantesimo. D’un tratto esplose di euforia e si alzò per raggiungere gli altri ballerini. Non cercò però di imitare i loro passi, si mise invece a danzare nel suo stile nativo, muovendo soprattutto la parte superiore del corpo all’unisono con la musica.

Non appena videro passare la locandiera, poco per volta il gruppo formò un cerchio intorno a lei, incitandola a ballare con il battito delle mani; i musicisti accelerarono allora il ritmo, ma Greta fu all’altezza della sfida e prese a vorticare con un’agilità impressionante, regalando sorrisi e magia.

Dopo che la musica raggiunse il suo apice infuocato, i bardi chiusero l’esecuzione con uno stacco netto. Il silenzio sprofondò nella sala per un solo breve istante, prima che un applauso concitato esplodesse, coinvolgendo anche quanti erano rimasti seduti.

«Allora Crepaossa, di quale bardo parliamo?» disse Esmerah una volta ritornata insieme a Nevil.

Prima che Neigmor potesse risponderle, Gil Gal formulò la sua ipotesi. «Si tratta della violinista, non è vero? È l’unica in quel gruppo a possedere capacità arcane.»

Il guerriero annuì. «Interessante! Sei in grado di percepire la forza magica, tra l’altro con una facilità sorprendente»

«Le mie abilità in questo momento non sono da considerare propriamente naturali» ribatté lo sciamano. «Si trovano sotto l’influenza dei poteri del cavaliere di Valhen.»

Quando lo menzionò, tutti si voltarono a guardare Daniel Eddy Wey: si trovava seduto in compagnia di un uomo incappucciato, nell’angolo più remoto e in penombra della sala principale.

«Già… Daniel. Qualcuno saprebbe dirmi cosa stiamo aspettando?» commentò Neigmor, notando l’espressione perplessa sul volto dei compagni.

Pur sapendo che sarebbe stata un’impresa ardua chiedergli ancora una volta di fidarsi delle sue parole, Esmerah provò ugualmente a spiegargli il motivo dell’attesa. «Sappiamo bene che ci troviamo attorno a questo tavolo perché abbiamo ricevuto lo stesso messaggio: giungere alla Dimora dei Sussurri e prendere posto assieme agli altri portatori del sigillo di Valhen!» Approfittò di una pausa per slacciarsi la fascia che portava al collo e appoggiarla sul tavolo; poi con enfasi posò l’indice sull’emblema. «Lo stesso simbolo dei Lunari che questa sera ci ha condotto fin qui.»

«Ciò che dici è vero, ma questo non spiega la ragione per cui dobbiamo starcene ancora in disparte» aggiunse Nevil.

«Perché la mia lettera diceva di attendere un suo segnale prima di procedere, ed è quello che faremo» replicò Cinque Lame.

«Di che segnale parli?» domandò Crepaossa.

L’improvviso arrivo di Lydia Kyreas, però, interruppe i loro discorsi.

«Chiedo venia, gentaglia. Le presentazioni a dopo, c’è qualcuno che ha un messaggio molto importante da riferire» dichiarò il bardo.

Si fece avanti un individuo alquanto singolare, la cui bellezza rasentava la perfezione. Si sistemò una ciocca dei suoi lunghissimi capelli biondi dietro l’orecchio a punta, gli occhi a mandorla scintillarono quando rivolse loro l’attenzione. «Il mio nome è Alo e voi dovreste essere i portatori del sigillo» esordì.

L’unica risposta che ottenne fu un’occhiata rovente lanciata da Gil Gal e un lieve gesto di assenso.

L’elfo annuì, poi alzò il braccio e mostrò il sigillo di Valhen. «Cavalieri Sperduti, lo Specchio ci chiama a raccolta.»

Per qualche secondo nessuno ebbe l’ardire di replicare. Le rivelazioni di Alo possedevano una carica emozionale ineffabile: presto divamparono come fiamme indomabili, il cui bagliore si rifletté sui volti intrisi di stupore.

A spezzare il silenzio ci pensò Esmerah. «Ecco il segnale che aspettavamo!»

***

Vicino al camino, sotto una colonna decorata con ghirlande di aglio e fasci d’erbe, Ron Gray Shar sospirò. La vicenda su Zorex e Drok che aveva appena finito di ascoltare era persino più folle delle precedenti. «Maledizione, non puoi chiedermi di credere che Re Ranador sia stato salvato per una pura coincidenza da due strampalati mercenari!»

Daniel doveva rendere atto a Ron, i suoi dubbi erano giustificati. «Sono perfettamente consapevole che accettare verità simili non deve essere semplice» dichiarò dopo un lungo momento di pausa. «Ti assicuro tuttavia che sono fatti realmente accaduti, salvo l’aggiunta di qualche divertente elemento di contorno.»

«Balle!»

«Davvero? Anche se ti dicessi che, seppur inconsapevolmente, hanno salvato la vita ad Aeryn?»

Il viso di Ron si raggelò, come se si fosse improvvisamente tramutato in pietra. «Cosa… cosa stai dicendo? Non dire assurdità! Avrebbero dovuto…»

«Fare l’impossibile?» disse al suo posto Daniel.

«Fai attenzione e bada a ciò che stai per dire, ti invito a scegliere con cura le tue prossime parole!» lo avvertì, ostentando il tono di voce che usava sul campo di battaglia per minacciare i nemici.

Daniel si fece serio in volto. «Non parlerò a sproposito di lei, se è questo che vuoi sapere, ma di come le loro vite si sono incrociate. Permettimi perciò di raccontarti un’ultima storia…»

Con un visibile sforzo, Ron lo soppesò. Le affermazioni del compagno avevano ormai infiammato il suo interesse. Quindi trasse un profondo respiro, nel tentativo di placare il livore, afferrò la bottiglia e versò da bere a entrambi. «Di cosa si tratta? Ti ascolto…»

Il cavaliere di Valhen si concesse un sorso. «Non voglio anticiparti nulla, a parte che si tratta di un episodio… oserei dire più che avvincente!»

Serie: Sussurri dalla locanda - Le cronache di Zorex e Drok


Avete messo Mi Piace4 apprezzamentiPubblicato in Fantasy

Letture correlate

Discussioni

  1. Però non puoi fare così! Tu inciti alla lettura violenta: sto parlando del finale di quest’episodio.

    Post sciptum: volevo chiederti una cosa sul personaggio Daniel Eddy Wey, però preferisco andare avanti nella lettura senza chiederti nulla per il momento.
    Buon fine settimana.

    1. Caro Raffaele, sentirti dire questo mi rende orgoglioso del lavoro che sto facendo. Per cui ti ringrazio immensamente. 🙂 Sono curioso di sapere cosa hai pensato di Daniel, davvero curioso! Coraggio, un ultima storia e ti avvicini alla terza stagione… e quindi in tempo per unirti al gioco della scelta dei seguiti! 🙂

  2. “C’erano anche delle cosce di pollo imbevute nella birra Otherkuliana, insaporite con cipolla, aceto di malto e scorza d’arancia. “
    Sto facendo la dieta maledetto 😂

  3. “La portata principale era un cinghiale arrosto, coperto da una gelatina di rosmarino, salvia e limone e guarnito con strisce di formaggio piccante e verdure al forno gratinate.” eh, ma allora lo fai apposta! XD Comunque non è fantasy se non c’è un cinghiale arrosto 🙂 tant’è che ne sto cuocendo anche io uno per Orion..ma temo che sarà una cottura lunga, il forno non è ancora caldo!

    1. Ahahaha, grande! Eh sì, viva il cinghiale arrosto! Curioso di scoprire cosa stai combinando per Orion. Mi sa tanto che lo troveremo nella terza stagione di “Sussurri dalla locanda”. 🙂

  4. È stato un viaggetto interessante. Certo, ci sono un sacco di personaggi e, a parte i protagonistissimi, mi dimentico subito i nomi xD
    C’è quel Daniel Eddy Wey che mi dice qualcosa, il nome soprattutto mi rievoca qualche memoria d’infanzia. Non so se è proprio così, ma sembra un tizio che è figo perché sì, il tale a cui va tutto bene e se ne va in giro con uno stocco a duellare a caso con la gente.
    Scemenze a parte, bella serie. 😀

    1. Sì, sono i personaggi di alcuni lettori che hanno presto parte alla serie. Nella politica di una serie, strutturata in più stagioni, penso sia normale non ricordarsi dei personaggi. I primi episodi sono stati un bel po’ di tempo fa. Ma in un probabile romanzo non dovrebbero risultare troppo “distanti”.
      Daniel è “l’anti George Martin” per eccellenza: è il tipo figo, forte e che sa tutto. Ma non è il tipo che andrebbe in giro a duellare con uno stocco. Ahahaha 🙂
      Grazie mille. 🙂

  5. Caro Giuseppe la perfezione consueta dei tuoi racconti mi ha catapultato pienamente in quella locanda a degustare quelle pietanze e la birra di cui arrivo persino a sentire il sapore!
    Seguiti tutti potenzialmente interessanti, quindi mi affido all’istinto e opto per A la fortezza fantasma essendo stato quello che ha catturato per primo la mia attenzione!

    1. Salvo, sei sempre molto gentile! Ti ringrazio infinitamente.
      Con la birra di Otherkul non si scherza mica, eh. 🙂 Per non parlare delle pietanze del Pepato! Allora vada per la scelta A, La fortezza fantasma: tutti titoli interessanti, ma l’istinto è l’istinto! Ottimo.
      Grazie ancora e alla prossima. 🙂

  6. Ecco il ritardatario…di getto è arrivato il SEGUITO B ! con piacere scopro che ‘La torre dei sette arcani’ ha attirato molti viaggiatori 🙂 . Mi sono chiesto come potessero sapere le pietanze servite ahahahah. Nella magica atmosfera che solo una locanda può avere ,si apre un piccolo spiraglio per la prossima grande avventura. Sono contento di vedere tutti gli eroi nello stesso posto e i armonia, prima dei prossimi scontri! Come sempre FANTASTICO.
    “Senza dir nulla, si ritirò silenziosamente nel suo alloggio…nuove visioni invocavano di prendere forma nei suoi sogni, un pallido preludio dei giorni a venire….”

    1. Mitico Gil Gal… non avevo dubbi sulla tua scelta! A questo punto credo che la prossima storia sarà proprio “La Torre dei sette Arcani”. Quelle pietanze me le sono sognate per quattro giorni di fila, credimi! Ahahaha 🙂 Contento che l’atmosfera epica sia stata di tuo gradimento, preludio a una mega avventura che si preannuncia bella avvincente con un gruppo del genere!
      Grazie mille per tutto, dal tuo continuo incoraggiamento all’esserci sempre! /\

    1. Speriamo di riuscire a mantenere questo ritmo, un episodio ogni due settimane. Grazie mille per il commento, molto gradito. Vada per il seguito B! 🙂

  7. Seguito b senza discussione…. Immagino che dentro la tua mente si stai già muovendo quella fantasia malata e sana che sta dando un po’ di serenità a tutti i lettori che si perdono nei tuoi riconti. Per cui ti dirò solo grazie. Sei mitico. E soprattutto cinghiale anche per me. E la birra. Si la birra voglio proprio quella. E finalmente lo specchio dei nove suoni viene allo scoperto. Cosa ci riserverà il futuro? Panicoooo

    1. Mio folle amico di mille battaglie, ma grazie a te e alla fiducia che riponi in questi pazzi due pazzi scatenati! 🙂 Confermo, nella mia mente inizia già a delinearsi qualcosina… le votazioni stanno per concludersi e sembra sempre più evidente il seguito vincitore! Ci sarà da ridere, quello non può mancare mai, ma soprattutto ci saranno tante di quelle lotte che nemmeno immagini! Per la mia felicità! 🙂 Dunque, anche per te “La Torre dei sette Arcani”. E vai con la birra di Otherkull! 🙂

  8. Signor Gallato, un bel cosciotto di cinghiale lo sgranocchierei volentieri! Non serve che le dica quanto desideri leggere le nuove imprese dei suoi personaggi. In che avventura mi condurrà stavolta? Niente di troppo movimentato, che son vecchio.
    Distinti saluti,
    Reo Marco

    1. Signor Reo, ossequi! 🙂 Ahimé, mi duole riferirvi tale notizia, per voi nefasta, ma dal prossimo episodio seguiranno quattro atti dediti alle lotte… ma saranno lotte epiche! 🙂
      Nel ringraziarla di tal commento, vi domando: quale secondo voi il seguito più… avvincente? 🙂

    1. Ciao Elena, ti ringrazio per gli apprezzamenti e il commento. Allora vada per il seguito B, “La Torre dei sette Arcani”. 🙂

  9. Ciao carissimo, siamo al giro di boa di questa seconda stagione, ma scommetto che le emozioni e il fervore epico trascenderanno la pura normalità da qui in avanti?! Io mi sono sentito in questa splendida locanda, immerso nei canti, nei suoni e nei balli, tutto degno del fervore dionisiaco tanto caro a Nietzsche, assolutamente, e questo grazie alla tua fervida fantasia, alla tua fulgida ispirazione ghermita alla grande dalla tua sapienza narrativa, un episodio che mi è piaciuto tantissimo proprio per la sua mirabile semplicità?! E poi, leggere il nome di Lydia Kyreas, la mia Ultima Nota, tra le righe dei tuoi Sussurri… Beh, è una gioia immensa! E che battuta poi, è proprio da lei rivolgersi in quel modo, irriverente e spaccona “Chiedo venia, gentaglia. Le presentazioni a dopo,” Leggendaria???, Lydia ti ringrazia infinitamente! E poi Daniel… Beh, continua ad affascinarmi come pg, sta in sordina ma… È quello più interessante e figo di tutti! Ottimi gli inserimenti dei vari personaggi, hai fatto partecipare tutti dando a tutti il loro giusto spazio?! Ovviamente, dico seguito B, troppo epico la torre dei sette arcani???! Un caro abbraccio, spero a presto ?!

    1. E che devo dirti, mio carissimo Tony, hai operato un’analisi completa! Fantastico! ? Notevole l’accenno su Daniel Eddy Wey: il fatto che sia (solo all’apparenza) in sordina è una scelta voluta, atta ad aumentare la curiosità del lettore. Alla fine fine è lui il vero protagonista della serie, ma cosa starà tramando… con questi suoi racconti?
      Contento che la presentazione di Lydia Kyreas ti sia piaciuta, anche se per adesso si tratta solo di presentazioni brevi. Il gruppo che si è venuto a creare è bello epico, e Gil Gal in buona parte ha già compreso la potenza di ogni portatore del sigillo. Aspettavano un segnale… e Alo si è fatto portavoce con la sua misteriosa frase. Altri interrogativi: perché Cavalieri Sperduti? Cos’è lo Specchio?
      Per il seguito sei pro “Torre dei sette Arcani”… bene! Altro punto per la scelta B! Grazie di tutto, amico mio! 🙂

  10. Ciao carissimo, siamo al giro di boa di questa seconda stagione, ma scommetto che le emozioni e il fervore epico trascenderanno la pura normalità da qui in avanti?! Io mi sono sentito in questa splendida locanda, immerso nei canti, nei suoni e nei balli, tutto degno del fervore dionisiaco tanto caro a Nietzsche, assolutamente, e questo grazie alla tua fervida fantasia, alla tua fulgida ispirazione ghermita alla grande dalla tua sapienza narrativa, un episodio che mi è piaciuto tantissimo proprio per la sua mirabile semplicità?! E poi, leggere il nome di Lydia Kyreas, la mia Ultima Nota, tra le righe dei tuoi Sussurri… Beh, è una gioia immensa! E che battuta poi, è proprio da lei rivolgersi in quel modo, irriverente e spaccona “Chiedo venia, gentaglia. Le presentazioni a dopo,” Leggendaria???, Lydia ti ringrazia infinitamente! E poi Daniel… Beh, continua ad affascinarmi come pg, sta in sordina ma… È quello più interessante e figo di tutti! Ottimi gli inserimenti dei vari personaggi, hai fatto partecipare tutti dando a tutti il loro giusto spazio?! Ovviamente, dico seguito B, troppo epico la torre dei sette arcani???! Un caro abbraccio, spero a presto ??!

    1. E che devo dirti, mio carissimo Tony, hai operato un’analisi completa! Fantastico! 🙂 Notevole l’accenno su Daniel Eddy Wey: il fatto che sia (solo all’apparenza) in sordina è una scelta voluta, atta ad aumentare la curiosità del lettore. Alla fine fine è lui il vero protagonista della serie, ma cosa starà tramando… con questi suoi racconti?
      Contento che la presentazione di Lydia Kyreas ti sia piaciuta, anche se per adesso si tratta solo di presentazioni brevi. Il gruppo che si è venuto a creare è bello epico, e Gil Gal in buona parte ha già compreso la potenza di ogni portatore del sigillo. Aspettavano un segnale… e Alo si è fatto portavoce con la sua misteriosa frase. Altri interrogativi: perché Cavalieri Sperduti? Cos’è lo Specchio?
      Per il seguito sei pro “Torre dei sette Arcani”… bene! Altro punto per la scelta B! Grazie di tutto, amico mio! 🙂

  11. Ciao Giuseppe!
    Ottimo capitolo: pieno di mistero e di tanti personaggi entusiasmanti. E’ sempre bello leggere quello che scrivi. 🙂

    SEGUITO A

    Preferisco le fortezze alla torri 😉

    Un abbraccio! 🙂

    1. Ciao Andrea! Grazie infinite, i tuoi complimenti valgono moltissimo! Quindi temi le torri? Neigmor teme le torri? 🙂 E allora vada per il seguito A, “La fortezza fantasma”!
      Grazie ancora, un abbraccio. 🙂

  12. Già dalle prime righe mi sono trovata completamente immersa nell’atmosfera della locanda, come se fossi seduta allo stesso tavolo dell’epicissima compagnia! Tutto ciò è stato possibile grazie alla tua grande capacità di descrivere in modo dettagliato le scene salienti, senza mai eccedere… lavoro arduo che, però, riesci sempre a eseguire meravigliosamente!
    Le portate descritte lasciano poco spazio all’immaginazione, era come avere tutti quei profumi proprio sotto il naso; poi, il concerto dei bardi è stato in grado di avvolgere non solo i commensali, ma anche i lettori. Inoltre il gruppetto messo su da Daniel mi incuriosisce parecchio, ogni elemento ha del potenziale, secondo me.
    Per quanto riguarda la scelta, non ho nessun dubbio questa volta. Per me seguito B: “La Torre dei sette Arcani”…. incrociamo le dita! ❤️

    1. Che bello sentire tutto questo entusiasmo! ❤️ Grazieeeeee! 🙂
      Mi fa piacere sentirti dire che hai trovato le descrizioni non troppo pesanti o caricate, perché non amo tantissimo le lungaggini eccessive: non mi piace leggerle, figuriamoci scriverle. 🙂 Però a volte è una cosa che va fatta, come in questo caso, quando si entra alla Dimora dei Sussurri. Proprio perché negli intermezzi è lei protagonista, la locanda.
      Eh sì, Daniel ha messo su un bel gruppetto… ma chissà per quale motivo! Ognuno di loro è forte, forte a modo suo, possiede un’abilità particolare, un potere specifico. ne vedremo delle belle con il primo episodio della terza stagione. 🙂
      Per adesso ci concentriamo sull’ultima storia, che sarà sempre suddivisa in quattro atti. Dunque spero nel seguito B? Cosa pensi possa mai accadere in questa fantomatica “Torre dei sette Arcani”? 🙂

    2. Nonostante tutti e tre i titoli siano delle valide opzioni, “La Torre dei sette Arcani” mi intriga un pelino di più, lo trovo più evocativo… sono proprio curiosa di vedere che ruolo avranno gli arcani in questa storia!
      Comunque, sono sicura che accadrà qualcosa di epico, sempre in perfetto stile Drok e Zorex, ma spero anche di trovare quella solita umanità che caratterizza i nostri due eroi preferiti! ❤️?

    3. Ammetto che “La Torre dei sette Arcani” è un titolo che attira parecchio! Cosa succederà? Onestamente ancora non ne ho la più pallida idea, ma di una cosa sono sicuro: ci saranno tante di quelle manate che voleranno a destra e manca che nemmeno immagini! ❤️ 🙂

    1. Ma grazie! Chi non vorrebbe trovarsi in questo periodo in una locanda del genere! ?
      Vada per il seguito B! ?

  13. Giuseppe, che sorpresa un episodio così presto! Ritrovare Alo, e Grouch, e tutti gli altri nella cornice meravigliosa della locanda è stato più che piacevole. La pulizia del testo, come sempre, è perfetta; il lessico ricercato senza essere ridondante.?
    Per me seguito B .

    1. Caro Dario, le cose qua si fanno serie… i personaggi avevano fame e dovevo necessariamente portarli alla “Dimora dei Sussurri”. 🙂
      Ti ringrazio, i tuoi complimenti significano molto. Chissà cosa ne penserà Marco Reo di questo episodio. Ahahah 🙂
      Vada allora per il seguito B… “La Torre dei Sette Arcani”.

  14. Ciao Giuseppe, questa volta sei stato piuttosto svelto a scrivere un nuovo episodio, come mai? Ahahha Comunque, bello anche questo e i dialoghi sempre eccellenti e poi, l’ambientazione direi estasiante! Mi piacerebbe tanto una cena alla locanda, con tutti gli amici di Open. Per il prossimo episodio voto A, vorrei “incontrare” qualche fantasma.

    1. Ciao Ivan! Sì, questa volta ho potuto iniziare a scrivere il racconto qualche giorno prima della scadenza delle votazioni perché non avrebbero modificato l’attuale, ma il successivo. Infatti, la prossima storia che salterà fuori sarà su base “avvincente”. 🙂
      E la tua scelta ricade sul seguito A, “La fortezza fantasma”. Speri di vedere fantasmi o spiriti immondi? Chissà! 🙂
      Grazie mille per il tuo contributo!

  15. L’aggettivo epico sembra essere stato inventato a posta per descrivere i racconti di Giuseppe.
    Le descrizioni sono perfette tanto che sembra di trovarsi immersi nel profumo di cinghiale arrosto, mentre la locanda balla intorno al lettore in attesa di un altra storia.
    I personaggi sono davvero variegati e tutti originali, mi scoccia un po’ nono conoscerli tutti come gli altri lettori, ma colmerò la mia lacuna la più presto.
    Ultima cosa, con un menù di questo genere la Locanda dei Sussurri si merita 5 spade su Epicadvisor. Sono le nove del mattino e ho voglia di cinghiale arrosto al rosmarino.

    1. Sei molto gentile, Alessandro! Grazie infinite! 🙂 Contento che abbia trovato tutto di tuo gradimento, soprattutto le portate: ti confesso che avevo anch’io una certa fame dopo aver descritto quei piatti! E mi sa che qualche stella su Epicadvisor la meritiamo! Ahahaha 🙂
      E dimmi, dimmi… quale dovrà essere per te l’ultima storia? 🙂

  16. La locanda dei sussurri! Un posto a dir poco magico! Chi avrebbe immaginato che Nevil potesse cantare, doveva aver bevuto proprio tanto, per non parlare del ballo?! Io scelgo il seguito a ! Sempre bellissimo leggerti.

    1. E mi sa proprio di sì, Nevil ha alzato un po’ troppo il gomito! ??? Mi sono divertito tanto scrivere questo episodio, davvero tanto!
      Seguito A? E Fortezza fantasma sia! Grazie mille! ?

  17. Ciao Giuseppe, che bella rimpatriata! 😀
    Tutti riuniti nella locanda, chissà dove li condurrà il fato. O lo Specchio. Bello ritrovare l’intera compagnia in questa atmosfera festosa, peccato sia arrivato qualcuno a infrangere il momento con il suo “brutto” muso ;D L’elfo non sa proprio come divertirsi: l’ho sempre detto, è uno psicopatico. Difficile gestirli tutti in azione, ma amerei sentire Daniel raccontare una storia che li vede protagonisti. Magari, in futuro?
    La scelta per il prossimo racconto si fa difficile, l’istinto mi porta a scegliere La Torre dei sette Arcani.

    1. Ciao Micol, questa volta sei tu ad esserti classificata prima! 🙂
      Eh sì, una bella rimpatriata ci voleva, ci stava alla grande. Forse Alo ha quel “brutto” muso perché conosce il motivo che li ha condotti alla Dimora dei Sussurri. Chissà! E poi, è stata proprio lei a pronunciare la frase clou dell’episodio, la frase più epica (lasciamelo dire ogni tanto spesso). 🙂
      Se un giorno li vedremo tutti protagonisti in una storia? Non mancheranno risposte nemmeno per questa domanda… ma bisognerà attendere la terza stagione!
      Il primo punto va dunque al seguito B, “La Torre dei sette Arcani”. Grazie mille!

  18. Salve a tutti, miei cari lettori

    Il momento fatidico è arrivato… il momento di decretare quale sarà l’ultima storia raccontata da Daniel.
    Siete pronti? Io no… per cui mi affido direttamente alla vostra capacità di discernimento!

    Seguito A: La fortezza fantasma
    Seguito B: La Torre dei sette Arcani
    Seguito C: Il sortilegio dell’ofide

    Buona lettura… buon viaggio!