I nobili Drok e Zorex – Atto I

Serie: Sussurri dalla locanda - Le cronache di Zorex e Drok - Seconda stagione

Il fato, che strana creatura. A volte è un tiranno incontrollabile, si veste di disgrazie… opprime, disorienta, annichilisce. Spesso diventa un’attenuante per le nostre colpe, per una vita che crediamo non ci appartenga. Di tanto in tanto si ferma a scrutarci nel profondo, ci tende la mano, e allora pensiamo di poterlo combattere, addirittura vincerlo. Ma è solo una mera illusione. A volte si veste di luce, di passione, ci riempie di lacrime gioiose e ci avvolge nel suo lussureggiante turbinio di colori. Altre volte, invece, ha l’aspetto di un semplice ragazzo… e si diverte a giocare con il mondo.

*

Cittadina di Galenda, quarta alba di Rubicon

Il giovane messaggero si rese conto di trovarsi nel bel mezzo della parata nel preciso momento in cui andò a cozzare contro uno dei sacerdoti. Il ministro del culto di Dhara – il più grasso tra i ventiquattro presenti alla sfilata – perse l’equilibrio e ruzzolò a terra, trascinandosi dietro lo stendardo che portava con tanta deferenza.

«Cosa… diamine…» bofonchiò il presule, annaspando con le braccia nel vano tentativo di rialzarsi.

«Mi spiace!» si giustificò il ragazzo, riprendendo subito la sua corsa nell’imbarazzo generale e tra gli improperi dell’anziano.

Galenda quel giorno profumava di spezie, pellami e vino; i loro odori si mescolavano ai fumi del pesce e della carne, che risalivano dalle griglie sparse in ogni angolo della cittadina. Le taverne traboccavano di mercanti, visitatori e fedeli giunti dalle parti più disparate della provincia per assistere alla celebrazione del Solstizio di Rubicon.

Le strade erano invase da una calca spaventosa e percorrerle costò al messaggero una gran quantità di tempo e pazienza. Quando finalmente riuscì a imboccare uno di vicoli, lasciando la piazza principale, tirò un sospiro di sollievo. Da lì non mancava molto alla villa dei Fargano, quindi si concesse un attimo per calmare l’affanno e prendere la pergamena che teneva sotto la maglia, giusto per assicurarsi che fosse intatta: era un po’ stropicciata, ma il timbro di ceralacca recante il simbolo della casata dei Renchell era integro. Con tutta quella corsa esagitata, per poco non aveva temuto il peggio.

Non gli restava che rimettersi in marcia e portare a termine la consegna, riscuotendo le sue tanto meritate sei monete di bronzo. Quella mattina, però, nulla sembrava voler andare per il verso giusto. Girato l’angolo, si scontrò ancora una volta contro qualcuno. Cadde e la pergamena gli volò dalle mani. Fece subito per rialzarsi, quando si accorse che un gigante e un nano lo guardavano dall’alto incuriositi.

Il primo a muoversi fu Zorex, la mano protesa verso di lui.

Il primo a parlare fu Drok. «Ragazzo…»

Il primo a scappare fu il messaggero.

Mosso da una sorta d’impeto volpino, misto allo sgomento e al panico, il giovane agguantò la lettera e scappò via come un forsennato.

I due si guardarono in faccia, confusi.

«Hai visto, brutto bestione?» gli rimproverò il nano. «L’hai terrorizzato!»

Il gigante fece spallucce. «Ma ie vuleva aiutare. Sei tu che buttato a terra…»

«Sì, questo è vero. E ha trovato l’acciaio!» ammise, sbattendosi il pugno sul torace. «Spero non si sia fatto nulla. Piuttosto…» s’interruppe improvvisamente, il sorriso sulle sue labbra sfiorì e un incontrovertibile dubbio si agitò nella sua mente. Corrugò la fronte e si guardò i palmi. «Zorex?»

«Se?»

«Dove diavolo è la pergamena?»

«Pergamela?» provò a ripetere lui.

«Mannaggia, la nostra missione!»

«Cercare questa?» il gigante si chinò e raccolse la lettera.

«Da’ qua, che sei pericoloso!» Drok gliela tolse dalle mani e per un momento si lasciò catturare da un piccolo particolare. «Strano, questo simbolo sulla ceralacca non l’avevo proprio notato…» dichiarò sommessamente.

«Non la aprire?» domandò il gigante, distogliendolo dalla sua riflessione

Il nano la ripose nello zaino. Raramente accettava incarichi al buio, mandati il cui scopo sarebbe stato svelato solo una volta letta la missiva. Tutta quella riservatezza lo mandava in bestia, ma il compenso per tale compito era a dir poco esorbitante. Inoltre, doveva fare i conti con le spese: sia lui che Zorex mangiavano più di due draghi, e la carne in quella stagione aveva raggiunto prezzi alquanto eccedenti.

«Certo, ma non adesso» sostenne Drok. «Chi ci ha affidato questa lettera è stato chiaro: dobbiamo leggerla in un luogo sicuro e appartato, lontano da sguardi indiscreti.»

«In locande?»

Drok lo soppesò. In tutta risposta annuì, prima lentamente, poi a più riprese. «Sì, sì, penso sia proprio un’ottima idea. Ogni tanto vedi che ragioni?»

I due si allontanarono dalla piazza, ma non andarono lontano, solo fino a un bivio dove si trovava una taverna odorosa di fumo e dall’aspetto poco rassicurante. Entrarono nella sala, quasi vuota se non si contavano alcuni mercanti intenti a consumare un pranzo tardivo, e occuparono un tavolo. Fu solo dopo aver divorato una consistente grigliata di carne e tracannato diversi boccali di birra, che Drok decise di tirare fuori la pergamena. Quando staccò il sigillo e iniziò a leggerla, la sua espressione di colpo mutò: dapprima le sopracciglia s’incresparono, i suoi occhi divennero due minuscole fessure; poi si lisciò la barba e arricciò le labbra nel vano tentativo di assumere un’aria da intellettuale.

L’esclamazione che seguì fu piuttosto eloquente.

«Per tutte le mannaie conficcate nel lurido fondoschiena di un orcotroll zoppo, e questo cosa diamine vorrebbe dire?»

Zorex, che stava ancora mangiucchiando la sua carne, lo guardò incuriosito.

«Si tratta di un invito, un invito a un ricevimento da parte di un certo…» Drok aguzzò la vista «Renchell.»

«Invite? E cosa duvere fare? Mangiare?»

Il nano sprofondò in un lungo silenzio, stava riflettendo come di rado capitava. Anche se preferiva risolvere problemi e controversie più con l’ascia che con il cervello, era possessore di un’altra arma… letale, precisa ed efficiente tanto quanto la sua ineguagliabile forza: l’intelligenza. Pensare nel suo caso voleva dire trovare sempre le soluzioni confacenti a qualsiasi incertezza o dilemma. Esattamente come in quel caso. Gli bastò analizzare i fatti e trarre le uniche conclusioni possibili.

«I nobili Fargano… l’invito…» cominciò a rimuginare tra sé e sé «il ricevimento… il palazzo di corte… Renchell… sfere più influenti del Regno…» si fermò qualche secondo, tenendo lo sguardo fisso sulla pergamena. «I Fargano… il ricevimento… i nobili…» ripeté sottovoce, fin quando i suoi occhi non brillarono di rinnovata scoperta e la sua voce non aumentò di colpo. «Ma certo! Come ho fatto a non pensarci prima. I Fargano… siamo noi i Fargano!»

Il gigante si voltò a fissarlo con un’aria alquanto perplessa. Di poche cose era certo nella sua epica esistenza, ma del fatto di chiamarsi Zorex non aveva alcun dubbio.

«Ma noi non essere Zorex e Drokke?»

«No, da oggi in poi saremo i Fargano. Anzi, i nobili Fargano!»

«Drokke, a me però piacere di più nome Zorex.»

Il nano alzò la mano e tirò fuori l’indice, segno che stava per dare vita a un’intricata spiegazione. «Ascoltami bene, testa quadrata. Ci hanno affidato un incarico al buio, con scopi strettamente segreti, per un motivo ben preciso: prendere parte a una missione sotto copertura!» dichiarò, sbattendo il pugno sul tavolo. «Quello che dobbiamo fare a questo punto è semplice, o almeno in parte: trovare un sarto, farci fare dei vestiti su misura e diventare i signori Fargano!»

«Con vestiti nuovi diventare altre persone?»

«Zuccone! Dobbiamo mescolarci ai nobili, capisci? Sono certo che una volta giunti al palazzo di questo Renchell, scopriremo chi ci ha ingaggiati e quale gravoso compito vorrà affidarci!»

Il gigante scosse la testa, quasi incredulo, e ammirò il compagno dall’alto della sua saggezza. «Drokke, io essere allipite. Tua intelligenza è grande come quella di un drake!»

*

Atisnuur, nona alba di Rubicon

Scesi dalla carrozza, la prima cosa che Zorex e Drok fecero fu stiracchiarsi a dovere. Il viaggio, oltre a essere stato lungo e costoso, era risultato più stancante del previsto. Colpa in buona parte del nuovo abbigliamento, tanto attillato quanto scomodo. Vestivano un doublet color vinaccio e una camicia con uno jabot di pizzo che s’intonava alla perfezione con i pantaloni scuri. Drok aveva lavato, lisciato e sistemato la barba dopo eoni, mentre Zorex si era limitato a rasare il viso e a legare all’indietro i capelli. Per cercare di confondersi al meglio con le alte sfere della società, ed emanare quanta più autorità possibile, il nano aveva ben pensato di aggiungere a entrambi un cappello ornato da una piuma di airone.

Quando imboccarono il sentiero che serpeggiava fino all’ingresso della tenuta, i due rimasero a bocca aperta. Il palazzo di Renchell non era così imponente, ma era di una bellezza impressionante: sorgeva in maniera pittoresca nel cuore di un giardino sempreverde fatto prevalentemente di abeti, con spruzzate di elleboro e magnolia, ed era circondato da alte e spesse mura ricoperte di edera.

«Incantevole, non è vero?» disse una voce alle loro spalle.

Si trattava di un uomo sulla trentina, in cui l’unica eccentricità erano i folti e ribelli capelli corvini. Per il resto aveva un aspetto impeccabile, ancorché deliberatamente poco appariscente nel suo raffinato abito scuro. Le fossette, la barba incolta, gli occhi scuri e penetranti, lo rendevano poi ancor più affascinante.

Accanto a lui si stagliavano silenziose due figure, altrettanto distinte ed eleganti.

«Vogliate perdonare l’intromissione» riprese, sfoggiando un sorriso cordiale. Tese loro la mano e aggiunse: «Il mio nome è Daniel, Daniel Eddy Wey.»

Serie: Sussurri dalla locanda - Le cronache di Zorex e Drok - Seconda stagione
  • Episodio 1: Ritorno alla Dimora dei sussurri
  • Episodio 2: I nobili Drok e Zorex – Atto I
  • Avete messo Mi Piace6 apprezzamentiPubblicato in LibriCK

    Commenti

    1. Riccardo Maltese

      È davvero un introduzione fantastica, il fato, come poterlo descrivere meglio di così?
      Mi è piaciuto tantissimo l’ambiente descritto, e l’incontro tra Zorex , Drok e il messaggero , spassoso!
      Ovviamente colpisce l’intelligenza inaspettata del nano… In quale guaio stanno per cacciarsi?
      Scelgo il seguito B , se sono ancora in tempo!

      Complimenti ancora, sei davvero bravo Giuseppe!

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Ciao Riki, ti ringrazio molto per questo commento e per la tua immancabile partecipazione. 🙂 Sì, diciamo che il nano a modo suo è intelligente! Ahahahah Capace di trovare un senso a una missione che non esiste. Ma… chissà! 🙂 Vada allora per la scelta B! 🙂

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Grazieeeee! ❤️ Sempre epici loro due… sempre! Curiosa di rivedere Alo e Grouch? Allora vada per la B! 🙂

    2. Andrea Bindella

      Un inizio fantastico!! 😁
      Si prospetta un’altra avventura mooooolto divertente 🎉🎉🎉

      Scelgo la B, quel tipo con le orecchie a punta mi ricorda un elfo e sono curioso 🤔

      Grazie Giuseppe!!! Non vedo l’ora di leggere il prossimo libriCK. 😄

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Caro Andrea, mi sa proprio di sì! Buona parte dei prossimi atti sarà tutta volta alle risate. Riesci già a immaginarti un Zorex seduto a tavola insieme a degli aristocratici? Ahahaha
        Vada per il seguito B… chissà se rivedremo in azione Alo e Grouch. 🙂 Grazie mille per il tuo contributo e le tue graditissime parole. 🙂

      2. Eleonora Aprile

        L’introduzione è a dir poco filosofica e avvolgente. Ecco perché continui a leggere il resto con tanta curiosità. Complimenti! Scelgo la C!

      3. Giuseppe Gallato Post author

        Ciao Noretta, contento che l’episodio sia stato di tuo gradimento. 😊 Ti ringrazio per il commento e prendo atto del tuo voto: vada per la C! 😊

    3. Debora Aprile

      Basta leggere l’incipit per lasciarsi stregare completamente da questo episodio. Un’introduzione filosofica (elemento che, fortunatamente, non manca mai nei tuoi scritti ❤) che progressivamente lascia spazio alla pura comicità. Infatti, quando si tratta di questi due “nobilissimi” personaggi è veramente difficile riuscire a trattenere le risate perché, consapevoli o meno, Zorex e Drok sono sempre pronti a combinare qualche pasticcio! 😂
      Inutile ripeterlo, ma ammettiamolo… quante povere donzelle stanno subendo il fascino di Daniel Eddy Wey leggendo questa serie? 😍😍😍
      Stavolta riuscire a scegliere è quasi impossibile dato che tutti i personaggi proposti mi incuriosiscono parecchio. Però mi piacerebbe particolarmente scoprire che ruolo potrebbero ricoprire il Crepa Ossa e l’Incantamare, quindi la scelta ricade sulla proposta C!
      Attendo il seguito 😘

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Commenti come i tuoi, sempre approfonditi e carichi di curiosità, mi fanno amare alla follia questa mia passione! GRAZIE! ❤
        Questa volta mi sono voluto giocare la carte dell’incipit filosofico, ma ci sono diversi motivi alla base di questa scelta, vedrai. 🙂 Li hai definiti proprio bene: al termine di questi quattro atti scopriremo come un Zorex e un Drok sono cento volte più “nobili” dei fantomatici nobili che incontreranno! Sul fatto poi che Daniel sia possessore di un certo fascino, non c’è dubbio! 🙂
        E sì, la scelta da fare è davvero difficile. Tutti i personaggi meritano, ma io confido che prima o poi li incontreremo e conosceremo tutti. 🙂 Vada allora per la C! Ancora mille grazie, Debby! 🙂

    4. Daniele Agosta

      Era ora che qualcuno mettesse alla luce il vero potere di Drok. L’intelligenza.. E come sempre quando Drok é “intelligente” Zorex lo diventa pure… L’episodio parla chiaro. Altro che azione o combattimento qui stiamo parlando di un punto superiore all’asino.. Detto ciò e come sempre non ci possono essere sbavature né altro. Un capitolo meraviglioso che apre a chi sa che casini. Bravo il mio Zorex. Scelgo il B

      1. Giuseppe Gallato Post author

        “Io allipite, Drokke. Visto quanto è intelligente nostre amiche?” Ahahaha
        Esatto, a dettare i ritmi in questo episodio non sarà tanto l’azione, quanto l’intelligenza e la saggezza dei nostri due eroi. Ergo… è la fine! 🙂 Ne vedremo ancora di cotte e di crude, fidati!
        Amicone mio, come sempre ti ringrazio per i tuoi commenti; il tuo supporto è fondamentale!
        Ordunque la tua scelta ricade su Alo e Grouch? E sia! 🙂

    5. Tiziano Pitisci

      Scelta difficilissima ma direi C: Andrea/Vanessa.
      Le descrizioni epiche e accurate fanno da degno sfondo a questa serie game che oltre al sapore dell’avventura ha un sottofondo di divertimento. Al prossimo episodio 🙂

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Grande! Che bello avere anche te a bordo in questa epicissima avventura. 🙂 Ti ringrazio per il commento e per la tua scelta, sicuramente non facile. Scelta C? E sia… altro punto per i personaggi di Vanessa e Andrea. 😉

      1. Giuseppe Gallato Post author

        A cosa servono queste bambole voodoo? Ahhahaha 🙂 Bene, bene, alla fine di sei deciso per la scelta B. E sia! Grazie mille. 🙂

    6. Alessandro Ricci

      Ah un nuovo episodio finalmente, lo aspettavo. Bellissima la digressione sul destino che arricchisce il brano e ci mostra le tue grandi qualità di scrittore, pari a quelle da narratore.
      Il duo di protagonisti è spassoso come sempre e da il via a quanto pare a una epica commedia degli errori.
      Votare è molto difficile stavolta in quanto conosco e apprezzo molti dei tuoi ospiti, voto C per una mera questione di nomenclatura.

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Ciao Alessandro e grazie per il tuo bel commento… mi fa onore! 🙂 Ormai anche tu conosci molto bene questo duo, tanto epico quanto disastroso. Ne vedremo delle belle! Votare questa volta è più difficile del previsto proprio perché si tratta di fare una scelta al “buio”: mi sono limitato a dare una piccolissima traccia sui personaggi attraverso i soprannomi, lasciando al lettore – per adesso – il gusto di immaginarsi i loro caratteri, le loro abilità, ecc.
        Ma alla fine sei riuscito anche tu a deciderti. E scelta C sia. 🙂

    7. Salvatore Di Stefano

      La sola intro merita la lettura di quest’episodio, sublime a dir poco.
      Abbandonata questa si entra più nel dettaglio del racconto, come sempre descritto magistralmente. Zorex e Drok ormai li conosciamo tutti, sono garanzia di risate e disastri e anche stavolta si sono superati!
      La mia scelta ricade sulla lettera C, sono i due accompagnatori che mi incuriosiscono maggiormente.

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Salvo, sei sempre molto gentile. 🙂 Volevo iniziare con una breve parentesi sul destino proprio per dare una traccia al lettore su cosa aspettarsi questa volta con Zorex e Drok. Ovviamente disastri! 🙂 Vada allora per la scelta C! Ancora mille grazie, collega! 😉

    8. Antonino Trovato

      Carissimo Giuseppe, episodio davvero divertente, ricco di colori e profumi, e le scene descritte sembrano muoversi, vibrare nell’aria arricchita da odori e immagini come sempre impeccabili e facili da visualizzare: un altro piccolo diamante! Inoltre è apprezzabile il tuo sempreverde legame con la filosofia: i primi versi ne sono la prova, la tua rappresentazione del fato è suggestiva e profonda, che contrasta piacevolmente con il clima comico. L’abbigliamento di Drok e Zorex è fantastico, ce li vedo proprio😂, e i loro dialoghi sono sempre esilaranti! Daniel? Si un figo, mi ricorda vagamente un famoso tastierista😂😂😂 no beh, la sua figaggine sta sicuramente in poteri non ancora mostrati! Beh, bando alle ciance, non voglio votare per me stesso, ovviamente, e quindi voterò B! Un caro abbraccio e complimenti come sempre😁!

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Caro Antonino, i tuoi approfonditi commenti mi lasciano sempre piacevolmente “allipite” (cit.)! Ahahahah 🙂 Hai detto bene sull’incipit: volevo iniziare con un piccolo accenno filosofico, se così possiamo definirlo. 🙂 Daniel? Beh, adesso possiamo dire che “è stato anche qui”! Ricordi la famosa frase, giusto? 🙂
        Dunque, anche tu hai decretato l’ardua sentenza: punto per Alo e Grouch, Scelta B!
        Grazie mille, amicone mio! 🙂

    9. Micol Fusca

      Ciao Giuseppe, come promesso eccomi qui dopo una buona notte di sonno 😂 Gli “attacchi” delle strampalate avventure dei tuoi eroi mi strappano sempre una risata, non vedo l’ora di sapere a quali disavventure andranno incontro dopo lo scambio della missiva. Per quanto riguarda il sogno di stanotte ricordo un corvo e la protagonista del film Ralph Spaccatutto (che nella mia mente malata somiglia a Vanessa per il visino simpatico). Ora…. Corvo o strega? Alla fine scelgo C, perché non conosco nessuno dei due eletti e sono curiosa di sapere di loro.

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Ciao Micol! La notte porta consiglio, come si suol dire. 🙂 Vada allora per la scelta C!
        Le disavventure a cui andranno incontro Zorex e Drok questa volta saranno davvero al limite del tragicomico. Ci sarà tanto da ridere, ma anche tanto su cui riflettere.
        Grazie mille, come sempre, per il tuo prezioso contributo e i tuoi commenti! 🙂

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Claudio, ti ringrazio tantissimo! Già, Zorex e Drok sono una combo micidiale. Presto li conoscerai, fidati! 🙂 Vada per la scelta A. Grazie ancora. 🙂

    10. Dario Pezzotti

      Che nell’episodio! Divertente, come pochi. Cavolo, voglio Zorex e Drok al Quirinale.😎😃
      Carissimo Giuseppe, meriti tutta la fortuna di questo mondo come scrittore (e pure quella degli altri mondi!)

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Mitico, i tuoi apprezzamenti valgono moltissimo! Non smetterò mai di ringraziarti, sia perché non manchi mai di seguire tutte le mie “follie” e sia per concedermi l’onore di usare i tuoi personaggi. Grazie infinite!
        Sì, questo episodio (più degli altri) è piuttosto divertente… credo lo sarà anche il prossimo! Ahahaha. Vedremo.
        Ps. Per la scelta? Ti avviso (minaccia), non vale astenersi! 🙂

    11. Vanessa

      😲 Daniel Eddy Way, detto lo gnocco. Ma a parte l’affascinante presentazione… Io adoro Zorex e Drok. 😂😂😂😂 La parte in cui Zorex dice a Drok che è ellipito per la sua intelligenza… Adorabili.

      Sceglierei tutti e 3 i seguiti. Ma non posso farlo, quindi dico A. GRAZIE MILLE 🖤

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Ahahaha… detto lo gnocco! Ahahaha 🙂 Contento che il prima atto ti abbia strappato qualche bella risata! D’altronde lo scopo era proprio questo! 🙂 Zorex e Drok sono formidabili, nulla da obiettare, ma ti assicuro che più avanti andremo più ne combineranno di cotte e di crude! Grazie mille per il commento e per il tuo personaggio! Chissà chi salterà fuori.
        A proposito, questa volta sei la prima a votare e… scegli la A! Primo punto assegnato. 😉

    12. Giuseppe Gallato Post author

      Sì, lo ammetto, questa volta la scelta da fare è davvero difficile! Per farla breve… chi saranno gli accompagnatori di Daniel Eddy Wey in questa epica avventura?

      Scelta A:
      Enedor, il Cacciatore (di @danieleparolisi)
      Lydia Kyreas, Ultima Nota (di @antoninotrovato)

      Scelta B:
      Alo, la Bestia (di @micol_fusca)
      Grouch, il Ballerino (di @dariopez)

      Scelta C:
      Neigmor, Crepa Ossa (di @andreabindella)
      Mackenna Ledesma, Incantamare (di @vanessacornacchia)

      Un ringraziamento doveroso va fatto ai mitici autori che mi hanno gentilmente “concesso” (a breve termine) i loro personaggi! Chissà come andrà a finire questa volta! 🙂

      1. Daniele Parolisi

        Hahahahahaha bellissima puntata. Ci vuole veramente abilità a creare dialoghi coerenti al personaggio tontolone di Zorex. Complimenti! È stata una piacevole lettura notturna. Mi astengo dal voto essendo di parte.

      2. Giuseppe Gallato Post author

        Mi fa piacere che sia stata così gradita. 🙂 Effettivamente non è facile fa “dialogare” Zorex! Ahahaha. Ti ringrazio per il commento e i complimenti, che non manchi mai di dedicarmi!
        Per il voto ti avviso, non vale astenersi! Detto tutto con tono minaccioso alla Drok! 🙂 Aahhahaha