Il senso di un pensiero

Mi trovavo in una bella baita fra le colline novaresi, del Piemonte. Il tempo era mite e una sensazione di mi diceva di camminare a ritroso nel tempo e vedevo la mia vita come in un film e mi ero soffermata in un ricordo.

Ricordo; la mia famiglia con la quale abbiamo fatto molto insieme. Mentre ricordavo mi sono detta di accendere una candela e dato che il camino non lo si poteva accendere perchè era Estate, precisamente nel mezzo di luglio, potevo sentire il profumo di vaniglia che emanava con la luce brillante e scintillante del fuoco. 

Osservavo la fiamma mentre si illuminava e mi riscaldava il viso e un altro ricordo da bambina e mi piaceva giocare con le ombre alla luce di un piccola fiamma. “Osservare…” Mi ripetei per ben due volte a bassa voce e sì adoravo fare i discorsi silenziosi con me stessa.

Quando osservo qualcosa che mi piace in modo particolare e provo un certo stupore nel guardare un oggetto o una persona per un paio di minuti, sento il bisogno di fantasticare con la mia immaginazione  e giocare con il pensiero.

L’odore inebriante della candela mi stuzzicava di non soffermarmi troppo su questo elemento, così, ho deciso di passare a guardare fuori dalla finestra e il cielo era rosso per via del tramonto e il punto da dove guardo è pazzesco! 

Le sere d’estate della mia gioventù le trascorrevo in compagnia di altre persone e mentre adesso mi accompagna nella serata il Silenzio, la Solitudine, la Nostalgia, e qualche Pensiero con un Ricordo.

Mi manca mamma e le mie sorelle, le mie nipoti e mio padre!

La mia famiglia è enorme, ma sono distante per una scelta basata sullo sfizio di un capriccio di una dipendenza tanto desiderata che poi si è manifestata in una cosa del tutto poco piacevole. Un virus invade le città: il Corona – Virus! Uccide. Silenzioso, ma c’è.

Non vedo l’ora di riconciliarci e bere insieme il nettare degli dei.

Fine. 

Avete messo Mi Piace1 apprezzamentoPubblicato in Narrativa

Letture correlate

Discussioni

  1. Ciao Vanessa, la solitudine ha davvero molte facce. Odiata quando auto imposta, desiderata quando si è in cerca del nostro centro.