Il tredicesimo eletto – Atto finale

Serie: Sussurri dalla locanda - Le cronache di Zorex e Drok

Sotterranei di Nambuk

La terra e le pareti di roccia tremarono, si udì un tonfo assordante provenire dai piani alti. Seguirono delle urla disumane e un boato di voci che all’unisono inneggiavano alla morte.

«Hybris, cosa succede? È opera tua?» chiese il padre.

Già, voleva saperlo pure lei. «Seguimi, e senza fiatare!» tagliò corto, mentre lasciavano il traforo di pietra delle segrete per l’anticamera che li avrebbe condotti all’uscita.

Una corsa contro il tempo che non durò molto.

Proprio quando stavano per salire le scale, diversi uomini armati sbucarono dall’atrio e bloccarono tutti gli ingressi. Un’azione congiunta che si era consumata nel volgere di pochi secondi. La ladra non aveva dubbi, li stavano aspettando.

Quasi a dare voce ai suoi pensieri, fece il suo ingresso l’Esaminatore: un uomo dai capelli grigi, con la carnagione pallida come il lino e gli occhi scuri.

«Finalmente ho il piacere di incontrarti, mia cara Hybris» esordì il signore di Nambuk. «Credi non ti avrei riconosciuta? Tuo padre mi ha parlato molto di te e delle tue straordinarie capacità, sono sicuro che avremo modo di conoscerci meglio.»

«Lasciala stare, lurido macellaio!» le grida dell’uomo erano un misto di paura e rabbia.

Sul volto dell’Esaminatore comparve un ghigno. «Una predica che viene dall’alto!» Si rivolse alla ragazza. «Certo, bisogna essere folli a rischiare la vita per un verme del genere. E io che pensavo ti fossi intrufolata nei sotterranei per la tanto ambita Ampolla dell’Eternità» dichiarò, stringendo il ciondolo che portava al collo.

La ragazza digrignò i denti e si guardò intorno. Gli accessi erano stati bloccati, fuggire senza combattere era impossibile. D’altro canto, ingaggiare una lotta era fuori questione: si trovavano accerchiati da ben quattordici sentinelle, tutte armate di alabarda.

Era finita.

***

Piani superiori, Arena degli eletti

Mentre i tamburi esplodevano in un ritmo sempre più potente e incalzante, Zorex emerse dalle macerie. Sgomento, il pubblico si placò alla vista del berserker che scostava i massi con una facilità impressionante. Faceva rabbrividire.

Drok serrò la stretta sull’elsa, richiamò tutto il suo potere arcano e caricò come poche volte aveva osato fare. Ma qualcosa lo portò a desistere subito: Auri giaceva inerme proprio nella loro traiettoria, non molto lontano dal gigante. E lui sapeva molto bene che la mente del berserker era un deserto vuoto, totalmente priva di discernimento. Avrebbe maciullato qualsiasi cosa al suo passaggio. Il nano non poteva lasciare le spoglie del giovane in balia della sua furia omicida. Voleva dire disonorarne la memoria. Per cui agì d’istinto e cambiò obiettivo: abbandonò l’arma e si scagliò a tutta velocità sul corpo esanime.

Con gli occhi iniettati di follia sanguinaria, il gigante si avventò su di lui con un unico poderoso balzo. Drok riuscì a scansarsi giusto in tempo, trascinando con sé Auri.

Ma i problemi erano appena iniziati.

Zorex adesso si ergeva imponente al centro dell’arena, pronto ad attaccare una seconda volta. Di contro, il nano era disarmato e privo di difese.

Qualcuno però cambiò inaspettatamente le sorti dello scontro.

«Ehi bestione, perché non te la prendi un po’ con me!» Le grida di Nevil infiammarono di colpo il pubblico. Il guerriero comparve alle sue spalle, armato di spadone. «Sono qui, fatti sotto! Avanti!»

Il gigante si voltò di scatto, puntando uno sguardo gelido su di lui.

«Nevil, non puoi affrontarlo!» urlò Drok. «Vattene via!»

Dal pilastro di granito, chiuso in gabbia, Gil Gal arrivò alla stessa conclusione. Nella sua vita aveva usato il suo occhio arcano su innumerevoli individui, e mai aveva determinato una capacità combattiva così elevata. Se il Codice Entità di Brandispadone si aggirava intorno ai trenta, quello del gigante superava i duecento. Non aveva mai visto una cosa del genere.

Zorex non attaccò diretto il suo avversario, si limitò a sollevare un macigno fin sopra la testa e a scagliarglielo contro. Nevil, forte di un fisico asciutto e ben allenato, lo schivò senza problemi tuffandosi di lato. Quando si rimise in guardia, però, vide con orrore il berserker correre su di lui con una ferocia spaventosa.

Il veterano era riuscito nel suo intento, allontanarlo da Drok. Ma ora era lui a essere in pericolo.

Intervenne allora Gil Gal. Lo sciamano protese le mani verso il campo di battaglia, un istante dopo dalla sabbia sbucarono delle radici giallastre: strisciando come serpi del deserto, si attorcigliarono alle gambe di Zorex, facendolo crollare a terra.

Approfittando della situazione, Nevil abbandonò lo spadone e raggiunse l’ascia bipenne del nano.

«Drok, tieniti pronto!» gridò. Quindi impugnò l’arma con entrambe le mani, vorticò tre volte su se stesso e infine, con tutta l’energia che fremeva nelle sue vene, la scagliò verso il guerriero runico.

Il nano non se lo fece ripetere due volte. Ancora in possesso del potere arcano che aveva richiamato in precedenza, si rialzò, diede due ampie falcate e, sfruttando come punto d’appoggio un masso, spiccò un salto verso l’arma. L’afferrò a mezz’aria, e con una sorprendente torsione delle spalle vibrò su Zorex un colpo di inaudita potenza, così devastante da distruggere il lastricato sotto i suoi piedi. Il pavimento dell’arena cedette, divorandolo nei sotterranei di Nambuk.

Il gigante non perse subito i sensi, gli ci vollero altri nove secondi. Con la vista offuscata dal sangue, emerse dalle macerie e abbrancò la prima cosa che si trovò a tiro. Man mano che il buio perpetuo in cui era stata confinata la sua ragione si dissolveva, percepì qualcosa… le voci straziate di un uomo e la sua linfa cremisi insudiciargli il viso.

Con gli occhi sgranati dallo stupore, Hybris vide Zorex staccare la testa all’Esaminatore con la sola stretta delle mani, per poi scaraventarla contro la parete: il cranio esplose in schizzi di materia grigia e frammenti di ossa. Il ciondolo con l’ampolla che l’uomo portava al collo le volò proprio sotto i piedi.

Il gigante lasciò il resto del cadavere e si guardò i palmi insanguinati. Caracollò in avanti, i muscoli divennero pesanti e le orbite si ribaltarono.

Finché non calò l’oscurità.

***

Tre giorni dopo, Santuario di Dauwer’El

Dalla torre il sacerdote Mora osservava il mare perdersi nel grigiore di un cielo cosparso di nubi.

«Chissà dove saranno in questo momento» disse. «Spero lontani e in salvo.»

«Se non per loro, almeno per gli altri» aggiunse Hybris alle sue spalle.

«Mi è dispiaciuto vederli ripartire così in fretta, ma Drok aveva il timore che Zorex si potesse risvegliare in stato di berserk. Quei due sono folli, strani, singolari, ma tra gli uomini più giusti che abbia mai conosciuto.»

La ragazza annuì. «Seppur fortuito, se non fosse stato per il loro intervento con molta probabilità sarei rimasta confinata nelle prigioni di Nambuk.»

L’uomo scosse la testa, sulle sue labbra comparve un sorriso. «È il loro destino, salvare in modo inconsapevole e incondizionato. Per i deboli, gli oppressi e i giusti ideali non si tirano mai indietro. Si sacrificano sempre, sono veri eroi!» si voltò e soppesò Hybris. «Esattamente come te» aggiunse.

Lei sostenne il suo sguardo. «Ho solo rispettato l’accordo tra le parti in causa.»

«Sia come sia, non smetterò mai di ringraziarti per avermi donato l’Ampolla dell’Eternità.»

«Dovevo dare seguito a una promessa, spero tu farai lo stesso.»

«Presteremo a tuo padre la migliore delle ospitalità. Cosa che potremmo riservare anche a te…»

«Mi basta sapere questo, che lui sia al sicuro» ribatté la ragazza. «Con me non lo sarebbe per niente. E poi non posso fermarmi, ho questioni urgenti che mi attendono. Ma chissà, un giorno potrei anche ritornare…»

All’improvviso nella camera entrò un accolito in tutta fretta, il viso agitato era madido di sudore. «Signore, ci siamo!»

Rimasta sola nella stanza, Hybris volse gli occhi oltre la finestra. Il suono delle acque la riportò indietro, nel momento esatto in cui Zorex, prima di perdere i sensi, aveva massacrato l’Esaminatore. Nella confusione generale, era sbucato Drok con il cadavere di un ragazzo sulle spalle. Grazie all’aiuto del guerriero, riuscì a mettere fuori combattimento le sentinelle rimaste e a uscire dalle prigioni prima dell’arrivo dei rinforzi. Ben presto si era ritrovata a scappare da Nambuk portando con sé il corpo di Auri, seguita da un padre sempre più sconvolto e da un nano infervorato che trascinava il gigante.

Giunti al molo, presero il largo su un’imbarcazione che li avrebbe condotti al santuario di Dauwer’El. Fu lì che si raccontarono, svelando i motivi della loro partecipazione al torneo. E quando accadde, Hybris confessò di avere con sé quello che Drok cercava. Poi l’accordo, la promessa.

Un’onda furiosa si abbatté sulla scogliera, la ladra rinsavì e scrutò l’orizzonte. Il mare la stava chiamando, era arrivato il momento di uscire di scena.

Il silenzio nella stanza regnava sovrano, tutti attendevano il risveglio di Auri. Il giovane aveva un’espressione beata, il cuore batteva e il respiro era regolare: le ferite mortali al collo e al petto si erano rimarginate miracolosamente dopo l’assunzione del siero magico.

Quando aprì le palpebre, posò lo sguardo sul volto solcato dalle lacrime di Mora. Inginocchiato al suo fianco, il vecchio si avvicinò per sentire le sue prime parole dopo quei giorni vissuti nel limbo.

«Ho… fallito… perdonami…» biascicò.

Mora lo abbracciò, gli diede un bacio sulla fronte e, con la voce rotta dall’emozione, finalmente riuscì a parlare. «No. Figliolo, non devi chiedere perdono. L’amore e la speranza non falliscono mai.»

Serie: Sussurri dalla locanda - Le cronache di Zorex e Drok
  • Episodio 1: La Dimora dei sussurri
  • Episodio 2: Come conquistare una donna – Atto I
  • Episodio 3: Come conquistare una donna – Atto II
  • Episodio 4: Come conquistare una donna – Atto III
  • Episodio 5: Come conquistare una donna – Atto finale
  • Episodio 6: Una nuova avventura
  • Episodio 7: Il tredicesimo eletto – Atto I
  • Episodio 8: Il tredicesimo eletto – Atto II
  • Episodio 9: Il tredicesimo eletto – Atto III
  • Episodio 10: Il tredicesimo eletto – Atto finale
  • Avete messo Mi Piace6 apprezzamentiPubblicato in LibriCK

    Commenti

    1. Fantino Benedetto

      Allora un applauso per le scene di lotta, sempre vivide e dinamiche. La scelta dei nomi come Brandispadone rimandano al genio tolkeniano. Non è facile in poche battute creare una storia così complessa e svilupparla senza lasciare buchi narrativi. Veramente complimenti. Personalmente spero in uno sviluppo maggiore del personaggio che tu sai (uno scontro tra geni 😂).
      Per quanto riguarda5la copertina io dico B

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Mitico Fabio, le tue parole mi riempiono d’orgoglio! Contento che le scene di azione ti siano piaciute, così come la scelta dei nomi, ma lo sono ancor più per la questione trama: era necessario concludere la storia proprio con il personaggio scelto dai lettori nel corso del primo atto, altrimenti non avrebbe avuto molto senso. Eh sì, non è stata facile, ma in qualche modo pare ci sia riuscito. 🙂
        Il personaggio di cui parli, Tamm, potremmo incontrarlo nella prossima stagione. Attenzione! 🙂
        Vada per la copertina B. Grazie ancora per il tuo importante contributo!

    2. Isabella Sguazzardi

      Ciao Giuseppe,
      finalmente sono riuscita a leggere i vostri racconti e devo dire che la scena nell’arena sembrava quasi al rallentatore, tipo i film di gladiatori. Post me decisamente la copertina A, quest’ascia così dominante mi piace proprio 😁

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Ciao Isabella! Sì, l’intento era quello: cercare di immergere il lettore in uno scenario simile a quello che hai descritto. 🙂 Dunque per te merita la copertina A? Eh sia! Grazie mille per il commento e il tuo contributo. 🙂

    3. Daniele Agosta

      Finalmente riesco a trovare un lasso di tempo adeguato da dedicarti. Allora partiamo subito:
      Una storia che spacca i cu.i Una superiorità tale da definire i personaggi leggende a priori dal fatto che lo sono sompre stati. Come sempre Zorex mi da da fare e ovviamente Drok deve darsi da fare per “risolvere”… Ma alla fine tutto è bene ciò che finisce bene… (a parte la testa esplosa)…. Allora i personaggi che hanno accompagnato i nostri eroi sono stupendi. E conoscendoli vi posso assicurare che sono fantastici.. Gilgal in questa versione merita tantissimo.. Nella veste di un demonologo era più preoccupante…. Hahaha. Cmq tutto lode e gloria al vero artefice di tutto. Il mio fratellone Giuseppe che è riuscito a rendere e farti vivere queste leggende con scene mozzafiato epicissime e senza dubbio incalzanti alla grande. Un grazie infinito. Io scelgo la A. A me le asce piacciono.. Hahaha

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Ahahahaha, tu che scegli la A? Chissà perchè!!! 🙂
        Ti ringrazio per le belle parole e per non smettere mai di seguirmi in tutte le mie folli avventure. Il gigante e il nano sono un’accoppiata esplosiva, in tutti i sensi a quanto pare! Che Zorex sia un combinaguai non c’è dubbio, la sua fortuna è avere accanto un altro pazzo scatenato di nome Drok! Nella prossima stagione li conosceremo ancor più, sia direttamente e sia attraverso gli altri personaggi che, a poco a poco, si “mostrano”. Eroi come Gil Gal e Nevil ne incontreremo ancora e chissà… potrebbero anche ritornare. Dipende dalle scelte! 🙂

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Ti ringrazio! Sì, a breve arriveranno nuove avventure, promesso! 🙂 Molto bene, un punto per la copertina A!

    4. Daniele Parolisi

      Finalmente riesco a leggerti. Vorrei dire tanto su questo episodio ma le parole sono troppo piccole per poter esprimere l’esperienza che hai saputo offrire in questo viaggio nel tuo mondo fantasioso. Ho adorato e odiato( in senso buono naturalmente) i tuoi personaggi come fossero veri ed ora non posso che sentire già un certo vuoto, come salutare un amico che parte via e non si sa quando tornerà. È stato un bel modo di chiudere questa prima stagione. Per il sondaggio il mio cuore dice A (troppo figa) ma qualcosa nel mio subconscio grida “La C!” e poi il gatto da un tocco di classe XD

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Eccoti qua! 🙂 I personaggi di questa prima stagione, Zorex e Drok a parte, hanno preso sempre più spazio nella mia mente: alcuni, con forza, hanno attratto più di altri, hanno fatto sognare, ridere ed esultare. Ma l’avventura non finisce qua, no di certo! Ben presto i nostri combina guai ritorneranno. 🙂
        Ti ringrazio per tutte le belle parole che non hai mai smesso di spendere nei miei confronti, spero di regalarti altre emozioni con la prossima stagione. 🙂
        Quindi se ho capito bene… la tua scelta ricade sulla copertina C, giusto? 🙂

    5. Gil Gal

      La copertina C, indubbiamente. Anche la A la trovavo fantastica….ma la C..mi riporta ai tempi delle sessioni di D&G e Warhammer,alle atmosfere della saga di Dragonlance: La locanda dove gli eroi, i bardi ,i maghi e i guerrieri si incontrano. Vicino al fuoco, su pavimenti di legno scricchiolanti , rumori di boccali e le note dei cantastorie . Dove prendono vita i sogni di gloria e le saghe epiche. Il posto adatto per personaggi come Drok e Zorex, che senza saperlo,sono già entrati nella leggenda! Lo svolgimento dell’azione durante il torneo è stato sensazionale e Gil Gal ha ricevuto tutta la mia ammirazione (come anche gli altri).Non vedo una fine per queste storie…solo un grandioso e promettente inizio. I complimenti sono più che meritati e ovviamente, vorrei saperne di più, per questo ci ritroveremo ancora nella locanda, vi attenderò vicino al fuoco,,,se la locanda sarà ancora in piedi! ehehhe

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Grande! La locanda dove i gruppi si incontravano per bere due sorsi e raccontarsi, viversi! Su Drok e Zorex c’è ancora tanto da dire e da scoprire, gli “altarini” verranno fuori nella prossima stagione. 🙂 Sui personaggi incontrati in questa seria – quali Nevil, Tamm, Gil Gal -, con molta probabilità ritorneranno: contento di sapere che siano piaciuti così tanto, anche se si è trattata di una semplice “comparsa”. 🙂
        Vada allora per a copertina C! E grazie mille, amicone mio, come sempre! 🙂

    6. Micol Fusca

      Ciao Giuseppe, non sai quanto invidio la tua bravura nel descrivere scene d’azione. Immergi il lettore direttamente nell’arena, facendolo gioire e sussultare assieme agli eroi. Desidero ascoltare altri “sussurri” seduta alla Locanda dei Sospiri e per questo scelgo la copertina A (non fosse altro per il micio in bella vista che mostra le terga ) 🙂
      Una curiosità, questa serie diventerà libro? Lo chiedo perché ho notato il marchio nel lato inferiore delle copertine che ci hai proposto.

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Ciao Micol, contento che abbia trovato le parti di lotta soddisfacenti. 🙂 Ascolterai storie fino alla terza stagione, questo è poco ma sicuro! Penso che al termine delle tre stagioni cercherò una casa editrice vogliosa, si spera, di pubblicare Sussurri dalla locanda (escludo l’autopubblicazione). Le copertine sono a titolo esemplificativo, il logo che vedi è formato dalle lettere di Edizioni Open (dopo aver passato il permesso al grande capo, s’intende).
        Per la scelta della copertina mi è sembrato di capire che sei interessata alla C e non alla A, giusto?

    7. Eleonora Aprile

      Che bel finale di stagione! L’azione è sempre più palpante e ti trascina in un vortice furibondo in cui hai solo voglia di capire cosa succederà l’istante dopo. Complimenti!
      Ero indecisa tra la copertina B o C, ma scelgo la B in quanto ha catturato la mia attenzione subito!

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Grazie tante, Nora! Mi fa piacere che il finale sia stato di tuo gradimento e che abbia trovato l’azione bella seria. 🙂 Copertina con la locanda fluttuante? Vada per l’immagine B! 🙂

    8. Debora Aprile

      L’attesa è stata più lunga del previsto, ma ne è valsa la pena. Il finale di stagione è stato il coronamento di una fantastica avventura.
      Se con “Come conquistare una donna” avevi sottolineato i tratti più tamarri e ironici dei due nobili Drok e Zorek, senza tralasciare affatto la componente eroica, ne “Il Tredicesimo eletto” quest’ultima emerge maggiormente dando un ulteriore rilievo alle loro singolari personalità.
      In questo episodio la tensione è stata veramente alta… vedere Zorex in stato di berserk contro il suo fidato amico Drok mi ha fatto pensare al peggio, fortunatamente l’ira del nostro bestione (dal cuore tenero, in fondo 😍) si è scagliata contro qualcuno di più meritevole donandoci momenti di assoluta goduria!
      Sai alla perfezione quanto io possa amare l’azione, i combattimenti, il sangue, ma sai anche quanto mi piacciano le parti più commoventi e, come diciamo noi, “sentimentalose” 😂. Infatti le ultime righe le ho amate alla follia e mi sono sciolta leggendole!
      Per quanto riguarda la scelta della prossima copertina, inizialmente ero convintissima di scegliere la A, dato che mi ha catturato sin dal primo sguardo. D’altro canto, spero vivamente che i personaggi della locanda vengano approfonditi nella prossima stagione, Luxor compreso, e nella copertina C mi pare di vederlo… in più, quest’ultima è quella che rappresenta meglio la serie, nella sua totalità. Perciò, la mia scelta ricade sull’immagine C!
      Grazie ancora per i meravigliosi scritti che ci regali. ❤

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Deb, mettendo a confronto i due racconti hai parlato di un aspetto molto importante della serie: man mano che andremo avanti, racconto dopo racconto, scopriremo sempre più cose di Zorex e Drok. Anzi, ancora non abbiamo visto nulla! 🙂 Ne “Il Tredicesimo eletto” sono emersi i poteri arcani, due personaggi di rilievo come Gil Gal e Nevil, la questione “nano runico” e la straordinaria forza/pericolosità del berserker.
        Ti è piaciuto il combattimento finale? Non avevo dubbi! Ahahahaha 🙂 Tuttavia, la più difficile delle prove è stata concludere il racconto dando un senso a tutta la vicenda e, soprattutto, all’ingresso di Hybris (personaggi votato dai lettori). E per questa ultima questione, devo ringraziare te e la tua idea “collanosa”. 🙂
        Sulla copertina avrei anch’io molti dubbi, ma vedo che alla fine sei riuscita a deciderti. Vada per la copertina con Luxor!
        Grazie a me? No, no, grazie a te! Uno di quei grazie che non si possono capire! 🙂

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Grazie, Riki. Anche se la scelta decretata nel precedente episodio non prevedeva il coinvolgimento di Nevil e Gil Gal, ho voluto comunque renderli partecipe. Anche se per poco, giusto un ringraziamento per la loro fantastica partecipazione! Già, a quanto pare Zorex fa perdere la testa a tutti! 🙂

    9. Vanessa

      Partiamo dalle copertine… Uhm. Sono indecisa… Tra forza e mistero. A o C. Credo sceglierò la C. Mi sembra di sentire il profumo di una zuppa calda e il piacevole suono di una ballata medievale se guardo quella copertina. Inoltre sa di magia. E credo sia perfetta per rappresentare entrambi i personaggi. Giuseppe che dire… Questo finale non mi ha per nulla delusa. Sai quanto mi piaccia Zorex, quindi non vedo l’ora di leggere del suo risveglio e di vedere un confronto con Drok, altro fantastico personaggio. Sono sicura che entrambi hanno ancora moltissimo da raccontare. Inoltre ci sono i due tipi della locanda ad incuriosirmi… Ti faccio i miei complimenti, per tutto. Per la storia, per l’idea di interagire attivamente con i lettori includendoli nella scelta dei vari ed eventuali scenari. Ti faccio i complimenti perché hai creato un nell’universo, di quelli fantasy che piacciono tantissimo a me 😍

      Ps: Zorex incazzoso fa ansia. Ho avuto paura per Drok o.o non fare scherzetti.. che se Zorex si incavola è un attimo e disintegra tutti.

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Ciao Vanessa! I tuoi stessi commenti sembrano delle dolci favole… con quel “profumo di zuppa calda e il piacevole suono di una ballata”. Che dirti se non GRAZIE! Sei tra le lettrici che, al di là dello stile e della scrittura in sé, si sono lasciate trascinare dai personaggi, dalle storie, tenendo un occhio di riguardo a Daniel e Ron nella locanda.
        Hai ragione, la curiosità di scoprire cosa farà Drok al risveglio di Zorex è tanta, ma adesso il lettore sa cosa accade se il gigante si imbestialisce. Man mano scopriremo sempre più su di loro… e i motivi di questi racconti!
        Altro punto per la copertina C! Grazie ancora e a presto! 🙂

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Grazie mille, sister! 🙂 Sì, sì, li ritroveremo presto… in una seconda stagione ancora più epica! Copertina con il gattone anche per te!

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Ciao Elena, questa volta non avevo dubbi su dove sarebbe ricaduta la tua scelta. 🙂 Spero allora di riuscire a intrattenerti ancora con i due epici combinaguai. Grazie! 🙂

    10. Dario Pezzotti

      Caro Giuseppe, come sai descrivere l’azione tu…un po’ invidio questa tua capacità. Invidia sana, naturalmente.
      Non vedo l’ora di ritrovare il gigante e il nano, e ascoltare altri sussurri provenienti dalla locanda.😊
      Per la copertina scelgo opzione C.

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Ciao Dario, ti ringrazio. L’azione in uno scritto per me è sacrosanta: come mi piace ritrovarla nei libri che leggo mi piace congegnarla nelle mie storie. Ma credo che la particolarità di questi racconti non risieda tanto nella parte action, tanto nel fatto di chiudere le storie con dei messaggi secchi che non appartengono a Drok o Zorex, ma ad altri personaggi. Questo almeno è il mio intento.
        Vada per l’opzione C. Grazie! 🙂

    11. Salvatore Di Stefano

      Allora, inizio dalla fine con la scelta della copertina. Scelta che ricade sull’opzione “C” avendo fatto una comparazione fra il titolo dell’opera e le 3 immagini a disposizione fra cui poter scegliere.
      Detto questo, ci tenevo a ringraziare l’amico Giuseppe per le emozioni che ci ha regalato con questi suoi racconti superbi, che personalmente hanno suscitato una marea di sensazioni diverse trascinandomi con la fantasia all’interno di questi mondi. Infine una inevitabile nota di merito alla chicca di poter scegliere finali, antefatti e quant’altro.
      Attendo con sincera trepidazione i tuoi prossimi lavori, un abbraccio!

      1. Giuseppe Gallato Post author

        Ciao Salvo, che posso dirti? Un grazie non basta! Sei tra i lettori che mi seguono sempre, SEMPRE! Questo per me vuol dire moltissimo. 🙂 L’idea di dare la possibilità ai lettori di scegliere il seguito, di mettere “mano” alla storia, non è nata per caso: è una cosa che volevo fare da tanto tempo. @edizioniopen mi ha offerto questa occasione!
        Ogni qualvolta hai detto la tua su una scelta, hai sempre tenuto conto di tutti gli elementi e ponderato molto bene. Stessa cosa per la copertina. Punto per la C! 🙂
        Grazie ancora e a presto! 🙂

    12. Antonino Trovato

      Giuseppe, che dire, sono io, da lettore, a ringraziare te per questa meravigliosa serie che ha il sapore di proseguire in una lunga saga. Non mi stancherò mai di leggere le avventure di Drok e Zorex, mi hai fatto vivere grandi emozioni e sensazioni, una serie vibrante, epica, a tratti divertente, a tratti pronta a strappare qualche lacrima, anche di gioia, perché è quello che si prova quando si sta leggendo qualcosa di speciale. Il tuo stile è semplice, ma sofisticato al tempo stesso, e la cura per i particolari non ha mai sottratto spazio ai mirabolanti scontri con cui ci hai deliziato. E per finire la tua idea, fantastica, di far partecipare tutti noi alla costruzione della storia, un particolare che su EO ti rende davvero unico. Grazie davvero😊! Oh, dimenticavo la scelta… be’, la scelta A mi piace ti più, mi richiama proprio l’epicità dei tuoi due avventurieri! Spero di poterti rileggere presto, un caro saluto😁!

      1. Giuseppe Gallato Post author

        “Per chiunque conosca uno scrittore, non sottovalutate mai l’importanza del vostro incoraggiamento”, scrive spesso Matthew Reilly alla fine dei suoi romanzi. Questo per ritornare a ringraziare chi come te non smette mai di sostenermi, di donarmi energia e tanta voglia di continuare a scrivere.
        Questa serie era iniziata per “gioco”, ma episodio dopo episodio si è tramutata in qualcos’altro: Zorex e Drok, così come tutti gli altri personaggi, stanno prendendo sempre più forza, più forma nella mia mente. Non posso far altro che continuare a raccontare le loro avventure!
        Sullo stile, in realtà è ben diverso dal mio “originale” (vedi Incantesimi con tutti i suoi risvolti psicologici/filosofici), ma per il fantasy classico mi piace usare una narrazione veloce e immediata per arrivare subito al lettore. 🙂
        Per la scelta questo volta sei tu ad aprire le danze, e la tua decisione è ricaduta sulla copertina A!
        Grazie ancora, a presto! 🙂

    13. Giuseppe Gallato Post author

      La prima stagione termina qua, ma presto Zorex e Drok ritorneranno con altre fantamirabolanti avventure. Per adesso lasciatevi sedurre con un caloroso e sentito GRAZIE! Grazie per avermi seguito con così tanta partecipazione, grazie per aver riso e scherzato insieme a me di Zorex e Drok, grazie per aver creduto in questa serie, grazie per aver creduto in me. E infine, grazie per le vostre scelte… in fondo in fondo questa storia l’abbiamo scritta un po’ tutti!

      E adesso? Posso lasciarvi così? Certo che no! Sotto con le decisioni!
      Quale sarà l’immagine di copertina della prossima stagione?

      Scadenza? Indefinita! (Non appena uscirà il primo episodio della nuova serie) 🙂