Devi accedere log in o pubblicare sulla bacheca di questo utente

  • L’odore e il sapore della tequila sembrano essere l’unica cosa in grado di anestetizzarmi, ormai non comprendo più se sia io a vivere la mia vita o lei a vivere me e io devo scegliere quale ho intenzione di segu […]

  • La pioggia scrosciava forte sul tetto di lamiera mentre la luce delle stelle filtrava pallida tra le nubi, il rumore entrava prepotente nelle orecchie senza lasciare spazio agli altri, importantissimi in quel […]

  • Ventinove anni fa…“Sei proprio un pollo Little Rob!” Chuck Morrison rise e sferrò un calcio sulla schiena del ragazzino rannicchiato in terra, il quale emise un gemito soffocato. “Che fai ancora lì? Alzati […]

  • Katy si mosse lentamente, nel tentativo di non svegliare Joy. Dormiva steso su un fianco, vicino al bordo del letto: la mano tesa era posata sul suo ventre.
    Dopo l’arrivo di Juana, Katy aveva iniziato a p […]

    • Finalmente torna Joy, il più figo. Bello vedere la complessità dei suoi sentimenti attraverso i colori che utilizza per dipingere. Micol come sempre ha delle soluzioni narrative molto interessanti. Non dico altro per evitare di ripetermi 🙂

      • Ciao Alessandro. Ormai si è capito che in questo arco narrativo Joy è il mio personaggio preferito 😀
        Per ora ha dato il “meglio” di sé… ma non è ancora detto che la sua natura non emerga nei prossimi episodi.

    • Joi è veramente un personaggio molto interessante.
      Il passaggio che mi ha più colpito e che ritengo, forse, centrale in questo episodio è il seguente: “«Voi umani siete complicati. Sentite la necessità di dare un nome a tutto. I sentimenti non si possono dipingere. Ho provato a farlo ed è impossibile.»
      Una di quelle frasi da condividere sui social con scritto “cit Micol Fusca”.

      • Ciao Raffele, credo che le parole che ho affidato a Joy contengano una grande verità. E’ impossibile “dipingere” i sentimenti.

    • Ciao Micol, che bello questo episodio, mi è piaciuto davvero! Questo dialogo, questo rapporto tra Katy e Joy è significativo in tutte le sue parti, offre vari spunti di riflessione. Credo che persino il medesimo sentimento possa avere “colori” diversi, come l’amore. Ma si può amare in modi diversi senza per questo essere “diverso”. Stare bene con una persona o con tante non fa differenza, siamo noi che cerchiamo in tutti i modi di dividere e differenziare e i nomi da noi usati sono un goffo tentativo di categorizzare il mondo, comprese le categorie del nostro essere. Purtroppo è una nostra necessità! Joy dice bene, siamo troppo complicati! Una volta di più, la tua predilizione per Joy è evidente, ed io non posso essere d’accordo con te😁! Ci siamo quasi e, patatine a parte, succederà di certo qualcosa in questo finale di stagione😁😁😁!

      • Non posso CHE essere d’accordo con te… 😂😂😂

      • Ciao Tonino, le Pringles sopravviveranno all’olocausto 😀
        Ne sono sicura. A parte le facezie, Joy ha ragione. Siamo troppo complicati, spesso e volentieri dei misteri per noi stessi. Si approssima il finale di stagione che, spero, chiuderà con il botto 😀

  • Il rumore sordo del motore dell’astronave l’avrebbe portata al suicidio, Ripley ne era certa; la stanza tre metri per tre non consentiva di distogliere troppo l’attenzione vista la mobilia scarna: un letto e un ce […]

    • Episodio accattivante, non vedo l’ora che Ripley arrivi a destinazione per sapere che succederà. Al prossimo episodio.

    • Ciao Alessandro. Uno scorcio interessante, a mio parere troppo breve;) Voglio conoscere qualcosa in più di Ripley e, perché no, del suo rapporto con Occhio Freddo. Oramai il tuo misterioso comprimario (?) mi si è piantato in testa come un chiodo.

  • Il ricordo di quei giorni era tanto dolce, quanto doloroso. Quei giorni trascorsi ad amarsi, senza pensare a null’altro, tralasciando i rischi e le conseguenze. Sofia credeva di esserseli ormai lasciati alle s […]

    • Racconto interessante e ben scritto. Bello il parallelismo sui due diversi tipi d’amore. All’inizio pensavo che la protagonista fosse Sofia, invece poi si entra nei pensieri di Claudio che forse ha rinunciato a un brivido per avere una sicurezza. Oppure per maturare, con un figlio. Spero di non averlo banalizzato.
      Complimenti 👍

  • Tu, alzati, devi venire via con me.Chi sei?Non ha importanza questo. Io e te adesso usciamo da qui tranquillamente, senza dare nell’occhio.Dimmi solo se la tua arma è blu o rossa.Blu.Come mai, allora sei da so […]

  • Resia, più di tutti, aveva visto quanto gli avvenimenti recenti avessero profondamente sconvolto Lady Bloom. Nessuno le era stato vicino quanto lei e nessuno si era dimostrato un’osservatrice migliore di una pe […]

    • Ciao Simona. L’ottava regola/comandamento offre uno scenario complesso. L’intento di Resia si ritorcerà contro di lei? Il silenzio e il dolore di Mya la feriranno più della frusta che l’ha colpita? Se dovessi rispondere a questa domanda, direi con sicurezza di sì: a volte i sentimenti sono un’arma devastante. Continuo a dire che, in questo momento, la tua serie è una delle mie preferite 😀

      • Ciao Micol,
        Resia è una persona incredibilmente legate alle regole. Il suo conflitto è tutto qui, seguire gli ordini o fare ciò che è giusto?
        Vedrai!
        Grazie sempre e alla prossima!
        S.

  • Guilliman soffiò sul bordo della tazza colma di caffè bollente e diede un’occhiata alla stanza degli interrogatori, attraverso il grande vetro della minuscola sala attigua. Solitamente lui si trovava sempre dal […]

    • Ciao Daniele, che sorpresa! Un vero colpo di scena finale 😀
      Pensavo che la serie si fosse conclusa con il 10 episodio ed ecco che oggi ne trovo un altro! La chiusura del cerchio è perfetta e mi chiedo quali incubi attendono il detective. Temo che Alex tornerà a fargli visita. Detto questo, attendo la prossima serie 😉

    • Ciao Micol, grazie mille! La seconda stagione sta arrivando… Il povero Guilliman non sa cosa lo aspetta!!! Grazie ancora e a presto!

  • «Novità?»
    Roger scosse il capo. «No, sono ancora qui.»
    Una settimana prima erano comparsi dei balordi. Si erano addentrati nel quartiere alla ricerca di cibo, tentando di entrare nell’officina. Avevano notato […]

    • L’episodio parte con dei cannibali che vogliono fare lo spezzatino con l’allegra combriccola: una situazione ansiogena se per empatia ci si immedesima nei tuoi personaggi e nel mentre ti domandi: come ne usciranno i nostri eroi? Per fortuna arriva la cavalleria o meglio; gli indiani.
      Che Dio salvi l’America? Che Dio salvi tutti.
      Alla prossima puntata.

      • Ciao Raffaele. In questa serie, hanno tutti fame
        Anch’io ho pensato “arrivano gli indiani”: e per fortuna!

    • Ciao Raffaele. In questa serie, hanno tutti fame 😀
      Anch’io ho pensato “arrivano gli indiani”: e per fortuna!

    • Ciao Micol, perdona il mio terribile ritardo😅😅😅! Episodio dove la costante tensione mi tende per mano sino ad immedesimarmi nella situazione: perdere o non perdere la propria umanità. Questo è il grande dilemma in situazioni disperate come quelle da te descritte. Qui si chiariscono alcune cose, come il perché vengono chiamati “maiali”, inoltre la vicenda inizia a collegarsi ancora di più con la tua serie parallela il Dio Solo😁! Bello il modo di descrivere Joy… lo rende unico! Al prossimo episodio!

      • Ciao Tonino, sono felice che questo “avvicinamento” a Il Dio Solo inizi a palesarsi. Questa serie è nata per dare voce, un’identità, ai suoi personaggi secondari. Mentre scrivevo di loro mi chiedevo chi fossero ed ora ho avuto la possibilità di dedicare al Branco uno spazio. La strada è ancora lunga prima di giungere in biblioteca, i collegamenti ancora tanti. Ormai è palese che Joy è uno dei miei personaggi preferiti 😀

    • Come sempre i tuoi personaggi sono numerosi, tutti diversi e molto ben distinguibile, ognuno con un suo carattere e una sua “voce”, non capisco come tu ci riesca. Roger è uno dei miei nuovi preferiti 🙂

      • Ciao Alessandro, sono felice che il mio intento sia compreso. Quando si scrive di un gruppo, la paura è quella di fare dei personaggi fotocopia che interagiscono uno con l’altro. Un po’, forse, è così anche nella mia serie. Ho cercato di dare loro un background diverso e un diverso carattere: sono davvero contento di essere riuscita a farlo 😀

  • Guardate questo breve filmato. Quale storia vi ispira?

    Come sono finiti a letto questi due giovani amanti? Li lega solo la passione o anche un sentimento? Può esisetre una linea di demarcazione netta tra […]

  • 16 febbraioSono stata nuovamente al Purgatorio fisico, Caronte è il mio traghettatore. Come posso non amarlo? Vorrei affidarmi totalmente a lui per poter liberare le anime che mi porto dietro.Una in particolare, […]

  • Carica di più

Marta Borroni

Foto del profilo di Marta Borroni

@martaborroni91

attivo 1 mese, 1 settimana fa
scrittore