Edizioni Open

LibriCK Edizioni Open  COME FUNZIONA

SERIELibriCK in evidenza

© 2018  Edizioni Open – Regolamento Chi siamo

  • Paragrafo primo.
    Le guerre si susseguirono in un incessante prolungarsi di sofferenza. Religione, potere e denaro, il sangue inondò le strade del mondo rimanendo impresso negli sguardi degli innocenti infanti. […]

  • La brina scintillava ricami argentati tra i fili d’erba, giocando tra riflessi concessi o celati dalla diafana luna: un tondo armonioso e sazio, costellato da veli nuvolosi e magiche foschie grigiastre. Nonostante […]

    • Ciao Noemi, del tuo LibriCK ho apprezzato la direzione decisa verso una dimensione di accoglienza in cui la passione e la sintonia offrono un riparo rassicurante dal rumore e dalle insidie del mondo esterno. Spesso siamo strattonati da due pulsioni: una che induce a fuggire verso panorami da esplorare ed una che vuole certezze e punti fermi. A volte una delle due forze prevale, come in questa storia, in cui hai saputo descrivere bene il trasporto di chi sente di voler restare (almeno per un po’) al sicuro.

      • Ciao! Sono felice che ti sia piaciuta la scena e che ti abbia trasmesso queste sensazioni, nonostante la brevità del testo, era proprio il messaggio che volevo far emergere. Ti ringrazio per le belle parole spese per il mio racconto!

    • Grazie a te per averlo scritto e condiviso 😃

    • Descrizioni intrise di complicità ed Eros. Davvero interessante nonostante la brevità del racconto

  • Dramma in poesia.Atto nono:”Desiderio”.Fu la vicinanza al suo sguardo a farle capire chi fosse Janice. Il suo sguardo oramai vuoto. Era così dunque che Limone decise di punire Jack, facendolo divenire Janice. La […]

    • Allora, come già detto è una serie ricca di personaggi, di risvolti, di colpi di scena. Una storia di atrocità subite, drammatica come preannunciato dal titolo, e molto complessanda gestire sotto forma di racconti brevi. Mi piace davvero la trama di fondo e la storia in sè; mi piace un po’ meno il modo sintetico e frettoloso in cui è stata raccontata. Inoltre la presenza di dialoghi avrebbe certamente aiutato a dare voce e caratterizzare i personaggi. Bellisima l’idea di fondo, bisognerebbe lavorare sulla forma. Nel complesso peró bella e devastante, alcune scene sono di fortissimo impatto.

      • Magari per la prossima storia potrei lavorare di più sui dialoghi e scriverla con calma.
        Felicissimo di vedere che ti sia piaciuta la storia
        Comunque ci si avvicina alla fine di Dramma in poesia e spero ti piacerà.
        Mancano solo tre atti

  • Mi chiedevo dove fosse finito quel lampione nella notte. E’ tornata all’improvviso l’immagine a scaldarmi. Ed io a sentire dalle viscere. Una strada buia e solo quella luce in lontananza… Ovviamente è autun […]

  • Una fredda tardo-sera fine ottobrina di due decenni fa, GP (mia madre) decide di botto che il 2 novembre è imminente e che è necessario:
    a) verificare il corretto funzionamento dei lumini sulle tombe dei parenti s […]

  • A metà settembre mi sento sempre un po così. A metà settembre si tirano le somme di tutto quello che è stato fatto durante l’anno, perché per me l’inizio dell’anno non è l’1 gennaio, ma settembre. Mi rincu […]

  • Il sole splendeva alto in cielo irradiando i volti gioiosi dei bambini, accompagnati dai genitori, e dei giovanotti che rincorrevano qualche ragazza per il luna park. Le giostre si alzavano maestose e […]

  • Fari come occhi felini che squarciano la notte. Violenti. Impietosi.
    Mamma. Dio non esiste, vero?
    Il lucido e gelido metallo travolge l’innocente. Le gomme dell’auto stridono, come un pianto privo di lac […]

    • Ciao Dario! Come avevi già preannunciato, questo mendicante non promette nulla di buono! L’atmosfera descritta è molto lugubre, data soprattutto dalle vicende “realistiche” descritte: “E ancora camminano, nella notte afosa, nella luce artificiale; passano accanto all’ennesima prostituta impegnata nella difficile impresa di masturbare un vecchio barbuto. Il grinzoso batacchio penzola tristemente, ma poco importa: la puttana si è già intascata i due soldi che le spettano e al vecchiaccio non resterà altro che andarsene con le pive nel sacco.”
      Passi molto significativi capaci di creare la giusta immersione, capaci di tuffare inevitabilmente il lettore negli oscuri meandri della trama… o meglio dire… della tua mente!
      E niente… attendo impaziente il prossimo episodio! 🙂

      • Grazie Giuseppe! Nel prossimo episodio non mancheranno le sorprese e, forse, qualcuno riuscirà ad assaporare il primo dei sette bicchieri di bourbon che danno il titolo alla serie…Tu non hai sete? Ahahah

  • Non posso farcela.Me lo ripeto ogni sera, prima di infilarmi nel letto e lasciare che la mente vaghi verso le strade che più gradisce. Non posso farcela.Il soffitto si fa più vicino, la stanchezza accumulata s […]

  • CAPITOLO 1 – INTRODUZIONE

    Quella che vi voglio raccontare non è una storia di paura, seppure vi sia come protagonista una strana creatura che molti chiamano offensivamente mostro. Io sono un ragazzino di 9 […]