Edizioni Open

LibriCK Edizioni Open  COME FUNZIONA

© 2018  Edizioni Open – Regolamento Chi siamo

  • Gli avevano detto che in quella galassia si beveva bene.Trokko, suo amico d’infanzia e suo instancabile compagno di bevute, gli aveva addirittura raccomandato un bar in cui ti versavano del liquido verde mela che […]

  • L’acqua solletica i miei seni a poco a poco, pezzi di pelle sodi che sfiorano continuamente la linea retta tra acqua e cielo, apnea di fiato e brividi grinzosi sui capezzoli. Sento le sue mani sulla pelle, un s […]

    • Racconto molto piacevole, non la solita proposta di matrimonio, mi è piaciuto molto. Per gusto personale non amo i troppi aggettivi, credo appesantiscano soprattutto la prima parte. Ci sono un paio di refusi, nel complesso una bella prova. Brava.

    • Grazie @giacomo per avermi letta e commentata 😀
      Contenta che la trama a tuo parere insolita ti abbia colpito.
      Ti dirò, qui scrivo molto ma molto meno prolissamente di quella che è l’abitudine del mio stile, per motivi di spazio e quindi adattamento di stile nella storia.
      C’è chi senza questa parte descrittiva lunga non si sente coinvolto e altri che fanno fatica a ritrovarsi, quindi capisco il tuo punto di vista, per me però è ciò che rappresenta la mia idea di scrittura, proverò comunque a rileggere nuovamente tutto per vederla dal tuo punto di vista e trovare i refusi che mi sono fatta scappare!
      A presto

    • I sentimenti sono il tuo punto forte. Due anime che si incontrano. Bravissima Marta e viva l’amore!😊

      • @dariopez eh, ahimè, sono sentimentale… ma tanto non si erta capito, vero? 😀
        Scherzi a parte, grazie, con questo racconto volevo tornare un poco ai miei racconti d’amore e alla felicità del quando datanti a noi si apre la possibilità del per sempre, quindi sì, viva tutto questo!

    • Questo racconto lascia sulla pelle il sapore dell’amore vero, dico sul serio. Nell’alternarsi dei momenti di intimità assoluta con quelli di allegria tra la gente, nel trasgredire amandosi in segreto come due adolescenti nel luogo meno opportuno, giocando e ridendosela insieme del mondo! E, alla fine, nel farsi una promessa da soli, davanti al brillare delle stelle. Le stelle, proprio loro! Che cosa c’è di più eterno? Bravissima Marta, io tra l’altro adoro il romanticismo 🙂

      • Cara @isabella che bello sapere che oltre alle impressioni, un racconto posso lasciarti anche il sapore!
        Mi piace il fatto che tu abbia colto tutti i lati del racconto, l’amore segreto anche se ufficiale, il per sempre privato che ha lo stesso valore di quello pubblico e che però necessita anche di quest’ultimo per compiersi ancora più fondo, il lato segreto e trasgressivo di ognuno di noi, sorretto anche dalla voglia di prendersi l’impegno, semplicemente ridendo insieme.
        Mi piace anche il fatto delle associare le stelle all’eterno e che quindi la promesse davanti a loro prende ancora più spessore, io non ci avevo pensato così a fondo.
        Volevo tornare al mio lato d’amore perchè anche io adoro il romanticismo, siamo donne, cosa possiamo farci? 😀

  • Come mille farfalle in volo, come tante stelle colorate, le parole che ogni giorno leggeva per lei era oro colato, il profumo dei libri per lei era come un tocco magico d’un bambino che impara a volare da solo, […]

    • Complimenti bellissimo racconto 👍👏

    • Grazie Laura

    • Un raccomyo stupendo davvero 🔝🔝🔝

    • La storia ha del potenziale per essere un bel racconto thriller o giallo, dipende dal taglio che gli si vuole dare. La narrazione è molto “raccontata” e, di conseguenza, più che un racconto vero e proprio sembra un po’ una bozza di trama. Tutto viene spiegato nella timeline della fabula, non c’è un intreccio particolare, e di conseguenza è difficile emozionarsi, sebbene ripeto l’idea alla base potrebbe funzionare per un thriller/giallo. Tutti i misteri compaiono e poi subito svelati. Potrebbe essere utile, partendo da questa trama, ideare un intreccio più interessante, stravolgere un po’ il corso degli eventi, non spiegare tutto e subito, ma farlo emergere piano piano, a piccole dosi. E magari anche un uso più appropriato dello show don’t tell, soprattutto nei momenti cruciali, potrebbe aiutare a far palpitare di più il lettore. Occhio alla punteggiatura e a qualche refuso. A rileggerci, con piacere.

      • Grazie per la tua attenzione nella lettura. Grazie per il tuo commento. Sì hai ragione viene svelato tutto subito, ma ha disposizione ci sono un numero ristretto di battute e dove essere un unico racconto con inizio e fine, ho dovuto attebermi a quello. Ho provato a correggere i refusi ma mi si blocca e non salva le modifiche. A rileggerci presto. Un caro saluto

    • Ciao Gianna, piacere di ritrovarti!
      Anche io come @massimotivoli penso, almeno a mio parere, che la punteggiatura vada un pò riallineata per dare maggiore scorrevolezza e perchè no, suspense, al racconto che effettivamente può sembrare quasi lo “scheletro” base per una storia più lunga, la trama c’è tutta, complimenti per la fantasia, continua a sviluppare sempre di più queste tue idee!

      • Grazie lieta d’avere queste critiche al mio dire costruttive perchè io nasco poetessa e il mondo della narrativa mi è entrata dentro da poco e voglio coltivarla e accrescerla con voi che mi date consigli e che leggete attentamente tanto da accorgervi di tutto.Grazie ancora

  • “Una montagna di fuoco, viva, cattiva ed evocata per un solo scopo: ucciderci. Osservo i miei compagni, pronti a rischiare la vita pur di diventare leggende. Io no! A me interessa solo soddisfare la mia sete di s […]

  • Dramma in poesia.
    Atto quinto:
    “Frammento di ricordo”
    Oggi.
    La benda le impediva di vedere. L’uomo la fece uscire dal bagagliaio e la portò dentro una casa. La legò al letto con delle catene e le tolse la benda d […]

  • Carica di più