Edizioni Open

SERIE e LibriCK Scelti per Voi

SERIE e LibriCK Edizioni Open Come Funziona

  • Un po’ di spazio tra gli incisivi sarebbe stato meglio o, in alternativa, un premolare mancante –  se avessi evitato di ridere in pubblico, chi mai se ne sarebbe accorto? – e invece, a causa una pesante eredit […]

    • Una storia molto curiosa. Veramente piacevole leggere di questo vampiro ” non convenzionale ” .

    • Grazie Massimo, sono contento che ti sia piaciuto, hai centrato in pieno l’essenza del soggetto e l’impostazione ambivalente della serie. Grazie del bel commento!

    • Grazie Elisa 🙂

    • Bel racconto! Il protagonista è molto simpatico ed è stato molto divertente leggere questo primo capitolo.

    • Mi piace tantissimo questo tuo modo di raccontare che fa l’occhietto al lettore rivelandogli verità che il narratore-protagonista non coglie di se stesso…perché non me è del tutto consapevole. Proprio per questo ancora piu simpatico. Anche perchè non si prende per nulla sul serio. Adorabile

    • Grazie per i sorrisi, mi è piaciuto molto leggerlo e soprattutto bravo per il coraggio nel pubblicarlo! I racconti drammatici, o quelli brutali, sono più facili da condividere perché descrivono una parte distante dall’autore o forse una più condivisibile e accettabile da subito per chi legge (parere personale), ma le battute invece le ha a mente lo scrittore e funzionano, si, ma saranno ridicole agli altri? Come lo leggerà una persona differente da te, che magari non ha la tua stessa ironia? Quindi grazie in primis per il coraggio! Bravo, non sempre ci si riesce! E tu sei uno che le condivide e viene ripagato giustamente con merito e lode! Molto divertente e coinvolgente. Appena posso leggo il resto, ovviamente! Alla prossima

      • Grazie Maria per questo commento meraviglioso e sono davvero felice di averti regalato un sorriso, che alla fine è la gratificazione più grande per me (poco importa se si riesce a entrare in sintonia solo con pochi). Spero continuerai a leggere gli altri epidosi. A presto!

    • Bellissimo racconto, molto particolare!! Bravo, ora leggo i successivi episodi.

    • Bel racconto! Uno stile piacevole e accurato… complimenti

    • Avevo già molto apprezzato il tuo primo racconto e certamente ho ritrovato lo stesso stile, la stessa ironia in quest’altro che ho appena finito di leggere. Leggerò senz’altro, con sommo piacere, gli altri episodi della serie. Ancora una volta complimenti!

      • Grazie Giuseppe, peraltro tra noi, amanti del filone ironico, ci capiamo e ci leggiamo reciprocamente volentieri. A presto!

    • Eheheh! Inquietante e divertente! Bel connubio.
      Continuerò a leggere volentieri gli altri episodi della serie.
      Andrea

    • Mi è veramente piaciuto, soprattutto il modo in cui ha stimolato la mia curiosità, mi sono domandato per tutta la lettura “Ed ora? Andrà qualcosa di inquietante oppure l’opposto?”
      Tipo altalena di emozioni che passa dall’essere inquietante a divertente in un attimo, poi personalmente ho notato che ogni scena fosse in perfetta sintonia con le altre.

      • Grazie @leonardo_ceccarini, mi fa davvero piacere ti sia piaciuto. Sulla sintonia delle scene non ho riflettuto molto, la storia si è scritta da sola. Riguardo l’effetto horror/humor temo sia il retaggio di film tipo “Fracchia contro Dracula” 🙂

    • Letto e…. devo leggere il continuo… per forza…. complimenti. Da leggere col sorriso, forse a volte tremante, sulle labbra. Ed è così che ho scoperto nuovi generi letterari. Mai restare sempre sullo stesso genere di lettura 😉😉😉.

    • Letto, letto tutto d’un fiato, letto con vorace trasporto. Una scrittura eccellente per uno stile capace di travolgere il lettore in questo modus narrativo “serio-ironico” che si alterna. In poche righe sei riuscito a condensare, in maniera efficiente, buona parte del background del protagonista. Emergono – almeno per adesso – lati del suo carattere che sono il frutto di un vissuto non proprio facile. Ma i temi chiamati in causa, quali quelli del suicidio e del bullismo, visti tra l’altro nella forma dell’“intelligenza dissimulata”, che valore hanno ai fini della trama? E a questa domanda, ne sorge un’altra: il protagonista è realmente un vampiro?
      Non mi resta che leggere il prossimo episodio!
      Complimenti @tiziano_pitisci, ottimo inizio! 🙂

      • Grazie Giuseppe per questa super analisi così attenta (e non poteva essere altrimenti visto che viene da un occhio allenato), sono contento che la lettura sia risultata fluida e che ti abbia intrattenuto, mi fa davvero piacere. In effetti il filo ironico e il mistero sulla natura “vampiresca” del protagonista rappresentano il filo conduttore dell’intera serie. Grazie davvero per essere passato a leggere 🙂 A presto!

    • La comicità data dalle pennellate di assurdo: ecco quale è il punto forte. Soprattutto se si spesa che siamo di fronte a una narrazione che ha i temi del racconto di fantasia, che nel suo gioco di paradossi si avvicina incredibilmente e alla realtà.

    • Finalmente ho letto il primo episodio di questa serie e devo dire che mi ha colpito particolarmente. Il modo fresco, simpatico e scorrevole fanno appassionare davvero e sono proprio curiosa di sapere come continua perché dalle mie parti c’è veramente un Ponte del Diavolo…. Sarà lo stesso?! 🤔

    • Bene, ringrazio la mia idiosincrasia nel leggere le serie se non quando sono terminate. Succede anche alla tv, non riesco a sopportare l’attesa. La storia mi ha divertita, incuriosita ed ho particolarmente apprezzato lo stile di scrittura che mi ha ricordato quello di Benni, mio mito nell’adolescenza. Ora passo al secondo episodio, al terzo e così via… 🙂

    • Tiziano è molto godibile da leggere, buone idee ed un buon ritmo nella narrazione. Big ups!

    • E’un primo episodio estremamente divertente, ben scritto e sopratutto originale, che si discosta dalla ormai stuprata figura del vampiro alla Twilight. Credo di aver scoperto un nuovo personaggio di cui innamorarmi!

      • Grazie Alessandro, spero leggerai il seguito. Nel frattempo aspetto i nuovi episodi di “Che fine ha fatto Margherita” 🙂

    • Brillante, dialoghi spassosi, mi piace molto. Bravissimo

      • Grazie Silvia, sui dialoghi si gioca sempre una partita delicata, sono contento di sapere che funzionano. A presto.

    • Ciao Tiziano, complimenti, questo primo episodio mi ha fatto venire più di un sorriso. È di grande impatto comico e ironico, ma mi fa anche riflettere, perché dietro la risata, a volte, si cela qualcosa di malinconico… Non mi resta altro che leggere il resto….

      • Ciao Antonio, grazie davvero per i complimenti, fanno molto piacere. Hai colto l’essenza del racconto e del suo stile, ti aspetto ai prossimi episodi 🙂

    • Personaggio particolare che subito cattura l’attenzione e porta nel suo mondo. Il sarcasmo, misto alla malinconia non so perché mi ricorda le pellicole francesi per i modi diretti con cui di solito si propongono. È un capitolo che butta le basi per una storia molto interessante, proseguirò sicuramente! I miei complimenti Tiziano! 😊

    • In questo primo episodio ho notato un protagonista che, come un grande comico, cela la sua malinconia con l’ironia; scatenando nel lettore un sorriso, ma, allo stesso tempo, spunti di riflessione. Complimenti per l’idea!

    • Adoro la comicità del protagonista!

    • Il riso fa veramente buon sangue, adoro questo stile, ironico e surreale, divertente e molti intelligente. Ho colto anche una citazione Leopardiana.
      Veramente una splendida scoperta.
      Complimenti

      • Ciao Alessandro, grazie davvero…l’accostamento a Leopardi mi onora, oltre ad ingobbirmi.

    • Ero sicuro che da queste parti mi sarei fatto anche qualche risata… Quindi adesso mi toccherà leggere tutta la serie! Complimenti Tiziano.

    • Ciao Tiziano, mi è paciuto molto il modo ironico con cui hai trattati la piaga del bullismo, ispirandoti a un personaggio surreale. Dimostrazione di come si possano trattare temi seri con leggerenza e surrealismo ( la scena del suicidio della ragazzina ne è un esempio) senza far perdere di vista il tema principale, lasciando ampi margini di riflessioni sul mondo degli adolescenti e le diversità. Bella anche la scorevolezza del testo. Complimenti.

      • Ciao Massimo, grazie davvero per aver essere passato da queste parti, sono contento che la lettura sia stata piacevole. Si, il bullismo è un fenomeno senza tempo e ci sono tanti molti modi per parlarne, uno di questi e ironizzare. Un caro saluto e a presto!

    • Associare la comicità ai vampiri è un veramente geniale, inoltre quel velo di drammaticità quasi non si percepisce come tale. Complimenti!

  • Dalla cucina proveniva un sibilo lento, affaticato; per le stanze del piano terra si distingueva un vago profumo di spezie dolci, di frutta secca. Il rumore si faceva a poco a poco più netto, ma non forte. […]

    • LibriCK assolutamente originale e, per rimanere fedele al titolo, ridondante nella struttura. Difficile coglierne il senso ad una prima lettura. Prosa raffinata e ricercata, vicina a quella dei grandi narratori descrittivi, anche se l’assenzanza dei dialoghi e del realismo di “Colpevole fino a prova contraria” lo rendono meno scorrevole.

    • L’ho dovuto rileggere almeno un paio di volte. Il finale è originale fino alla “ridondanza”… La brevità del racconto, lo affranca dall’assenza di dialoghi, la descrizione apparentemente lunga è la preparazione della soluzione. La ritualità dei nostri gesti, l’eco delle immagini (e non solo) che ci lasciamo alle spalle…

  • Era caldo, davvero un caldo afoso, torrido, soffocante.Una giornata di Giugno così bollente non l’avevamo mai sentita. Ne io, ne mia sorella Tulip, ne la mia matrigna Theresa. Mio padre era morto d’inverno, […]

    • Bello, mi fa venire in mente un episodio di Dylan Dog – non chiedermi quale, non ricordo- non nella trama, ma nelle atmosfere che sei riuscito a restituire al lettore. Bella l’idea del ponte tra le due dimensioni attraverso il tubo/cappuccio del dentifricio. E comunque, la paura del mostro sotto al letto, credo abbia segnato l’infanzia di tutti noi, è qualcosa si ancestrale.

    • Ma la copertina è realizzata da te?

      • No, è un disegnatore che ho trovato in rete, decisamente bravo.

        • Si, infatti, davvero bravo… Mi permetto di suggerire, a tutti gli scrittori in generale che cercano un’immagine di copertina, il fornitissimo portale http://www.pixabay.com in cui reperire immaginI libere da copyright e utilizzabili gratuitamente anche per usi commerciali. Buona giornata Michele!

    • Devo ammettere che mi ha preso un sacco. Ovvio letto tutto d’un fiato… Magari qualche particolare di troppo e leggermente fuorivante però può avere il suo perché. Per il resto molto bravo, davvero molto bello.

  • C’era un tipo giù al porto che si faceva chiamare Clifford. Io lo conobbi che avevamo più o meno una quindicina d’anni, andavamo insieme a rubare le autoradio dalle macchine parcheggiate sul lungomare, dove quei g […]

    • “è brutta come il peccato” è fantastico, oltre ad essere rappresentativo di una prosa asciutta e di strada. Bello e opprimente; e come molte proiezioni futuristiche, ingiusto. Davvero ben fatto, complimenti!

    • Tiziano grazie! Un lavoro che ho tirato giù appositamente per approcciarmi su questo portale!

    • Complimenti, e poi che succede?

      • Vuoi sapere chi era il colpevole? Quel tipo che si era arruolato nei marines, aveva ammazzato il figlio di Boe per un vecchio conto in sospeso di soldi. Ma non importa, ai fini del contenuto. Il problema è la società spersonalizzante che adotta vigilanti robot che uccidono a casaccio gente ai margini della società per preservare lo status quo.
        Grazie mille per aver letto il mio racconto! 😀

    • Michele, la tua storia ci è piaciuta e abbiamo pensato di darle risalto in prima pagina e nella categoria “Scelti per voi”. Ci auguriamo di leggera altri tuoi LibriCK

      • Grazie a tutti Voi, è un piacere che vi sia piaciuta e che l’abbiate messa in prima pagina! Spero di poter continuare a contribuire ad arricchire questa biblioteca davvero stimolante, e con grande spirito di condivisione.

    • Ciao Michele, il mio commento era scherzoso☺️,le tue storie vanno benissimo così.Semplicemente perfette. Vorrei farti leggere anche io qualcosa,ma sono soltanto un’umile lettrice in attesa del tuo prossimo racconto.buona giornata

  • Sono in coda alla cassa e mi cadono dieci centesimi dalla mano mentre cerco di afferrarne altrettanti dalla tasca dei jeans.

    Il bambino dietro di me, credendosi non visto, li raccoglie con veloce indifferenza […]

  • Il Professor Davide Della Torre, che faceva parte della famosa famiglia della nobiltà lombarda, stava in piedi appoggiato davanti alla sua cattedra. Insegnava Storia dell’ Arte al liceo artistico Leonardo Da Vi […]

    • Stavolta la narrazione, vivace e ricca di azione, si mescola con una brillante conoscenza del mondo dei furti di opere d’arte. Scrittore appassionato e preparato.

    • Buongiorno Tiziano e buon inizio settimana.
      Ti ringrazierò per tutta la mia vita, eternamente, anche dall’ aldila!
      Un abbraccio forte e caloroso, alla prossima.
      Demichelis Domenico in Arte Falco Hawk.

    • Difficile resistere al fascino ammoccante del ladro -e, piú in generale, del male. Bella trama, dalle basi solide per una intera saga. Complimenti Domenico.

  • Scrivere fluttuando. C’è questa specie di corazza che mi protegge intorno come l’esoscheletro di un coleottero, e fuori l’infinito è il respiro buio di miliardi di mondi. Dovreste provarla l’esperienza di un cou […]

  • Luca si sentiva come in una miscela di due stati.
    Nel primo il fuoco che qualcuno aveva acceso tempo prima covava sotto la cenere e, di tanto in tanto, oltre al calore di fondo, lasciava partire brucianti, […]

  • 20 Ottobre 2310

    Le capsule criogene contrassegnate con i simboli Alfa e Beta si aprirono in automatico, così come era stato programmato due secoli e mezzo prima. Vladimiro e Adriano si svegliarono dal gelido […]

    • E adesso, che faccio? Ho scoperto solo oggi la tua serie, sbirciando nei post di Edizioni Open. Sono iscritta da circa un anno e non ho avuto modo di conoscere i tuoi racconti. Ne va la mia sanità mentale, ho “bisogno” di sapere ancora di questo mondo che hai creato con tanta maestria 🙂

    • Scrivi molto bene, in modo “asettico”, pulito.
      Il problema è questo fondo di paura dell’uomo nero, che ti ha motivato nello scenario e che, sinceramente, trovo non bello.
      Parlo proprio di bellezza.
      Per il resto: sei molto, molto bravo.

  • Nel 2033 si verificò un evento gravissimo in America, tale da annientare gli Stati Uniti come superpotenza a livello mondiale. L’esplosione della caldera situata nel sottosuolo del parco di Yellowstone provocò una […]