Edizioni Open

LibriCK Edizioni Open COME FUNZIONA

SERIE e LibriCK Scelti per Voi

SERIE e LibriCK Edizioni Open Come Funziona

© 2019  Edizioni Open – Regolamento Chi siamo

  • Sui rami di Witcham Street, al buio della notte più oscura e quasi maligna, un grande gufo si desta solitario. Il suo lamento è grottesco e tetro. Forse sta cercando qualcosa, vuole te. Torce il collo, le sue  pi […]

    • Ciao Roberta, la tua è una delle più belle favole che ho letto negli ultimi tempi 😄

      • Ciao carissima ♡ sono felice di sentirtelo dire ♡ è uno dei commenti più dolci e belli che abbia mai ricevuto!!!! Adoro le favole dark gotiche

  • Porto di Genova, settembre 1927

    Erano trascorsi sette anni da quando Edmondo si era recato alla Capitaneria di Porto per iscriversi alla categoria della Gente di Mare. Aveva iniziato la sua carriera come mozzo […]

    • Del racconto mi ha parecchio incuriosito il titolo. Bene, adesso so cosa sta a significare 🙂

    • Ciao Kenji, ti ringrazio per avermi seguita fin qui! Nei miei racconti, tralasciando il mio stile a volte troppo triste e nostalgico (non posso farci niente😅proietto in essi ciò che sono), cerco sempre di inserire elementi reali, particolari che abbiano evidenze storiche, o eventi verificatisi davvero. Proprio a tal proposito, ti anticipo che il prossimo episodio sarà interamente dedicato a fatti realmente accaduti (piccolo spoiler😅).
      Nel frattempo mi dedicherò alla lettura della tua serie! Un bacio

  • Ho iniziato a vedere i colori nella mia mente all’età di 35 anni, quando ho iniziato a dipingere quei quadri maledetti. Vedevo le iridescenze spettrali e i contorni nei fiori e nelle foglie che pitturavo senza l […]

  • Sono solo voci, dentro la mia testa. Non è vero niente. Niente. Perché io sono pazzo e quel che racconto non ha valore.
    Eppure talvolta mi sorprende un fastidio. Che non è proprio… fastidio. Insomma, è anche un po […]

    • Ciao Cristina,
      quel “forse” alla fine ha reso l’idea di come potrebbe essere andata la vicenda veramente. Io spero nei Caraibi. Divertente 😊

  • Erano le 11 passate quando lessi il messaggio. Un’ora intera era passata da quell’inascoltata richiesta di aiuto. Non una parola di più. Non potevo sapere ne tanto meno immaginare cosa le fosse successo. Pres […]

    • Ciao Riccardo, in pochi frame hai saputo trasmettermi la giusta tensione, intensità e paura del tuo protagonista. Una breve trama ben architettata a mio parere con una conclusione amara che mi ha piacevolmente sorpreso. Un saluto, alla prossima!

    • Ciao Riccardo, l’idea di base è accattivante e mi ha catturato fino alla conclusione. Mi è piaciuto il ritmo frenetico dell’intera vicenda. Una pillola thriller niente male.

  • Si fregava le mani, si grattava la testa e, ma solo all’interno, scalciava come un animale in gabbia. E in tutto ciò riusciva a tenere un occhio sulla bizzarra creatura che, oltre la vetrina del ristorante di lu […]

  • È passato più di un anno da quei tragici eventi. Ci sono voluti molti mesi di analisi prima ritornare alla vita. Mi sento come se fossi stato partorito una seconda volta. Ero caduto in un limbo dove il passato e […]

    • Ciao Massimo, questa tua serie trasmette un bellissimo messaggio. Mai dare tutto per perso, i tesori più preziosi che possediamo sono la vita e l’amore di chi ci circonda. Tutti meritiamo una seconda possibilità.

    • Ciao Micol, in effetti questo era il messaggio che volevo trasmettere. La vita è costellata da alti e bassi ma nulla è perduto se siamo circondati da persone che ci amano. Un abbraccio e grazie per il commento.

    • Ciao Claudio, i tuoi racconti vanno sempre dritti al cuore e al sentimento di chi legge. Non so se Massimo ha meritato la fine che ha fatto, ma è anche vero che ha raccolto ciò che ha seminato. È di tutto rispetto l’affetto che, nonostante tutto, il tuo protagonista continua a nutrire nei confronti dell’amico. Il messaggio di rinascita, dopo il baratro della colpa, della perdita, è significativo, perché per il tuo protagonista è arrivato il momento di godere dei tesori che ha sempre avuto con sé, e con loro potrà riscrivere una nuova vita senza mai dimenticare quel vecchio amico con cui aveva condiviso un sogno con tanta passione. Una bella serie carica di riflessione, realtà e messaggi importanti da portare sempre con sé. Un saluto Massimo, alla prossima!

      • Ciao Antonino è sempre un piacere leggere i tuoi commenti perché riesci a focalizzare il senso dei miei scritti. Ti ringrazio molto per questo. Un caro saluto e al piacere di leggere un altro dei tuoi racconti,

  • “Massimo, ma che ti sei fumato? Non posso credere che mi stai dicendo queste cose. La discussione finisce qua. La riprenderemo quando sarai tornato in te. Io me ne torno a casa.”
    “Tu non vai da nessuna parte perch […]

  • Ciao,sono un vigile, non mi giudicare.Se ti chiedo la patente, non mi giudicare.Se ti sembro insistente, non mi giudicare.Se sei tu il conducente, non mi giudicare.Se hai fatto un incidente, non mi […]

    • No vabbè, un po’ folle lo sei pure tu!😂
      Trilly Gheparda è una genialata; mi sembrava di vederlo/a mentre si esibiva nel suo balletto.

    • Ciao Maria, voto 10 per l’originalità e le risate che mi hai fatto fare! Un lab condotto davvero in maniera geniale, con la tua proverbiale ironia, e come sempre impeccabile, sembrava anche a me di vedere Trilly ballare, chissà se dirige così il traffico😂😂😂! Un saluto Maria, alla prossima!

    • Ciao Maria, da grande estimatrice di RuPaul posso solo aggiungere una cosa:
      NOW SISSY THAT WALK! 😱

    • Davvero originale! Mi sono divertita a leggerlo. Grazie e complimenti 👏

    • Complimenti.
      Posso dirmi invidiosa, avrei tanto voluto saperlo scrivere io.
      Grazie mille

    • Cari tutti, per i vostri commenti divertiti e per le belle parole spese vi ringrazio infinitamente.

  • Ho una passione per la guida che potrei definire innata, ricordo che da quando avevo dodici anni mi divertivo a far partire il pick-up sgangherato di mio zio con i cavi e poi guidavo giù per la discesa che […]

    • Ciao Alessandro,
      complimenti per la storia: era iniziata in modo soft ed ero lì che aspettavo qualche colpo di scena e il bagagliaio del poliziotto è stata una genialata!!! Bravo 😁

    • Accidenti, che finale! Davvero da restarci secchi 😂
      Complimenti Alessandro. Alla prossima.

    • Ciao Alessandro, era un po’ che non leggevo niente di tuo. Dialoghi forti e trama imprevedibile. La figura del poliziotto ambiguo mi ha sempre affascinato. Inizialmente non capivo perché l’agente usasse un linguaggio così licenzioso, ma i dubbi sono stati spazzati via dal colpo di scena finale.

      • Ciao Tiziano. Sono nel mezzo della stesura del romanzo breve ambientato nello stesso universo di due mie serie qui. Sono occupato ma non ho smesso, non temere!

    • Ciao Alessandro, un finale che mi ha fatto sorridere, ironico davvero! Certo i sospetti sul poliziotto mi son venuti alla prima affermazione, ma non mi aspettavo quel finale! Una trama ben costruita con un linguaggio secco e diretto, mi mancavano i tuoi racconti, bentornato Ale!!

    • Ciao Alessandro, davvero inquietante 😱 Hai ribaltato una situazione da copione inserendo un finale a sopresa che si presta (a mio modo di vedere) a una sola interpretazione. Il poliziotto farà ritorno a casa con altri due cadaveri 😁

  • Carica di più