Edizioni Open

SERIE e LibriCK Scelti per Voi

SERIE e LibriCK Edizioni Open Come Funziona

  • L’ufficio del dottor Roman Lingfield, si trovava al piano seminterrato dell’istituto di medicina legale della città. Il detective Patrick Guilliman si recò dal medico legale in seguito ad una sua chiamata, sugli […]

  • Un passo. Un fremito. Una pausa.Il fucile pesava sulla spalla.La pelliccia del cappuccio riscaldava i suoi pensieri, gli solleticava il mento.Si voltò indietro, a contare gli istanti passati. Aveva gli occhi […]

    • Cavoli, che bello! Ma è ambientato in Siberia? Sulle prime pensavo Nord America, ma leggendo delle yurte suppongo la Siberia. Sbaglio?

  • Quando raggiunsero il piano terra trovarono Frank il Troll ad attenderli accanto a un Maggiolino nuovo fiammante.
    Non era certo un mezzo di trasporto che si vedeva tutti i giorni, specialmente nei bassifondi di […]

    • ““Ti ho preso figlio di Ninfa.””
      😂

    • Questo racconto si discosta un po dal tuo vecchio stile: diciamo che hai cambiato registro o forse è una scelta stilistica: comunque ottimo lavoro.
      Una lettura piacevole e scorrevole con la trama ben costruita.
      Arturo Piccolit come ti ho detto in privato, è uno dei personaggi che mi piace di più: lo immagino una sorta di Dylan Dog come aspetto. A tal proposito, in uno dei prossimi racconti potresti fare una descrizione fisica?
      Da lettore sono molto soddisfatto e attendo il prossimo episodio

      • Ciao Raffale,
        grazie per averlo letto e per il tuo bel commento. Ti dico la verità quando ho pensato di scrivere di un detective del “piccolo popolo” pensavo che sarebbe stato un racconto per ragazzi, sullo stile di “Geronimo Stilton”. Invece Arturo deve aver avuto un moto d’orgoglio, perchè e diventato un clichè noir. Io assecondo sempre i miei personaggi, così ho dovuto cambiare un po’ registro.
        Sono molto contento che ti piaccia comunque.
        Grazie ancora per tutto.

    • Bell’episodio, direi classico. Scorre bene e la vicenda si fa interessante.
      PS Non dovrei dirlo, ma il Guercio è anche il nome di un personaggio del romanzo a cui sto lavorando! Coincidenze? Non credo…😂

      • Oramai l’ho preso io, dovrai cercarne un altro 😂😂😂
        Scherzo.
        Intanto ti ringrazio per aver letto il mio brano, ne sono onorato.
        Il mio intento è proprio quello di prendere dei cliché di un genere letterario e infilarli in contesti lontanissimi da loro.
        Qua ho preso tutti gli stereotipi del noir, dalla famme fatale alla lettera minatoria con ritagli di giornali, e fatti interpretare dai personaggi del “piccolo popolo”.

    • Ale, devo confessarti che anche questo mi è sembrato un episodio ben riuscito, mi ha fatto sorridere più volte e non vedo l’ora di leggere il prossimo, spero in anteprima…

    • Ciao Alessandro, sto cercando disperatamente di commentare con le nuove opzioni di emoticon ma non ci riesco! 🙁
      Continuo a dire che il tuo stile è unico e i tuoi mondi impossibili da ricreare. Le espressioni linguistiche di Arturo e le assonanze con la nostra realtà (gnomo moderno) mi hanno fatto sbellicare dalle risate. Questa è destinata ad essere un’altra serie cult 😀

    • “Era la prima volta che aveva l’occasione di usarlo da quando l’aveva vinto raccogliendo i punti della rivista “Gnomo moderno” e la cosa lo fece sentire decisamente meglio.”
      Mi ha fatto ridere 😂

    • GRazie 🙂

    • “figlio di Ninfa”
      Questo passaggio mi è piaciuto

  • Se c’è una cosa che non ho mai visto è un palazzo fluttuare. Tante volte me lo sono immaginato, lì, sospeso nell’aria. Sullo sfondo qualche nuvoletta bianca che macchia l’azzurro del cielo e davanti un enorme b […]

  • Bastarono quelle parole per sentirmi connessa con lei. I miei occhi si fecero lucidi, e fui investita da una marea di ricordi collegati a quel nome. La mia casa, mia madre con il rosario tra le mani, mio padre […]

    • “Ammiro molto quello che hai fatto, non è da tutti avere quel coraggio… e quell’affetto verso un’amica”.”
      Ma cos’ha fatto? Si può avere un’anticipazione? 😃

    • “Rimanemmo così, a guardare un punto indefinito sul bancone, mano nella mano.Una nuova linea collegò due punti sulla mappa della mia nuova vita. “
      ❤️

    • Gli occhi di Rebecca diventarono lucidi. Allungò la sua mano verso la mia, in segno di estremo dispiacere e compassione.

      Al fondo c’erano due pesanti porte in bronzo che fungevano da spartiacque tra finzione e realtà.

      “Io ormai ci ho fatto l’abitudine. Non so più che giorno sia, ma non mi importa. Ci sei tu con me, e questo mi basta per vedere luce anche nel giorno più buio” mi aveva detto Pam, con quel sorriso innocente e ingenuo. Aveva il cuore colmo di amore.

      Nella mia mente si formano le sensazioni e le immagini che descrivi…emozionante.
      Non vedo l’ora di leggere il seguito

  • Moo attese con ansia la notte della Grande Battaglia. Si sentiva pronto, forte. Il più forte. Era trascorso più di un anno dal suo ritorno nella foresta.
    Si presentò alla radura in tempo per il Grande Raduno, sf […]

    • Ci stiamo avvicinando alla fine? Sembra proprio di sì. Certo che Moo si trova in un bel guaio. Il clan troverà un nuovo capo? Oppure la tragedia concluderà ogni cosa? Certo è che un legame di cuore sarà difficile da spezzare.😉

      • Ciao Dario, tutto si svelerà il prossimo episodio. Solo un po’ di pazienza e si chiarirà quale forma prenderà questo legame 😀

    • Bellissimo, siamo alla resa dei conti.
      Le idee dei sentimenti appresi, il tabù degli umani parzialmente tradito e il rischio che corre l’umanità se Moo dovesse soccombere sono fantastiche. Una serie tra le più originali e appassionanti.
      Spero che Moo alla fine abbia la sua vendetta almeno sul Veccio.
      Forza MOO!!!!!

    • Ciao Micol, un episodio corto, ma parecchio significativo, perché viene svelato l’elemento che separa il clan di Moo dagli umani: I Sentimenti, qualcosa che viene percepito come potente e pericoloso, che può sovvertire l’ordine del clan. A questo punto mi chiedo se Moo abbandonerà per sempre il clan, o se l’ordine verrà sovvertito… Di certo c’è che Nicolas lo aspetta, e Moo tornerà da lui. La fine si avvicina, ma la curiosità è altissima. La svolta cupa che ha assunto questa stagione è davvero meravigliosa, mi piace molto! Un abbraccio! 😁

    • “Moo comprese con orrore di essersi sbagliato: i “Sentimenti” lo avevano tradito. Quella non sarebbe mai stata la sua Famiglia: nessuno di loro lo voleva.”
      Per me questo è il punto chiave😃 ❤️

  • Sorrise. Lo sapeva che avrebbe detto così. La guardò per un istante. Gli si riempì il cuore.Quanto gli piaceva guardarla dormire. Era bella. Buffa quando corrugava la fronte facendo quel grugnito.Riki entrò in bag […]

    • “A volte qualcuno attirava la sua attenzione più delle altre e lui si fissava, si perdeva ad immaginare che tipo di persona fosse e cosa facesse nella vita.”
      Questo capita anche a me 😃

    • “ma se avesse avuto successo con un libro, ne sarebbe bastato uno, avrebbe svoltato.”
      Magari 😂

    • In molti si riconosceranno In questa ruota esistenziale. Chiusi nelle nostre gabbiette dorate ci accontentiamo dei sopravvivere, pur aspirando a qualcosa di più, ma le piccole certezze quotidiane sembrano irrinunciabili. Ma a cosa rinunciamo invece con la nostra indolenza? Ad una vita migliore? Non lo sapremo mai.

  • Siamo di nuovo tutti e tre nel maggiolino.
    Enrico è preoccupato per l’Elfo, mentre a me di quell’essere arrogante non m’importa nulla.
    La storia surreale prosegue, perché stiamo andando dai Fratelli della Costa, […]

    • I Fratelli della costa bellissima idea, mi piace moltissimo la caratterizzazione delle band. Geniale.
      Non mi soffermo sullo stile e sull’efficacia dei dialoghi perchè è già stato detto tutto, ma sulla piacevolezza di lettura e l’originalità della serie.
      Amo il coraggio da leone del protagonista, inscichiato suo malgrado in una lotta tra gang che fatica a capire.
      Bella prova, alla prossima puntata

    • In effetti il protagonista non si voleva intromettere.
      Grazie per aver letto e commentato.

    • Ciao Raffaele, continuo a dire che la tua serie ha un’originalità inusuale. Ormai, di fantasy si è già scritto di tutto e di più. Ecco, dunque, che spunti fuori tu a ribaltare la situazione con un “fantasy” che non lo è! (Tu e Ricci, secondo me, siete gli autori più originali in Open). Bella l’idea delle bande, spero ci farai conoscere anche le altre. I pirati, per ora, non sembrano molto amichevoli. Sono convinta che Enrico tirerà fuori un asso dalla manica!

      • Per quanto riguarda l’originalità, all’ultimo episodio scoprirai “dettagliatamente” (già qualcosa ti avevo accennato in privato) come mi sono ispirato.
        Al prossimo episodio vedrai cosa succedere ad Enrico.
        Ti ringrazio per il tuo sostegno e per aver letto e commentato.

    • Interessante questo sviluppo…

    • Ciao Raffaele, la situazione inizia proprio a scaldarsi😁, bella conclusione, che mette curiosità per il seguito! Un episodio che mi sono gustato e goduto, e la commistione racconto/teatro è ben riuscita a mio parere! La tua idea delle gang mi piace un sacco, ottimo far convivere il fantasy con elementi reali! Bellissima come sempre la tua ironia!

      • È un piacere averti qui e ti ringrazio per il tuo sostegno.
        Alla fine dell’ultimo episodio scoprirai come mi è venuta l’idea della commistione tra elementi del nostro amato mondo fanrasy e il realismo urbano delle gang.

    • “All’interno del caseggiato ci sono gruppi di tre o quattro ragazzi, ogni combriccola è appartata dalle altre: bivaccano, bevono birra e fumano canne. C’è nell’aria l’inconfondibile aroma dell’erba.”
      😂 Beh… Una scena epica😂 😂

  • Quante volte sembriamo irresponsabili. Quante volte dimentichiamo che la nostra vita è solamente appesa ad uno stupido filo… e che quel filo potrebbe spezzarsi velocemente? 
    L’acqua era gelida e tremavo. Ma ovvia […]

    • Ciao Roberta, spero ardentemente di non finire nel girone infernale dov’è stato mandato il tuo protagonista!
      Che ha fatto, il poveraccio, per meritare una fine simile? E… se fosse tutto un sogno? 😉

  • Ma non ero forse solo, sulla cima di quel palazzo? Non ero forse sempre stato solo? Cos’era cambiato? Perché ora la gente iniziava a notarmi? Sentivo le urla delle donne e le imprecazioni degli uomini salire da […]

    • Che bello! Mi ha subito ricordato anche se è molto diverso… IL CORNICIONE di Stephen King…

    • Racconto molto particolare ma narrato bene, con ritmo e lasciando il lettore con un sacco di dubbi per far correre la sua fantasia.
      Ho letto volentieri questa storia che per qualche minuto, mi ha portato a 50 metri da terra!
      Alla prossima lettura…

    • Ciao Riccardo, il tuo è un racconto particolare che ho letto tutto d’un fiato. Sai una cosa? Voglio profittare del finale aperto per pensare che il tuo protagonista abbia fatto ritorno a casa mostrando a tutti il dito medio.