Insonnia a cuore

Giornate passate a fumare con l’unico pensiero di andare al supermercato a comprare alcol. L’amore mi ha già ridotta così, all’età di 21 anni sono già vittima di tre dipendenze, per quanto si possano contare. Birra dopo birra cerco di riempire i momenti vuoti delle mie giornate, ovvero l’intera giornata. Tutti i momenti senza te sono bui, inesistenti, da poter trascurare, niente potrà renderli migliori, neanche una birra, ma io ci provo lo stesso.

I tuoi turni lavorativi sempre diversi mi portano ad impostare ogni benedetto giorno una sveglia nuova, non che mi secchi, amo la tua voce al mattino, ma tutto ciò mi ha fatta (ri)cadere in una spirale senza fine di ossessione. Sono ossessionata da te, pazza e follemente innamorata, per tutto il tempo non penso ad altro che a quella voce calda e dolce, non aspetto che una tua chiamata, giusto per sentirti parlare e ridere. Qualche lacrima mi scende ancora quando il sole illumina la stanza, il letto vuoto senza te accanto a me. Mi manca il tuo odore sui capelli la mattina e la doccia insieme dopo colazione. Cazzo, quanto mi manca essere presa in braccio e fare l’amore in corridoio, quando sarei dovuta già essere a lezione.

Mi hai davvero stravolto la vita. Il lato negativo si manifestò appena misi piede sull’aereo per Venezia, tre bottiglie di Merlot con tanto di tramezzino al bacon resero il mio viaggio alquanto spensierato, abbastanza da farmi convincere della semplicità di avere una relazione a distanza. Questo senso di ubriachezza dura ormai da quasi sette giorni e ne temo le conseguenze. Quello che mi ferisce di più è vederti distrutto ogni giorno che fingi un sorriso davanti alla camera solo per non farmi stare in pensiero. Occupi il tuo tempo, questi cosiddetti momenti vuoti, allo stesso modo mio. Ci siamo trovati nella strada della perdizione. Ne usciremo insieme?

E’ l’01.41 e tu stai russando al telefono. Siamo in chiamata da due ore ormai ma io non voglio chiudere, riesco a sentirti qui accanto a me. Una lacrima e un’altra birra.

Ti piace0 apprezzamentiPubblicato in Narrativa

Letture correlate

Discussioni