La mente, il peggiore dei nemici

Stavo pensando ai miei pregi ed ai miei difetti ma sono arrivata alla conclusione che non so autovalutarmi, la trovo una cosa troppo difficile da fare perché non so come mi comporto, non riesco a capirlo e non riesco a “guardarmi” dal fuori. Spesso infatti ci provo a guardarmi dal fuori per vedere se quello che ho fatto / detto è giusto o è sbagliato ma non riesco mai a capire. E sto male, perché appena faccio una cosa penso sia giusta poi magari penso sia sbagliata e poi mi sento in colpa e alla fine mi sento sbagliata come persona. Mi sento sempre in errore anche se magari non ho sbagliato nulla. Per esempio se qualcuno mi rimprovera per qualcosa prima mi arrabbio perché penso sia stato giusto o “normale” il mio comportamento, poi penso che se mi ha rimproverato allora ho sbagliato, sono sbagliata e mi sento in colpa. Piango per come sono fatta perché non mi piace come sono fatta. A volte esagero, so di essere molto impulsiva perché spesso non so gestire le mie emozioni e anche per questo non mi piace come sono fatta, per quanto ci provo non riesco a gestirmi e faccio grande fatica. E poi spesso subentrano anche i brutti pensieri tipo penso di fare troppo la vittima se piango, di non essere capace a fare felici le persone, di fare del male alle persone, penso che se mi comporto male magari col mio ragazzo allora non tengo più a lui davvero, oppure se a volte sento che mi dà fastidio quello che fa, penso che se tenessi a lui non dovrebbe darmi fastidio e poi inizio a fare tutte le prove, tutti i test per vedere se tengo davvero a lui o no: magari guardando le sue foto per vedere cosa sento o immaginando situazioni. E in testa ho un sacco di pensieri che mi dicono che se faccio cosi allora non tengo a lui, che se faccio determinate cose allora sono falsa e tutti i pensieri mi dicono allora che sono una persona orribile ed arriva il senso di colpa. E questi pensieri si presentano ormai da sempre nella mia testa e non riesco a cacciarli, non riesco a smentirli, mi generano angoscia, ansia, paura e tanta tristezza e apatia. Spesso infatti non riesco a fare niente e se faccio qualcosa per distrarmi mi sento in colpa e quando mi sento in colpa devo punirmi.

Ti piace0 apprezzamentiPubblicato in Narrativa

Letture correlate

Discussioni

  1. “…e quando mi sento in colpa devo punirmi”; no Iris, non punirti, la mente talvolta puo’ sembrare il peggiore dei nemici, ma in realta’ e’ il piu’ forte degli alleati.