La Torre

Serie: Ho la tua promessa

“Pagherà il riscatto, Sir?”

Sir Urien scrutò lo scriba qualche secondo. “Certamente no!”

“Se non fossi in grado di trovare sua figlia?”

Sir Urien scosse la testa con decisione. “Non sembra che tu capisca, Nilo. Mai mi abbasserò a tanto: ne andrebbe della reputazione della famiglia. Sono sicuro che anche Morwenna sarebbe della stessa idea. Voglio che si faccia l’impossibile per riportarla a casa, solo questo conta.”

Nilo assentì, continuando a passeggiare per la stanza. “Non condivido il modo in cui affronta la faccenda, Sir, ma farò del mio meglio.”

“E tanto mi basta.”

Rimasero in silenzio. Sir Urien attizzò il fuoco nell’enorme camino, che garantiva un calore appena sufficiente alla sopravvivenza. Nilo, con solo una tela di lino stretta sui fianchi, non sembrava patirne.

“Mi parli della torre in cui era imprigionata Lady Morwenna.”

Il volto di Sir Urien si distese. “Ah, una costruzione magnifica, la migliore degli ultimi vent’anni.” Raggiunse con slancio un baule e l’aprí con la chiave che portava al collo. “La torre è alta quasi 45 metri, circondata da una selva di rovi piantati alla nascita di Gwendoline, la mia primogenita; nel fossato vivono due feroci alligatori e l’interno è disseminato di trappole, alcune ideate personalmente da me. Praticamente inespugnabile.”

“E lei ci hai rinchiuso sua figlia.”

“Risparmiami la tua disapprovazione, così si è sempre fatto. Sinceramente non vedo modo migliore per trovare a una giovane dama un marito degno.” Sir Urien stese sul tavolo una serie di pergamene e proseguì: “Ecco, questa è la sola copia dei progetti. Una volta superati i rovi e il fossato il cavaliere deve procedere all’interno della torre. A ogni livello le difficoltà si moltiplicano, fino a raggiungere il tredicesimo piano, che è dimora di un drago a due teste.”

“Un drago a due teste, capisco. Quanto è rimasta Lady Morwenna nella torre?” il tono di Nilo era palesemente canzonatorio.

“Poco più di tre anni, un record. A dire il vero ne vado piuttosto orgoglioso. Come puoi vedere, gli ultimi due piani sono occupati dagli alloggi e in cima c’è un giardino pensile.”

Nilo sfogliò le pergamene. “È possibile che qualcuno abbia raggiunto la cima della torre senza passarvi all’interno?”

“No, mi sono assicurato che non fosse possibile né arrampicasi all’esterno né planare sulla cima. Potenti incantesimi proteggono la torre e non sono stati spezzati.”

Nilo continuò a studiare i disegni, sparpagliandoli sul tavolo. “Manca qualcosa.”

“Esatto amico mio. Due giorni fa ho dato le planimetrie del quinto e del sesto piano a mio cognato, Brent. Dice di averle lasciate nel suo scrittoio e che la mattina dopo erano sparite.”

“Strano. Potrebbero aver aiutato il rapitore a raggiungere Lady Morwenna.”

“Ne dubito. La complessità degli ostacoli, come ti ho detto, aumenta di piano in piano. Sapere come superare il quinto e il sesto può aiutare, ma non è determinante.”

“Perché gli ha dato i progetti?”

Sir Urien sbuffò. Prima di rispondere tolse il papiro dalle mani di Nilo e prese a raccogliere gli altri. “A causa di una sciocca disputa con mia moglie. Com’è ovvio vorrebbe vedere Morwenna già sposata, magari in attesa di un bel maschietto, e negli ultimi tempi ha dato segni di impazienza. Suo fratello si è offerto di verificare che l’impresa fosse possibile.”

“Lo è, Sir?”

“Naturale. Da un cavaliere di grande valore, abilità e un’intelligenza fuori dal comune.” Sir Urien arrotolò le pergamene e le rimise al loro posto. “Naturalmente non potevo mostrare a Brent l’intero progetto; speravo solo che affidargliene una parte avrebbe calmato Brigid.”

“Sir, ha qualche sospetto, anche minimo, su chi potrebbe aver rapito Lady Morwenna?”

Sir Urien scosse la testa.

“Vorrei parlare con la sua famiglia, adesso. A cominciare da suo cognato Brent.” disse Nilo posandogli una mano sulla spalla.

Serie: Ho la tua promessa
  • Episodio 1: La Torre
  • Episodio 2: Morwenna e Gwendoline
  • Episodio 3: Un nuovo pretendente
  • Avete messo Mi Piace3 apprezzamentiPubblicato in Fantasy

    Letture correlate

    Discussioni

    1. Ciao Berenice,
      Benvenuta e complimenti per il tuo brano, molto divertente e ben scritto. Mi e piaciuta l’idea di dover rinchiudere una principessa su una torre per trovarle marito, hehehehe.
      Bei dialoghi, descrizioni essenziali, mi piace.
      Al prossimo episodio

      1. Ciao Alessandro, grazie di avermi letto. Sono contenta che ti sia divertito 🙂
        A presto

    2. Adoro il fantasy, quindi mi son lanciato con curiosità in questo primo episodio, e ti dirò che mi è davvero piaciuto!
      In primis perché scrivi bene, con un’ottima gestione dei dialoghi e costruzione dei periodi.
      Poi perché c’è quella giusta dose di ironia che per me è il cacio sui maccheroni!
      Aspetto con curiosità il seguito!

    3. Ciao Berenice. Amo il fantasy e la tua serie ha dalla sua decisamente una marcia in più: l’umorismo. Aspetto con curiosità il prossimo episodio 😀

      1. Grazie! Spero ti piacerà anche il resto, nelle intenzioni dovrebbero esserci molti dialoghi 🙂