Devi accedere log in o pubblicare sulla bacheca di questo utente

  • Eldo guardò il cruscotto: erano appena le undici e trentatré. Imboccò il viadotto.Quanto gli bruciava. Dopo due anni di matrimonio, ogni giorno a lavoro in ospedale per realizzare il loro sogno di trasferirsi al […]

    • Ciao Roberto, hai tracciato vari frammenti di vita quotidiana in pochi e separati passaggi egregiamente, fotografando piccole e diverse istantanee accomunate dalla tragedia. Mi è piaciuto come hai caratterizzato i personaggi, con le loro sensazioni ed emozioni, il tutto fatto con grande e apprezzabile semplicità😁!

      • Grazie mille, come sempre, per i tuoi commenti costruttivi!
        Per me questa storia vuol dire molto, perché è memoria di un evento che mi ha lasciato un segno indelebile.
        È una storia un po’ diversa, ma spero che comunque possa piacere.

  • Ed ecco in vista la sua superficie rugosa, arida, plumbea.Crepe e crateri disseminati ovunque, come nelle osservazioni da terra.L’adrenalina salì alle stelle per il comandante, che si spostò impazientemente più […]

    • Ciao Roberto, questo libriCK non può finire così, è più logico mutarlo in incipit per una serie sci-fi, o magari reimpostare il lavoro, approfondendo i vari aspetti, alla scoperta di un mondo futuristico lontano da noi e di un passato tutto da decifrare, come anche approfondire ciò che è accaduto prima dell’anno zero. Hai ben descritto le varie scene che riguardano l’avventura spaziale, i nomi scelti mi sono piaciuti, e mi hai coinvolto soprattutto nella scoperta dei reperti, visto che sono un appassionato di antiche civiltà. È solo un mio parere, ma credo dovresti farne una serie, perché la mia curiosità è rimasta smorzata😁! Alla prossima😁!

      • Grazie Antonio per il bellissimo commento! Sono felice ti sia piaciuto. Nella stesura di questa storia ho speso molto tempo ad ideare un background solido che potesse rendere realistico l’avvenimento, e spero sia coerente. Come spesso accade però, molto è stato ideato ma non inserito (sono esattamente 1500 parole!), quindi l’idea di un ampliamento aveva sfiorato anche me.
        Il tuo commento mi è stato rivelatore, e potrei rimettere mano alle bozze scartate. Nel caso non trasformerò questo librick in una serie, perché per me ha un significato isolato, però potrebbe essere l’incipit (come hai suggerito) di una serie, o addirittura qualcosa di più articolato.
        Ti ringrazio ancora tantissimo per il commento (e la segnalazione dell’errore di battitura 😅), e spero tu possa ancora trovare questo entusiasmo nelle prossime storie che pubblicherò 🙏

    • Racconto scritto benissimo e farcito di notevoli dati “pseudo storici” tali da rendere la vicenda piuttosto verosimile. Quoto le parole di Tony sul fatto che potresti idearci qualcosa di più ampio. Sì, magari una serie. 🙂

      • Grazie!!🙏🙏
        Sono stato occupato con altre storie (tra cui una a cui tengo molto ma che ancora non è stata pubblicata), ma sono già al lavoro sul progetto!
        Non vedo l’ora che possa essere letto 😁

  • “Non ci credo! Lo sapevo!”

    Il ragazzo fu imbarazzato.

    “No no, non hai capito” lo abbracciò sorridente, “è lo stesso anche per me! Senti, non credevo provassi anche tu queste cose, voglio dire, ti amo anch’io […]

  • «Argh, sei proprio uno stupido!» gli urlò Simona al bar quel pomeriggio.

    Era previsto che si vedessero dopo aver consegnato la lettera, al solito posto dove si vedevano sempre con gli altri.

    «Non è stat […]

    • Ribadisco quando scritto per il primo episodio… La scrittura c’è ma la spiegazione della crisi esistenziale e della menata dell’amica che cerca di spronarlo annoia un po’. A parere mio serve un cambio di passo, una scarica elettrica che faccia saltare dalla sedia il lettore. Come sempre è la mia banale opinione, spero ti sproni solo a scrivere ancora di più.. Alla prossima lettura.

      • (Ho sbagliato a commentare senza rispondere ahah).
        Stessa cosa del primo episodio: grazie per i preziosi consigli!
        Queste sono attente osservazioni di cui farò tesoro, e mi sento più carico che mai.
        Nei prossimi giorni porterò a conclusione questa piccola trilogia.
        Grazie ancora!

    • Stessa cosa del primo episodio: grazie per i preziosi consigli!
      Queste sono attente osservazioni di cui farò tesoro, e mi sento più carico che mai.
      Nei prossimi giorni porterò a conclusione questa piccola trilogia.
      Grazie ancora!

    • ❤️

  • Una cosa che da sempre avrei voluto dirti: t’amo.

    Non per gioco, non per scherzo. T’amo veramente, e proprio assai.

    Mi piaci, tanto tanto tanto. Quando ti vedo, quando siamo insieme, mi piace un sacco. Mi […]

    • Bravissimo Roberto, continua così 🍀

    • Il tema non è certo uno dei più originali, anche se mascherato sotto un amore omosessuale. La storia di un amore non detto, anzi impossibile da dire se non attraverso delle parole scritte su carta che poi non si riesce a consegnare, lo abbiamo già visto. Però hai un modo diretto di raccontarlo che cattura e stimola il lettore ad andare avanti. Forse, ma sia chiaro è solo un’opinione, aumenterei il ritmo del racconto cercando di non perdersi troppo in riflessioni esistenziali. Alla prossima lettura.

      • Grazie mille per il commento!
        Da poco mi sono iscritto su questa piattaforma, l’obiettivo è di fare un po’ di “palestra” e divertirmi.
        Commenti costruttivi e spronanti come questo mi rendono davvero felice. Sono quello che serve per migliorarmi.
        Quindi grazie ancora per il feedback, terrò a mente i vostri consigli.
        Spero che con l’ultimo episodio di questa piccola avventura riesca a sollevare il ritmo e soprattutto a non cadere nel “già visto”.
        A presto!

  • Deserto secco.
    Polvere sotto le mani, vento caldo sopra il viso.
    Sudore lungo le tempie, sabbia in bocca.
    Aprì gli occhi stordito.
    Cos’era successo?
    Alzò lentamente la testa, perché sentiva che ogni movimento brus […]

    • Grande Roby😊

    • Ti sei superato

    • Bravo robi!!

    • Bellussima! Ne aspettiamo altre 🙂

    • Ciao Roberto e complimenti per questo racconto intriso di cruda realtà… di quel male umano insulso che fa davvero rabbrividire. Interessante anche la struttura narrativa che hai scelto di adottare per proporlo. Efficace. 🙂
      Questo passo mi è piaciuto particolarmente: “Aveva perso l’importanza, la sua singolarità, l’identità di cittadino, di singolo uomo, ed era diventato un numero per aumentare l’armata di ferro contro gente che non aveva alcun interesse nell’uccidere.”

      • Grazie mille! Mi fa davvero piacere che ti sia piaciuto. Mi sono buttato in questo mondo (dopo anni di bozze di varia natura) grazie a questa piattaforma, e sto cercando di migliorarmi di volta in volta. Commenti come il tuo mi riempiono di gioia e di energia 💪!
        La fama delle tue opere ti precede, e non vedo l’ora di poterle leggere con calma 😁

    • Ciao Roberto, hai trasmesso grande intensità ed emozione in un crudo racconto che ha il sapore amaro della realtà, una verità che rimane imprigionata nella privata sofferenza di un uomo mandato a morire in una guerra. Un dolore che hai saputo ben strutturare nel fluido scorrere dei pensieri, dei sogni, dei rimpianti di quest’uomo. Davvero apprezzabile la parte ove il suo malessere si scaglia contro una vuota borraccia, simbolo di un’esistenza ormai ridotta in cenere. Aggiungo la conclusione, davvero struggente, soprattutto le ultime righe, cariche di malinconia, che rispecchiano però anche la fine di una lunga agonia. Quoto in pieno le parole di Giuseppe, in particolare, i suoi complimenti😁!

  • Roberto Gargiulo ha cambiato la foto del profilo 1 mese, 1 settimana fa

  • Roberto Gargiulo è diventato un membro registrato 1 mese, 3 settimane fa

Roberto Gargiulo

Foto del profilo di Roberto Gargiulo

@bobgar

attivo 2 ore, 59 minuti fa
scrittore