Devi accedere log in o pubblicare sulla bacheca di questo utente

  • Succede che sei andata via. Così, di punto in bianco. Ti ho cercata per la casa ma tu non c’eri già più. Avevo un sorriso e un mazzo di fiori per festeggiare ma non è bastato a riportarti indietro.Succede. Succ […]

    • Ciao Fabio,
      un racconto che mi ha ingabbiata fino all’ultima riga dove finalmente ho sentito l’aria fresca del rinnovarsi. Bravo!

    • Succede che a volte qualcuno scrive un racconto bellissimo, e non c’è altro da dire. Questo è uno di quelli. Complimenti 🙂

    • Ciao Fabio, questo è un racconto splendido, divorato parola per parola, un lungo inno al cambiamento, al lasciarsi alle spalle amori e amarezze per poter ricominciare… mi accodo ai commenti precedenti, inchinandomi alla potenza descrittiva di questo racconto… Complimenti!

      • Ciao Antonio. Che bello! Sono felice ti sia piaciuto. Sono quelle cose che ti escono così e devi scriverle di getto. L’ho scritto così come lo hai letto. Senza prendere fiato. Se avessi aspettato, sarebbe sparito.

    • Ciao Fabio, bel racconto. Il finale mi ha sorpreso, il messaggio che hai voluto lasciare mi ha confortata e sto ancora ridendo per la storia del criceto. Complimenti davvero.

      • Ciao Giuseppina. Grazie!
        Effettivamente ho giocato fino alla fine sulla dualità della situazione.
        Il criceto? Si, fa ridere pure me.
        Grazie

    • Ciao Fabio, complimenti per il racconto e per le descrizioni che penso siano il tuo punto di forza. E complimenti anche al protagonista del tuo racconto: lasciarsi tutto alle spalle e ricominciare non è mai facile.

      • Ciao Dario. Grazie per aver letto il racconto. Le descrizioni mi piacciono, è vero, ma cerco di prenderle dal lato interiore delle cose. “Cerco” di non fermarmi alla descrizione esterna e poi tutto si collega da solo.
        Il pesonaggio? Si, meritava una rivincita!

    • Ciao Fabio, la cupa speranza del protagonista di questo racconto mi aveva dato a intendere che il finale sarebbe stato del tutto diverso. Aggrappato al passato, al suo mondo, pensavo ad una logica conclusione. Sono felicissima che lui e il criceto abbiano preso una decisione importante. E, sono felicissima che finalmente sia riuscito a individuare capo e coda della povera bestia. P.S. non ho mai avuto un criceto…

  • “Papà guardami, sono una rondine” – corro verso la riva con le braccia aperte.
    “E io sono un’aquila e ti mangio!” – rispondi rincorrendomi.
    “Ma papà, le aquile non mangiano le rondini! E non profumano di cioc […]

    • Meh, i racconti che cavalcano le onde emotive hanno vita breve, invecchiano rapidamente.

      Sono d’impatto, parlano di temi importanti, ma alla fine danzano sulla linea tra “io autore sto sfruttando una tragedia per farmi leggere o sto facendo qualcosa per quella tragedia?” e spesso si è dal lato sbagliato.

    • Ciao, grazie per averlo letto.
      Condivido tutto quello che hai detto, ma non sono quel tipo di autore. Ogni tema è un tema attuale. La differenza, a volte, sta nel modo di raccontarlo e, a volte, nel modo in cui vogliamo leggerlo.

    • Un racconto tenero. Ho apprezzato il tuo stile.

    • Un racconto struggente, delicatissimo da tessere in parole quando si sa essere una realtà tanto attuale. Bravo!

    • commuovente

    • il tema dei migranti è molto delicato, è difficile ancora di più raccontarlo dalla prospettiva dei bambini, forse andava sviluppato di più…

  • Fabio Volpe ha cambiato la foto del profilo 11 mesi, 4 settimane fa

  • Fabio Volpe è diventato un membro registrato 11 mesi, 4 settimane fa

Fabio Volpe

Foto del profilo di Fabio Volpe

@fabiovolpe

attivo 22 minuti fa