Devi accedere log in o pubblicare sulla bacheca di questo utente

  • Marta Borroni ha cambiato la foto del profilo 3 mesi fa

  • Io e Paolo siamo rimasti uguali, questi anni non ci vedono molto cambiati, certo le sue camice aderenti hanno un profilo più rotondo di pancia e le tinte adesso sono costretta a farle anche a me stessa, ma siamo […]

    • Ciao Marta, ieri sera ho letto la tua serie tutta di un fiato e mi ha lasciato il groppo sullo stomaco. Dura, amara come solo la vita reale sa esserlo: senza speranza. Ho detto più volte che il tuo modo di scrivere coinvolge nel profondo, proprio perché risulti “vera” e sai descrivere sentimenti e sensazioni tanto da farli avvertire al lettore con nitidezza. Sono felice che tu abbia voluto regalarci questo intenso “frammento” d’anima nuda.

    • Cara @micol_fusca ti ringrazio per le tue parole, qualche giorno fa questa storia è arrivata finalista ad un concorso giallo, sono molto felice che possa essere arrivata anche a te come lettrice.
      Una storia indubbiamente cruda e forte, ho voluto, soprattutto con il finale, che avevo ben chiaro fin dall’inizio, spingermi un pò al limite, come purtroppo accade fin troppo spesso di leggere nelle notizie di vita reale.
      Risultare vera è la mia più grande soddisfazione, grazie per avermi letta!

  • Paolo ha già le mani sulle mie spalle, sono calde e morbide, l’olio alla lavanda scivola sulla mia pelle in modo delicato, c’è nell’aria il profumo del sesso, quello non dichiarato ma che sai perfettamente che sar […]

  • Questa storia della birra mia madre me l’ha raccontata spesso.
    Si narra che io fossi già alcolica, che è diverso dall’essere un’alcolizzata, è proprio essere avvezzi al gusto dell’alcool e non alla ricerca de […]

  • Marta Borroni ha cambiato la foto del profilo 4 mesi, 2 settimane fa

  • Vorrei tanto togliermi Marco dalla testa, come quel tipo di forcine che alla sera non ce la fai più a tenere addosso, e che poi finisci sempre con il strapparti via qualche ciocca di capelli e avere ancora più m […]

    • Un racconto breve ed intenso, specchio della quotidianità e modernità. I sentimenti volano sui social. Personaggi poco descritti, al contrario degli stati di animo. Mi piace il tuo dare voce al cuore. Il racconto è scorrevole e piacevole. Un piacevole compago di viaggio

    • Racconto particolare come le coincidenze di qualunque natura siano.
      Il tuo racconto è visibile. Ho visto la protagonista seduta accanto al finestrino del treno quasi soffocata dal pensiero di Marco, l’ho vista scendere dalla carrozza e infilarsi nella confusione di una stazione e l’ho vista sedersi e parlare sulla panchina. Il ritmo della storia accompagna per mano il lettore che quasi si protrae verso i protagonisti per sentire meglio le loro parole e carpirne i pensieri. Le parole, le tue parole, assomigliano sempre alle pennellate esperte di un pittore che senza esagerare nei movimenti e nei colori, dipinge un quadro dove l’osservatore si perde senza rendersene conto.
      Complimenti come sempre.
      Alla prossima lettura…

  • Parigi in settembre non ce la saremmo mai aspettata così, nelle piazze, nei palazzi alti ed eleganti, su tutti i ponti e sulle statue ricoperte d’oro puro, il sole racchiudeva sfaccettature calde e campagnole, co […]

    • Dopo aver visto su FB come si chiama la tua cagnolina capisco il perché la scelta del francese come titolo e anche ambientazione.

    • @kenjialbani l’ispirazione viene dall’aver visto Parigi ed essermene innamorata, un posto simile esiste davvero e ci ho mangiato un coniglio spettacolare, immersa nell’edera e in questo ferro forgiato chissà quanto tempo prima e ancora bellissimo, la Francia mi tocca sempre il cuore.

    • Ciao Marta, racconto divorato in men che non si dica, non sono mai stato a Parigi, ma tu mi ci hai portato con la mente grazie alle tue minuziose e poetiche descrizioni che uniscono la personalità dei personaggi con lo scenario attorno. La tua narrazione mi coinvolge sempre, anche se ammetto il “rosa” non è il mio genere, ma anche leggendo a piccoli sorsi la tua serie rimango affascinato dal tuo modo di raccontare e descrivere😊! Un saluto, alla prossima!

    • @antoninotrovato vai a Parigi, assolutamente!
      In tanti mi dicono del mio tocco rosa, sarà un involontario marchio di fabbrica, ma sono felice di trasportare così fortemente, in ogni caso il lettore!
      Grazie per leggermi, soprattutto la serie, devo recuperare i tuoi commenti e presto lo farò, comunque se avrai voglia di cercare, qui su EO ho scritto anche storie forti, non in rosa.
      A presto 😀

    • Ciao Marta, mi sei piaciuta in questa veste inedita 😀 Bellissimo racconto di rinascita.

    • Ciao Marta,
      ho adorato il tuo racconto che ho letto tutto d’un fiato. Anni fa io, mio marito e nostra figlia abbiamo passato un mese intero in Francia e capisco in pieno la sensazione di non voler tornare a casa, di mollare tutto e rimanere lì. Parigi poi ti rapisce. Tutti quei profumi, quel movimento artistico… Sei stata deliziosa nel raccontarlo e hai fatto riaffiorare una dolce nostalgia. Brava! 😊

  • Dicembre 2016
    Lucca
    Il giubbotto di pelle nera di Fabrizio sa di un famoso profumo di Cartier, lo indosso sopra un altro tipo di pelle, la mia, ormai nuda e graffiata, appiccicata dall’odore di un uomo che non s […]

    • Oh, ecco la fine. Mah, hai rispettato tutte le promesse che c’erano fin dall’inizio. Sentimento, thriller… Quasi quasi dò un’occhiata alle precedenti stagioni.

    • @kenjialbani forse è meglio, così capisci ogni personaggio 😊 ma sono contenta di aver già rispettato le premesse… Che emozione essere letta con così tanta fedeltà!

  • Novembre 2006
    Bergamo
    Vittorio Caroli ci guarda con un sorriso pieno di speranza, mi ha appena promesso un giro sul suo Porsche  giallo, ha fiducia sulla nostra situazione e sa benissimo cosa fare.
    “Ora vi sp […]

  • Dicembre 2016
    Lucca
    Mentre il sole comincia la sua gradazione migliore, quella di un arancione inteso prima del suo tramonto, Marika e sua madre rientrano nel loro appartamento ed io mi ricordo del mio […]

  • Marta Borroni ha cambiato la foto del profilo 6 mesi, 2 settimane fa

  • Dicembre 2016
    Lucca
    Si chiama Mattia, ha una canotta bianca finissima sul torace scolpito, sulle braccia scorrono dei tatuaggi evidenti e un poco colorati, sul braccio sinistro uno arriva fino alla spalla e poco […]

  • Dicembre 2016
    Lucca
    Uomini in barba bianca e vestiti di elegante velluto rosso mi passano accanto allegri e giocherelloni, le luci bianche e calde, fatte di cascate e stelle sovrastano la mia testa pronte ad […]

  • Luglio 2016
    Bergamo
    Il giardino della biblioteca mi accoglie discreto, ho ancora quattro problemi di matematica da risolvere ma non resisto più, la devo chiamare.
    Voglio sentire la sua voce ora, non voglio essere […]

  • Dicembre 2016
    Bergamo
    La neve ha il peso morbido come quello del nostro corpo nel letto, Natale sta arrivando a noi con la cadenza dei fiocchi che cadono, ormai manca poco e la gente affolla le strade come […]

  • Dicembre 2016
    Bergamo
    Ha i polsi sottilissimi, delicati e chiari, i braccialetti della fortuna li portava girati due volte e annodati stretti, amore, amicizia, soldi, rosso, bianco e verde, quando ero piccola io […]

  • Dicembre 2016
    Lucca
    Il maresciallo sta addentando la terza brioche della mattina, la sua cinta scura stride sulla pancia pronunciata e i suoi baffi si macchiano di zucchero a velo, lui affamato e preoccupato […]

  • Giugno 2006
    Bergamo
    Cari mamma e papà,
    è ormai qualche tempo che sono qui, qualche mese cioè ormai quasi un anno e quante cose sto imparando!
    Almeno è così che mi piace pensare che tutto questo serva a qual […]

    • Bello l’inizio. Anche il finale non è male. Anzi, è interessante l’ultima parte.
      Trovo strana la faccenda dei periodi lunghissimi, spezzati solo dalle virgole, ma è una scelta che si può prendere.
      Bella l’idea di ambientare la storia a Lucca, in Italia. Sei di Lucca? Mi hanno sempre detto che bisogna scrivere di quel che si conosce meglio.

    • @kenjialbani Ti ringrazio, questo è l’inizio della stagione 3 quindi c’è tensione e dubbio insieme perchè è la stagione finale e tutto deve essere chiarito.
      Pensa che i miei periodi lunghi, qui in realtà sono corti, per questione di spazio. Non sono un fan del punto dopo ogni singolo periodo, mi piace molto un periodo descrittivo lungo, lo dico anche da lettrice.
      La storia fa salti temporali e si divide principalmente in due città, non sono toscana di origine, ma vivo qua da diversi anni, ormai.
      Ho però girato molto e quindi conosco tanti luoghi, la pensa anche io così, molto meglio, se non necessario, scrivere di quello che si conosce a pieno, in modo da descriverlo poi in modo veritiero.

  • La gente pensa che sposarsi sia tutto, ed io lo penso mentre osservo quattro coppie diverse all’angolo di un bar a cielo aperto, osservo anche lui, di un azzurro limpido e disarmante, uno di quegli orizzonti in c […]

    • Wow Marta sei davvero una bomba poetica nelle descrizioni e nel narrare…sicuramente è anche frutto di un’indole di donna romantica, ma qui è talento naturale. Poi il tema in sé, 100% rosa e come dire un po’ vintage mi affascina molto perché non se ne trovano più tanti da leggere così genuini. Mi è piaciuto moltissimo.

      • @lorenzodiana mi sento terribilmente in colpa di rispondere solo adesso ad un così bello e passionale commento, sono davvero lusingata di essere stata descritta come una bomba poetica, soprattutto accostata all’essere genuina… grazie davvero!!!

    • Cara Marta, ancora una volta ci lasci entrare in un labirinto mentale (tutto femminile) fatto di dilemmi, esitazioni, decisioni da procrastinare e rapporti che si proiettano verso una felicità solo potenziale, mentre di concreto ci sono solo dei passi indietro e di lato, come in un ballo incerto; e verrebbe da chiedersi se lo sguardo curioso verso gli altri non sia solo un modo per evitare di guardarsi dentro. Bravissima come sempre a farci osservare quello che accade da una visione in soggettiva. A prestissimo con un altro dei tuoi librick carichi di sentimento.

    • Ciao Marta,
      un racconto davvero delicato: sentimenti forti sia nella maturità che nella gioventù. Profumi e immagini molto vive e colorate. Complimenti! 😃

    • Amo i tuoi dialoghi

  • Sto fissando la finestra già da qualche minuto, sta alla fine di un muro non altissimo, di questa mansarda azzurra chiara, zeppa di cose mie, oggetti che ho difeso con il cuore e con il tempo e che adesso, […]

    • Beh, devo dire che mi è piciuto. Uno stile diverso dal mio ma questo il bello 🙂

    • Diversità e consapevolezza espressi con dolcezza e semplicità.
      Mi piace!

    • Molto particolare, ricco di ossimori. Mi piace come riesci a creare contrasti, ma con uno stile sempre delicato.
      Un pezzo maturo, questo è indubbio, che lascia qualche riflessione senza risultare invadente.

    • Ciao Marta,
      hai saputo rendere, nelle tue righe, il senso di solitudine e la bilancia perfettamente allineata tra la scelta e le possibilità. Sempre e comunque viva la vita! Brava 🙂

      • @isabi72 intanto grazie per avermi letta, sono contenta che ti sia arrivato il senso di solitudine allineato alla possibilità, nonostante tutto, di scelta.
        Quanto alla vita, credo che dovremmo proteggerla, sempre e comunque! Alla prossima 😀

    • Ciao Marta, nelle tue storie cerco emozioni e anche stavolta le ho trovate. Mi lascio trasportare dal tuo stile fatto di piccoli particolari, tanto diverso dal mio (se tutti utilizzassero lo stesso stile sarebbe una noia😉).
      Dirò una cosa che forse molti non apprezzeranno: purtroppo la vita ha i suoi tempi e le nostre scelte, volenti o nolenti, ci segnano per sempre. Possiamo vederla come il famoso treno che passa una volta sola. A parte questo, sono proprio le nostre scelte a dirci chi siamo e di questo dobbiamo esserne fieri.😊

      • @dariopez apprezzo molto il tuo commento, indubbiamente la diversità di stili e contenuti rende vivo questo bellissimo involucro che è EO e lo ammetto, invidio tantissimo chi, come te, riesce a creare dei mondi del tutto particolari.
        Io apprezzo molto invece il tempo e le scelte di cui tu parli, passaggi necessari e inevitabili che sì ci segnano, ma anche ci insegnano. GRAZIE per avermi letta!

    • molto delicato, ricco di immagini, di piccole cose, di malinconia e scelte di vita, mi è piaciuto molto leggerti. Congrats!

    • Ciao Marta!
      Mah, io l’anno prossimo compio trent’anni e a certe cose non ci penso.
      Comunque bello, dai. Una lettura intensa.

      • @kenjialbani non tutti vivono le proprie età allo stesso modo, ognuno di noi ha dentro di sé un bilancio da fare tra sogni, realtà e ostacoli.
        Desiderare di cessare la vita non vuol dire per forza non amarla, ma anzi a volte amarla così tanto da non volerla solo come un contenitore vuoto e passivo di alcuni istanti, la scelta poi di restare, è invece il valore pieno alla sacralità della vita, che dovrebbe essere inviolabile per tutti.

  • Carica di più

Marta Borroni

Foto del profilo di Marta Borroni

@martaborroni91

attivo 2 mesi, 3 settimane fa
scrittore