Devi accedere log in o pubblicare sulla bacheca di questo utente

  • Il profilo di Pompeo Martino è stato aggiornato 1 anno fa

  • Pompeo Martino ha pubblicato: Echi 1 anno fa

    TI accorgesti in fretta quella mattina che lui in realtà non era mai stato davvero lì. Tutte le frasi del passato altro non era che frutto della tua sconfinata fantasia. Ma fai un passo indietro. Eri tornata a c […]

    • wow

    • Non so che scrivere… c’è qualcosa che mi stona ma non so cosa. Comunque, complimenti per il coraggio nell’affrontare il tema, non è facile per niente.

      • non so che rispondere.. 😀 😀 pensa a cosa ti stona magari mi aiuta nel migliorarlo, non ero molto convinto nemmeno io, ma l’idea era un po’ che ce l’avevo in mente, ma non so come si evolverà è tutto in divenire.

      • Forse, e dico forse, e premetto che io sono molto pignola davvvero, ci sono dei “salti di tono” che si avvertono un po’ come dissonanze. Per dire, in un inizio che si annuncia già abbastanza drammatico, la frase “ti ci aveva fatto ricadere dentro con tutte le scarpe” a mio parere stona. E ci sono altre cose di questo tipo, per esempio io non chiamerei l’analista col nome proprio, a meno che tu non voglia fare intendere che la relazione della protagonista con lui non era solo terapeutica ma qualcosa di diverso… a me per esempio il dubbio era venuto, però il fatto che questo rimanga in sospeso magari era voluto, ma questo lo sai solo tu… in ogni caso è un bel tentativo.

      • Volevo sdrammatizzare un po’ non mi piace troppo il drammatico, forse sono andato oltre! 😅
        Per il resto non so se Laura ha una relazione con l’analista, forse nei prossimi Lab lo scoprirò.

      • Però grazie per avermi fatto riflettere.

    • Bel finale 🙂

    • Ciao Pompeo. Come commentavo in Sosta Vietata, dai vita al “dramma” inteso come “Commedia Umana”. Anch’io ho fatto un po’ di confusione nel dare un’identità a Valerio, ho potuto farlo solo guardando qualche riga sopra. Il finale mi ha incuriosita parecchio, non riesco ancora a comprendere se Laura sia sopravvissuta o meno. Spero nella seconda ipotesi e fantastico su un “Carlo” reale che la salvi davvero. In fondo, è quello che vogliamo tutti: essere salvati. Complimenti, attendo il prossimo episodio 😉

  • FrodolfoTutti lo chiamavano Al Takabega.Onorio Pedranzini, anche chiamato da tutti Al Takabega, era un pastore valtellinese, precisamente abitante della frazione di Cepina ai piedi del monte Stelvio. Fin da […]

  • Non ti eri mai interrogata su quante cose ti dessero fastidio nel mondo. Forse quella faceva parte delle cose che ti portavano ad odiare la società.
    Quella mattina non avevi niente di niente da fare, te ne stavi […]

    • Ho apprezzato molto come hai delineato la protagonista, le sue caratteristiche, la sua percezione delle cose che le stanno intorno. Cosa spinge una persona a comportarsi in quel modo? Hai offerto un bell’incipit, forse dovresti pensare se continuare a scrivere su questa ragazza. Io ci vedrei bene una bella serie. Anche perché il racconto pone tutte le basi per un successivo sviluppo della storia. Per esempio, perché la ragazza si comporta in quel modo? È solo perché odia il comportamento incivile della gente o c’è qualcosa sotto? È arrabbiata per qualcosa e questo la spinge a comportarsi in quel modo? Cosa la spinge davvero a prendere un sasso da terra, essendo germofobica, e a spaccare un vetro dell’auto?
      Ti consiglio vivamente di continuare la storia, sono troppo curiosa!

      • Ti ringrazio del commento. Credo di non essere adatto alle storie lunghe, ho sempre scritto racconti molto brevi se non brevissimi, potrei provare a dare un senso alla vita di questa criminale inesperta.

    • belli ironici tutti i tuoi racconti.
      mi piacciono
      follow assicurato

    • Ciao Pompeo. Sono d’accordo con Annalisa: c’è molto da sviluppare su questo personaggio fino a dar vita a una serie. Quanto al fatto che non ti trovi a tuo agio con le storie lunghe , penso che tu abbia trovato la formula perfetta; episodi brevi e concisi. (Lo dico con il senno di poi, avendo visto che il prossimo episodio è stato inserito nel Lab) Per quanto riguarda questo racconto la sensazione che mi restituisce non è comicità quanto rabbia. E’ uno bello spaccato, quante volte ci è capitato di giudicare male una persona o una situazione presi dal nostro “dramma”? La tua descrizione è fedele alla vita, permette ad ognuno di identificarsi con la tua protagonista. Sono curiosa di leggere cosa la spinge ad entrare in quella vasca da bagno 🙂

  • Carciofi Alla Giudìa Tutti lo conoscevano come Er Cicoria.Mario Ernesto De Angelis, anche detto Er Cicoria, era un buon uomo e lo dicevano tutti in giro, questo anche prima della sua prematura dipartita. Era […]

  • -Amore?
    Urlasti a gran voce alzandoti dal sonnellino pomeridiano. I tuoi capelli avevano perso lo smalto nero lucido che avevi un tempo, ma ti piaceva comunque alzarti di tutto punto, veloce, veloce e spalmarti […]

    • Quanta tenerezza in questo super eroe, se il cattivo è il tempo che passa non c’è super potere che tenga ma è bello pensare che sia possibile provare a lottare.

    • Trovo bellissimo l’uso dei dialoghi, qui fondamentali, per questo racconto tenero ed energico insieme. Bravo!

    • Anche se un po’ in ritardo vi ringrazio per i commenti. Se voleste seguirmi mi potete trovare su facebook come Pompeo Martino Parascrittore.

  • Ti accorgevi piano piano che l’inverno stava arrivando dall’umido che ti penetrava dentro le ossa. Perfino il pugno di Marco Calvani, che avevi ricevuto gratis in quarta elementare, dritto sotto al mento e che ti […]

    • Bellissimo anche questo, Pompeo. Mi piace la tua scrittura di getto e lo srotolarsi della trama in poche e concentrate battute; la routine quotidiana contaminata da un passato irrisolto (ma non irrisolvibile, evidentemente); il rancore che si fa reazione (anche se postuma). Bravo.

  • Mentre la cameriera vi fa strada attraverso la sala grigia del ristorante, lei ti sorpassa, urtandoti la spalla. Si siede, lasciando a te il posto “spalle alla televisione”. Alzi il sopracciglio, sentendoti stu […]

  • Suona la sveglia. Apri gli occhi. È di nuovo Natale. Lo senti nell’aria. Vorresti che non lo fosse. Desidereresti ardentemente di svegliarti a Santo Stefano. Invece no. Invece è proprio il 25 dicembre. Prima di t […]

  • Pompeo Martino ha cambiato la foto del profilo 1 anno, 9 mesi fa

  • Pompeo Martino è diventato un membro registrato 1 anno, 9 mesi fa

Pompeo Martino

Foto del profilo di Pompeo Martino

@pompeo

attivo 2 mesi, 1 settimana fa
scrittore