Nel sogno

Sprazzi di luce, chimere, ecco cosa siamo. E mentre accendiamo una candela quando questa lucina va via siamo inconsapevolmente salvi. 

Salvi da cosa? Dalle fiamme che avvolgono le città in guerra, dalle bombe, dalle calamità naturali e dagli scippatori. 

Viviamo tutti in un quartiere chiamato mondo, ottenebrato dalla curiosità del malessere e del gioco d’azzardo e questo non fa altro che ridurre i nostri pensieri positivi e darci un calcio nel deretano con frasi da pessimismo cronico. 

Nel sogno, mentre siamo annebulati e artrofizzati, morti ma vivi, la capacità cognitiva del lavoro onirico ci salva. Nel sogno filtriamo ogni cosa sia successa la sera prima e la gonfiamo come una camera d’aria o un palloncino per poi darci un tono al momento del risveglio, con le lacrime talvolta ( si pensi agli incubi ) o con il sorriso stampato in faccia ( non incubi bensì tavole imbandite di cibo e gattini che giocano sul pavimento.)  

La popolazione media dorme pochissimo, e va beh c’è il caffè che smorza la situazione e tira su ma non si può certo andare avanti cosi eh! Il riposo è solenne… 

8 ore almeno. Se poi volete fare le maratone del sonno anche 10-11 ore vanno bene non si offende nessuno eh.

Evitate di mangiare troppo a cena altrimenti non riuscirete a sognare cose belle. Non è che il sogno sia a comando… è piuttosto come il libero arbitrio che ci concede Dio. 

Se mai dovessi cambiare destinazione cadresti dal letto questo è poco ma sicuro. Beh d’altronde si sa che c’è poco spazio quindi stai attento/a a posizionarti bene anche quando ti metti a leggere prima di prendere sonno. E occhio a non uccidere il tablet o il libro! Ti potrebbero  cadere e farsi mooolto male. Sai ogni cosa merita rispetto!

Detto questo, non sognare troppo ad occhi aperti, molto spesso si tratta solo di bugie. 

Avete messo Mi Piace1 apprezzamentoPubblicato in LibriCK