Piccola rosa 

– “Cia Piccola Rosa, che ci fai qui tutta sola?”

-” sono sola perché ho le spine, gli altri fiori si fanno male se stanno accanto a me” rispose la rosa 

-” perché si fanno male? “

-” perché le mie spine pungono e sono tante” 

-” le tue spine non pungono, e non sono tante.”

-” non é vero” rispose tristemente la rosa 

-” guarda, ti sto abbracciando e non mi sto facendo male” 

Allora la piccola rosa alzò gli occhi verso il sole, che le stava sorridendo mentre l’avvolgeva nel suo dolce e caloroso abbraccio. Vide i raggi del sole accarezzarle i petali donandole nuovi colori che non pensava di poter avere. Vide il riflesso brillante delle sue spine, che da tristi ferite sono diventate brillanti gemme… Poi guardo il sole che continuava a scendere la rosa si rattristò grandemente

-” non andare via, non voglio rimanere di nuovo sola” 

– ” ma tu non sarai sola, vedi la luna nel cielo? Ti farà da compagna di viaggio durante la notte, ti guarderà e ti proteggerà mentre dormi. E se un viaggiatore straniero passerà su questo viale, ti prometto che sarà così incantato della tua bellezza che entrando nel villaggio racconterà di aver visto la più bella delle rose. Sui suoi petali la luce della luna brillava come le stelle nel cielo, come una madre che bacia la guancia della sua bambina. Racconterà di come le stelle scendevano per ballare sulle sue spine, danzando come mille ballerine vestite di lunghe gonne bianche fluttuanti. Racconterà di come aveva pensato di strapparti da questo terreno ma dopo averti vista ancora una volta il suo cuore non ha avuto la forza di prenderti via da me. Dormi piccola rosa, fatti baciare dalla luna, lascia che ti protegga così quando ritorno ti potrò abbracciare di nuovo”

A volte abbiamo tante spine che tengono lontani gli altri, ma non dimentichiamo di guardare avanti, per non voltare le spalle a chi, come il sole, ci sa abbracciare nel modo giusto, sapendo accettare le nostre spine. Alcune saremo in grado di togliere , mentre altre faremo più fatica, ma le rose si sa, sono conosciute per le loro spine. Solo chi é coraggioso abbastanza si sa avvicinare e sentirne l’odore, e solo chi sa veramente vedere nel profondo può apprezzarne l’immensa eleganza e bellezza. 

E tu che tipo di persona sei? Ti limiti a guardare da lontano le rose o prendi coraggio e ti avvicini nonostante le spine?

Ti piace0 apprezzamentiPubblicato in Narrativa

Letture correlate

Discussioni