Veleno.

Serie: Il feudo piangente

La polvere causata dalla caduta del muro svanì. Jack sentì una fitta al cuore, Clemente era a terra deceduto, l’ennesima vittima di quella follia. Vlad si era rinchiuso nella stanza delle torture, segno che fosse definitivamente lui il colpevole di tutto.

Costante è a terra, avvelenato ed in fin di vita. Fernando, Frederick e Alfio erano incolumi.

Fernando: Dobbiamo salvarlo. – disse fissando Clemente.

Frederick: La stanza dei veleni, una camera nelle stanze del re, vi sono antidoti di ogni genere.

Jack: Dividiamoci. Due alla stanza, due tentano di catturare Vlad.

Gregoir strappò un pezzo della propria tunica e tentò di bloccare l’emorragia di Hugo.

Hugo: Theodore è morto! Il fratello di Fernando! Nessuno crederà mai che sia una coincidenza. – l’uomo sudava freddo.

Gregoir: È stato un incidente.

Hugo: Loro non ti crederanno mai!

Gregoir riuscì a bloccare l’emorragia.

Jack entrò nella stanza, Fernando era accanto a lui. Dinanzi i due vi erano decine di scaffali con antidoti e veleni.

Fernando: Mi fido di te! – si fermò dinanzi all’uomo bloccandolo.

Jack: Cosa devi dirmi?

Fernando: Siamo sicuri di Vlad? E se non fosse lui l’assassino? Se fosse solo un capro espiatorio? Una pedina utilizzata per sfoltire il gregge?

Jack: Guarda. – ignorò l’uomo, attirato da un piccolo libro sul comodino accanto i veleni.

Frederick ed Alfio osservarono Costante. L’uomo peggiorava a vista d’occhio. Sentirono un rumore, la porta della camera delle torture si mosse. Segno che Vlad fosse pronto ad attaccare nuovamente. Alfio trascinò Costante al riparo. Frederick estrasse la spada e si avviò verso la porta, avrebbe messo fine alla vita dell’assassino.

Prese fiato, sentì il cuore battere all’impazzata e con un calcio aprì la porta entrando nella stanza.

Jack terminò di scendere le scale e mise l’antidoto in bocca a Costante. Vide Alfio e Fernando chinarsi sull’uomo per controllare il battito, una goccia di sudore scese lungo la fronte di Jack.

Improvvisamente notò la porta aperta. Si avvicinò alla stanza lasciando a terra il piccolo libro. Udì Fernando dire che Costante fosse ancora vivo ed Alfio sollevare il piccolo libro.

Gregoir osservò Hugo serrare le palpebre. Pensò fosse morto per un attimo, poi tuttavia tornò a parlare.

Hugo: Sai quale sarà il mio ultimo gesto?

Gregoir indietreggiò con uno strano presentimento. Successe tutto in pochi attimi.

Hugo: Farò in modo di costringerti a combattere.

Lo vide sollevare un coltello e conficcarselo nel collo senza il minimo tentennamento. Gregoir capì che oramai nessuno avrebbe creduto alla sua innocenza ed un brivido di paura gli percorse il cuore.

Improvvisamente notò la porta aperta. Si avvicinò alla stanza lasciando a terra il piccolo libro. Udì Fernando dire che Costante fosse ancora vivo ed Alfio sollevare il piccolo libro.

Giunse all’entrata della stanza.

Alfio: Vlad, – deglutì – ha una tremenda allergia al veleno utilizzato…

Jack vide Frederick in piedi dinanzi il cadavere di Vlad.

Alfio: Non sarebbe potuto sopravvivere a contatto con quel veleno, al massimo venti minuti.

Fine quarto atto.

Serie: Il feudo piangente
  • Episodio 1: Il feudo piangente. Primo episodio.
  • Episodio 2: La camera segreta
  • Episodio 3: Il piano
  • Episodio 4: Veleno.
  • Episodio 5: Isolati
  • Episodio 6: Il grande inganno – Parte uno
  • Episodio 7: Il grande inganno – Parte due.
  • Episodio 8: Visione di un killer
  • Episodio 9: Conto alla rovescia.
  • Episodio 10: Epilogo. – Atto finale.
  • Ti piace0 apprezzamentiPubblicato in Narrativa

    Letture correlate

    Discussioni