Come gocce su vetro

Ferrofluido

Come ferrofluido il mio pensiero
Vortica in sospensione eterogenea,
Parole scostanti che all’improvviso
Acquistano significato,
Raggiungono vette
E si gettano nei crepacci
Sul campo magnetico di un’emozione,
Lasciandosi cullare nel bipolarismo
Di un’ossessiva/compulsiva tensione superficiale.
E tu, che ellittica insisti
Nello stupirti dell’assenza
Di una gioviana tempesta
A tener traccia dei tuoi perizeni.

Pubblicato in Narrativa

Commenti

  1. Pingback: Book trailer di “Come gocce su vetro” – Edizioni Open

  2. Foto del profilo di
    Ivana Mauro

    Ma ti pare giusto che ci conosciamo da un anno, che abbiamo fatto un laboratorio di scrittura creativa insieme, che abbiamo riso, e ci siamo scherniti, che abbiamo mangiato alla stessa tavola e… e scopro solo ora che sei un poeta… non posso subito darti un giudizio “critico” la poesia va letta e meditata, però ti posso dire che mi ha emozionata. I tuoi versi mi hanno emozionato, ciò vuol dire che, a prescindere da tutto, sei un poeta… Grazie Ste’ 🙂