Il baryonyx e la Luna

Erano la donna, l’uomo e la troupe al chiaro di Luna.

Tutti erano pronti, le telecamere digitali, il trucco… il regista aveva letto la trama e di lì a poco la donna e l’uomo si sarebbero spogliati per poi copulare. Il sito era pronto ad accogliere un nuovo video.

In tempi di quarta ondata femminista e crisi economica il clic baiting dei siti pornografici era cresciuto in maniera esponenziale, era un affare lavorarci e si poteva guadagnare molto denaro. Che poi, branchi di ragazze e ragazzi senza alcun senso pragmatico della vita volevano fare quel lavoro senza soffermarsi sul fatto che l’homo sapiens sapiens è una mente e non solo un corpo dedito all’accoppiamento… ma tanto valeva non dire nulla: nessuno avrebbe capito.

Iniziarono a girare.

I due si baciarono con finta passione e molto esibizionismo, poi iniziarono a spogliarsi. Era tutto perfetto.

Non appena iniziarono l’amplesso vero e proprio, al regista parve strana una cosa.

Era come se nel buio si fossero diffuse delle onde che avevano distorto la realtà e un poco si distrasse.

La Luna era sempre lì, ma poi vide che quella figura che si poteva osservare sul volto chiaro del satellite si stava agitando.

Come se il satellite fosse una macchia di vernice dipinta su un fondo fasullo, da lì si staccò un essere bizzarro.

Aveva il muso di coccodrillo e si muoveva su due zampe mentre quelle superiori erano più delle braccia.

«Ma… è un baryonyx!». La donna aveva studiato paleontologia, qualcosa doveva saperlo.

Allora era un baryonyx, il suo nome era baryonyx, e questa lucertola stridette.

Tutti erano paralizzati per il terrore.

Il baryonyx aggredì la coppia dilaniandola e squarciando la loro carne che se prima era già che bell’esposta adesso lo era ancora di più.

La troupe scappò, ma il regista stette immobile. Aveva filmato la morte dei due attori, sarebbe stato perfetto per uno snuff movie per il deep web.

«Dai, dai, uccidi ancora!».

Il baryonyx non se lo fece ripetere due volte e andò a caccia del resto della troupe.

Il regista ebbe la cura di filmare tutto, poi sbuffò. Anche se non sapeva il nome preciso della creatura, era contento di aver fatto in modo che balzasse fuori dalla Luna. Se non sbagliava, in genere si cibava di pesce… stavolta aveva fatto un’eccezione.

Completata la caccia, il baryonyx ringhiò e il regista gli si rivolse. «Su, torna nella Luna!». Era felice del suo esperimento, grazie alle radiazioni emesse dalle videocamere speciali era riuscito ad attirare fin lì il baryonyx della Luna, solo non si era aspettato un così pieno successo al primo tentativo.

Il baryonyx ringhiò ancora e aggredì il regista davanti alla videocamera.

Proprio un bello snuff movie per il deep web.

Avete messo Mi Piace1 apprezzamentoPubblicato in Sci-Fi

Letture correlate

Discussioni

    1. Grazie Alessandro!
      Sì, se cerchi il baryonyx su Google ti faresti una cultura in fatto di barionichidi… io queste cose le so perché da bambino ero appassionato di dinosauri.
      Buonaserata!