Devi accedere log in o pubblicare sulla bacheca di questo utente

  • Il sole splendeva alto in cielo irradiando i volti gioiosi dei bambini, accompagnati dai genitori, e dei giovanotti che rincorrevano qualche ragazza per il luna park. Le giostre si alzavano maestose e […]

  • Il profilo di Eliseo Palumbo è stato aggiornato 1 anno, 6 mesi fa

  • Da qualche parte nel nord Italia, all’interno di un laboratorio di ricerca, si svolgevano degli accurati studi sull’inappetenza presente nei pazienti sottoposti a chemioterapia. Si cercava una soluzione non […]

    • Complimenti, un’altra opera ben riuscita 😉

    • Immagini molto forti in questo episodio, che sconsiglierei a stomaci delicati. La scena del nonno che pratica l’auto cannibalismo mi ha particolarmente turbato. Bella l’idea del farmaco sull’inappetenza come causa dell’epidemia zombie.

      • Ciao Tiziano! Grazie per il commento. Spero che il turbamento sia già acqua passata.
        Per il fatto del farmaco diciamo che esprime la mia idea di fantascienza, nel senso un minimo di scienza deve esserci nei miei racconti, quindi cerco di immaginare qualcosa che potrebbe realmente concretizzarsi fra qualche anno e poi collego il “classico effetto collaterale”.

    • Sei riuscito a sorprendermi, immaginavo una nuova avventura con protagonisti La Matita e Freddi. Mi sono nuovamente divertita, sono “vecchietta” e la tua serie mi ricorda quella tv de “Ai confini della realtà” (molto prima di X files).

      • Mi fa piacere che ti sia piaciuto anche questo episodio, non conosco la serie che hai citato però é sempre bello far riaffiorare o trasmettere qualcosa in chi ti legge, é uno degli obiettivi della scrittura credo, regalare emozioni belle o brutte che siano

  • Eliseo Palumbo ha cambiato la foto del profilo 1 anno, 8 mesi fa

  • Gianfranco era un giovanotto scorbutico, chiuso e poco propenso alle persone, aveva un rifiuto verso ogni essere umano, i più lo definivano un asociale apatico anaffetivo. Non tutti, però, sapevano che G […]

    • Un racconto che parla dell’emarginazione più dura, quella che parte quando si è bambini e tutto, in fatto di amore e fatto, ci dovrebbe essere dovuto… scritto bene, bravo!

      • Grazie Marta… si in effetti spesso si sottovaluta questo aspetto purtroppo. L‘importante é non demordere mai 🙂

    • Ciao Eliseo, benvenuto! Gianfranco è un ragazzo che ha sofferto il rifiuto a priori dei suoi compagni. È proprio vero che basta un incontro sbagliato da piccoli come il bambino alpha e poi può verificarsi una assurda reazione a catena per anni. Ottimo il simbolismo del liceo classico per “rintanarsi” in un nuovo e originale modo di essere, non scelto in questo caso da altri. Perchè il segreto è proprio cambiare strada verso la propria e trovare se stessi. Gianfranco ha scelto il fascino e gli insegnamenti di saggezza antica che scorrono come un fiume in piena in questo corso di studi. Inevitabile, amandosi di nuovo, trovare l’amore. Bravo!

    • Raccontare la vita come tappe e fasi scandite dal percorso scolastico mi sembra un’idea originale. È vero, in un nuovo istituto la vita può ricominciate daccapo e ci si può lasciare alle spalle un passato poco felice e andare verso un nuovo cammino.

      • Trovo indovinate anche le metafore a base di formaggi 😀

      • Beh in fondo il percorso scolastico fa parte della formazione di una donna o di un uomo, è inevitabile che molti episodi caratterizzino la propria vita per sempre. Le metafore “formagiose” sono state ricercate e volute di proposito.

    • Ciao Eliseo,ci siamo già incontrati in un ‘altra occasione con altri racconti. Ho trovato questo attuale e per indiretta esperienza calato nella realtà. Tutto quello che abbiamo bisogno per ricominciare è un sorriso, i bambini non soffrono di “mal di vivere”, spesso sono altri a provocarlo. Mi è piaciuto anche l’approccio “dolce” ma diretto con cui hai narrato la vicenda.

  • Eliseo Palumbo è diventato un membro registrato 1 anno, 11 mesi fa

Eliseo Palumbo

Foto del profilo di Eliseo Palumbo

@eliseopalumbo

attivo 3 settimane, 6 giorni fa
scrittore