Milleundici passi.

Serie: Passi

Novecentonovantasette passi.

Si ferma.

Si guarda attorno, si era addentrata di più in quell’enorme parco.

Novecentonovantotto passi.

Riconosce quei fiori.

Ama quei fiori.

Novecentonovantanove passi.

Le margherite le ricordano la casa della Nonna.

Sono tante.

Una distesa enorme di Margherite.

Vuole avvicinarsi.

Deve avvicinarsi, i fiori la chiamano.

Mille passi.

Ecco arrivato il numero mille.

Milleuno passi.

I ricordi della Nonna sono i più belli che possiede.

Milledue passi.

I ricordi della Nonna sono dolorosi.

Milletré passi, millequattro passi.

Dei bambini stanno giocando nel campo di margherite.

Millecinque passi.

Guarda e vede un gruppo di anziani seduti su delle panchine. Osservano i bambini e sorridono.

Millesei passi.

Sorride anche lei, sua Nonna aveva sempre la stessa espressione dolce sul viso.

Millesette passi. Milleotto passi.

Eccola, in mezzo alle Margherite.

Millenove passi.

Delle bambine fanno ghirlande di fiori mentre i bambini si divertono a saltare tra i fiori.

Cercano i punti con meno Margherite per non pestarle.

Ecco che uno di loro la nota.

Il bambino si ferma, la osserva.

Lei sorride.

Il bambino corre verso di lei, di ferma a due passi di distanza.

Milledieci passi.

Ora solo un passo li divide.

– Ciao –

Il bambino arrossisce, si abbassa e strappa alcune margherite dal campo.

Tende le mani piene di fiori verso di lei.

Li prende.

– Grazie, sei molto gentile. –

Il bambino abbassa la testa.

– Prego. –

Scappa via con le guance rosse.

Osserva gli anziani e li vede ridere.

Anche lei ride.

Prende i fiori e li infila disordinatamente tra i capelli.

Gli anziani la salutano con la mano ridendo.

Anche lei ride.

Anche lei li saluta con la mano.

Milleundici Passi.

I suoi nonni possedevano una splendida casa in campagna, lei non amava la campagna, troppi insetti e troppe allergie. Nonostante quello non diceva mai di no al campo di Margherite di qui sua nonna andava tanto fiera. ci giocava per ore facendo finta di essere in un mondo fantastico popolato da elfi e fate, e mentre giocava raccontava le storie di quel mondo alla Nonna, che la ascoltava in silenzio. Alla fine delle vacanze sua nonna le regalava sempre una coperta ricamata, sopra c’erano rappresentate le sue storie, aveva ancora tutte le coperte e le tirava fuori quando arrivava il freddo, non era molto pesanti ma l’aiutavano a riscaldarsi il cuore.

Serie: Passi
  • Episodio 1: Undici passi.
  • Episodio 2: Centoundici passi.
  • Episodio 3: Milleundici passi.
  • Episodio 4: Milleduecentoundici passi
  • Avete messo Mi Piace1 apprezzamentoPubblicato in Narrativa

    Letture correlate

    Discussioni

    1. Bellissimo episodio, mi è piaciuto moltissimo la storia raccontata con brevi frasi interrotta dal quel conteggio strano. Hai reso molto bene l’idea di passeggiare pensando ad altro.
      Ho trovato bellissima anche l’idea della nonna che ricama su cuscini le storie che racconta la nipote quando è nel campo di margherite.
      Continuo…