Scrivere

Tra l’alba del mattino e il tramonto della sera c’è la ruggine accecante di un battito inespresso, uno scalpiccio insondabile di vane forme.

Ho ripreso a scrivere partendo dal non più e non ora, cercando di intrappolare quell’hic et nunc di arcaica memoria, in un flusso scrosciante di pensieri che da ieri vagano per vogare in una direzione nel mare dell’essere. Non sono: già, non sono ciò che ero, ma non sono ancora ciò che sarò, mentre i rintocchi del tempo scandiscono i ticchettii pulsanti di nuovi tarli che toccano le lettere per lasciare impronte. Sono se non ciò che vorrei, ma i desideri si affacciano su balaustre pericolanti di pensieri inespressi.

Ho ripreso a scrivere e la pagina si riempie di nero su bianco, creando simboli grafici nuovi che servono a testimoniare temi vecchi, ancestrali, perché poche storie, le stesse, hanno dato vita a secoli di letteratura. Pagine sbiadite, lettere che si accumulano, per dire ciò che si è sempre saputo, perché nulla è nuovo sotto lo stesso sole, i cui raggi accecano e, a volte, fanno male.

 Ho ripreso a scrivere come in un refrein, senza freno, perché l’acceleratore dei ricordi ha messo tutte le marce e a folle velocità supera gli ostacoli che le inibizioni frappongono al nostro Io, in una guerra senza combattenti con la nostra volontà. Folle è chi si lascia trasportare, perché nulla è mai come appare e gli indizi a volte conducono a mete diverse, scoscese.

Ho ripreso a scrivere e la chioma della notte intrappola nell’oscurità l’ultima luce calante nell’orizzonte: è solo allora che la dolce sirena sinuosa, la voce del mondo, si intiepidisce stanca delle fatiche del giorno. La sera avanza inesorabile, prepotente, e soltanto con il suo blu silenzio si può affermare con sicurezza che sì, anche questa volta il miracolo delle parole si è compiuto.

Avete messo Mi Piace2 apprezzamentiPubblicato in Narrativa

Letture correlate

Discussioni

  1. Brave e intenso, a mio avviso una brevità quasi necessaria per rendere a pieno la bellezza di quello che hai scritto, sei davvero bravissima a tratteggiare atmosfere e suggestione, bravissima, mi piace molto!!!

  2. Molto interessante, condivido le tue parole. L’irrefrenabile “bisogno” che ci spienge a scrivere ci accompagna spesso fino a notte fonda e a volte ci traghetta fino al mattino successivo.
    Ben scritto, sei molto brava!