Mi chiamano Babbo Natale!

Santa Claus, il mio vero nome è Santa Claus!!! Non vedete che ho anche l’aureola?! 

Si ok forse è un tantino invisibile in effetti ma voi dovreste sforzarvi e guardarla come quando cercate il disegno strano dentro i quadri in 3D. 

Ohi ohi. Le mie renne mangiano un po’ di tutto mentre io ricevo letterine da ogni parte del mondo. Quest’anno Il principino d’Inghilterra vuole ben quattro cavalli a dondolo dorati.

Ma io sapete cosa amo davvero dell’atmosfera natalizia?? Aiutare i bambini poveri e dar loro dei pasti caldi. Invio

 il necessario e loro vengono a trovarmi con le famiglie.

Tutto compreso… vito e alloggio. Possono sostare anche fino alla fine dell’anno venturo.

Un anno con Santa Claus. 

Di rosso son sempre vestito e nei guai mi vado a immischiare… volo sulle teste della gente e ancora non mi avete dato niente! 

Ebbene si… i guai sono: le renne che si bloccano all’improvviso perché terrorizzate dallo spirito del Natale passato che ci fa visita di notte e seconda cosa il frutto proibito. LA MELA.

Capita che qualcuno mi chieda in regalo una mela dorata che in teoria io non posso porgere in quanto dono speciale riservato agli elfi. 

Ma devo pur fare il bravo, no? E allora ne faccio costruire alcune fac-simili dai miei piccoli collaboratori. Che poi sarebbero come gli humpa lumpa della Fabbrica di cioccolato. 

Non chiamatemi più Babbo Natale però perché è vero che io ho milioni di bimbi sparsi per il mondo ma nessuno è ancora figlio mio! E poi il detto non lo conoscete? 

Fate i bravi!!! 

Ecco io sono Santa Claus perché sono un santo. Immaginatemi come se avessi un  saio rosso che mi avvolge il corpo e una catenina al collo che vedo solo io… 

Questo è il vero Babbo Natale!!!

Le mie renne sono gli angeli senza ali che mi accompagnano ovunque anche quando il Natale è finito.

ALL’ANNO PROSSIMO BIMBI. !!! E RICORDATE IO SONO SANTA CLAUS!! 

Avete messo Mi Piace1 apprezzamentoPubblicato in Narrativa

Commenti