Attila lo Zingaro (seconda parte)

Serie: Agente Drago Rosso


Attila si alza dalla sedia e s’incammina verso l’uscita della stanza.

– Un ultima cosa. C’è solo un piccolo particolare che non ti ho ancora detto.

Attila si volta verso il capo.

– Raimondo Corvero è stato catturato da una tua vecchia conoscenza. Un membro della setta che hai addestrato tu e poi ci ha tradito.

– Di chi stai parlando?

– Melissa! Melissa la strega.

Attila diventa improvvisamente serio. Un vistoso pallore copre il suo volto abbronzato. Sul lato destro della fronte scende una piccola goccia di sudore. Un brivido gli percorre la spina dorsale e trasale leggermente.

Riprende, molto lentamente, a camminare verso l’uscita.

– Attila!

Si ferma senza voltarsi.

– In bocca al lupo.

Non risponde e prosegue a camminare.

***

Nel bar non c’è nessuno oltre il vecchio barista dietro al bancone e la sua enorme pancia, una parannanza lercia e le braccia ricoperte di tatuaggi. Nessuno oltre Attila che è seduto in disparte e seminascosto in un angolo buio del locale e sorseggia da un enorme boccale di birra bionda. In questo posto sperduto di periferia entra un ragazzo vestito da motociclista di Harley. I suoi lunghi capelli sono raccolti in un codino e le orecchie tempestate di piccoli orecchini di svariati tipi.

– Mirco (il ragazzo si rivolge al barista) dove sta Attila?

– Li dietro.

Gli fa cenno d’avvicinarsi.

– Mi sembra preoccupato.

Mirco fa un cenno con la testa e poi raggiunge Attila. Qualche secondo dopo arriva Mirco con un boccale di birra e dopo un’occhiataccia di Attila si dilegua senza fiatare.

– Abbiamo scoperto dove si trova Raimondo Corvero.

– Dove si trova?

– Il problema non è dove sta ma, chi lo ha preso.

– Chi lo ha catturato?

– Melissa! Melissa la strega! Gli ordini che abbiamo ricevuto sono chiari. Dobbiamo uccidere la traditrice e riprendere Corvero.

– Non sarà facile.

– Lo so! La questione è particolarmente difficile. Devi radunare il gruppo alpha e il gruppo beta. Comunicheremo con questo (gli passa un walkie tolkie). Questa notte tieniti pronto per partire.

Il ragazzo si alza dalla sedia. È serio. Inizia a camminare e dopo tre passi, senza voltarsi, fa una domanda:

– Come si fa ad affrontare Melissa?

– Non lo so!

Serie: Agente Drago Rosso


Avete messo Mi Piace2 apprezzamentiPubblicato in Narrativa

Letture correlate

Discussioni

  1. Questi dialoghi così diretti hanno la forza di imbrigliarmi nell’intreccio della trama che hai ordito, una trama che, episodio dopo episodio, si tinge di mistero… e anche parecchio! Quante domande! 🙂

    1. Devo confidarti che questa trama l’ho costruita seguendo lo schema di Vogler: “il viaggio dell’eroe”

  2. Ciao Raffaele, mi hai messo addosso una curiosità tremenda. E’ bastata la parola “strega” per mettere in moto un milione di rotelline nel mio cervello 😀 Parto dal presupposto che questa non è una serie fantasy e mi chiedo il motivo per cui Melissa è chiamata in quel modo. E’ odiata? Crudele? Solo tu puoi rispondere a queste domande e spero di leggere presto un nuovo episodio ;D

    1. Nuovo episodio già pubblicato e s’intitola proprio “Strega”, che però non risponde alle domande che fai. Comunque prossimamente arriveranno tutte le risposte.
      Gira e rivolta sono arrivato al nono episodio; vuol dire che ho finito la prima stagione.
      Grazie per aver letto e commentato.

    1. Questa sera, al massimo domani, pubblico il nono episodio. In settimana il decimo e concludo la prima stagione.
      Mi fa piacere che hai trovato la mia scrittura immersiva: ho utilizzato la tecnica dello “Show, don’t tell“. Sul blog di EO c’è un ottimo articolo.