Tutto ciò che è al di fuori

Serie: Terrore sotto terra #2STAGIONE


I corridoi erano quasi identici, praticamente un labirinto. Il gruppo doveva solo raggiungere l’uscita. Desmond li guidava. Un ombra veloce come un sussurro, Michael apparve in fondo al corridoio e con un sol colpo alla testa uccise Pedro. Erano animali seguiti da un cacciatore esperto.

Liz: Ci ucciderà uno alla volta.

Emily: Tranquilla, riusciremo a fuggire.

La stanza era quadrata con una sorta di pozzo.

Desmond: Dovremmo calarci, l’uscita d’emergenza è in fondo. Un porta ed un corridoio in salita che porta all’esterno del vulcano artificiale.

Emily: Perciò è assodato che ci troviamo in una caldera.

L’ombra tornò. La ragazza spinse Liz salvandola e sollevò l’arma. Sentì un fitto dolore all’addome. Era riuscita per fortuna a colpire il nemico alla gamba. Da terra Michael sollevò di nuovo la pistola. Gli altri tre fecero lo stesso. I colpi di susseguirono.

Amy cadde a terra sanguinante, vide di sfuggita Desmond precipitare nel pozzo con il cranio perforato dal colpo. Michael era deceduto.

Mark: Maledizione!

Si sentì un allarme riecheggiare.

Liz: Desmond è deceduto e loro due sono ferite.

Amy: Desmond mi aveva raccontato di un dispositivo di emergenza, si sarebbe attivato una volta raggiunta l’uscita. Il vulcano crollerà cancellando per sempre questo folle esperimento.

Emily: Non faremo in tempo a fuggire.

Liz: Desmond aveva la chiave elettronica.

Amy: Ho un polmone colpito e non mi reggo in piedi. Temo di dovervi dire addio.

Fu velocissima, prese l’arma e si suicidò con un colpo alla testa. Tenendo stretta Emily iniziarono a discendere il pozzo. Mark e Liz riuscirono nell’impresa. I tre recuperano la chiave e percorsero il corridoio mentre tutto tremava.

Erano passati mesi. Mark sorseggiò il bicchiere di vino.

Agente: Ottimo lavoro detective, ha dato il contributo per fermare un progetto pericolo.

Mark: Liz ed Emily stanno bene ma abbiamo perso fin troppe persone.

Agente: Come già le ho spiegato, tutto ciò era necessario. Desmond era un agente sottocopertura, non potevamo immaginare che Michael fosse un complice di Sam.

Mark: A volte ho l’impressione che non siamo mai fuggiti da lì…

Agente: Tutto ciò purtroppo è normale.

Vide l’uomo voltarsi. Mark deglutì. Sapeva bene che fossero stati lasciati in vita per un motivo. La storia aveva fatto il giro del pianeta ed ucciderli per nascondere i fatti era oramai impossibile. Erano stati graziati a patto che raccontassero la storia tralasciando Isedalh ed il controllo del comportamento. La verità avrebbe generato panico a catena su scala globale.

Fine.

Serie: Terrore sotto terra #2STAGIONE


Ti piace0 apprezzamentiPubblicato in Horror

Letture correlate

Discussioni