Frammenti

Serie: Terrore sotto terra #2STAGIONE


1.

Inspirò lentamente. Serrando le palpebre rimembrava automaticamente lo sguardo dell’uomo. Vorace e malsano. Liz faticò a calmarsi. Greg era nei suoi incubi. Lo percepiva perennemente. Da lontano vedeva i prigionieri gioire di trovarsi alla luce, non più sotto terra. A lei le era impossibile, soprattutto dopo essersi fidata di lui.

2.

Li aveva seguito tutta la notte, un labirinto di ferro.

Si accovacciò. Mark osservò Jack e Karl svanire nell’oscurità del tunnel. Doveva andare a fondo del mistero. Scoprire realmente cosa c’entrava Jack in tutto ciò. Il tunnel era oscuro eppure udiva i passi dei due, facilmente da seguire dunque. Sentiva il proprio respiro, esile e silenzioso si faceva strada fra i passi dei due. Un errore e si sarebbero accorti di lui. Doveva trarre in salvo Karl, l’uomo aveva probabilmente la chiave del mistero. Il motivo per cui sono stati rapiti.

3.

Osservò i due. Hubert glieli presentò come Armando e Chris. Emily osservò Liz in fondo al gruppo, era tesa. Occhi rossi insonni. I cinque avanzarono lungo il cunicolo, percepiva qualcuno esitare. Fermò il gruppo e fece cenno ai tre uomini di andare avanti.

Liz: Sto bene…

Emily: Vai a dormire. Non puoi star bene…

Liz: Greg ha ottenuto la sofferenza che meritava.

Emily: È stato il tuo primo contatto umano in questo inferno. Lo vedevi come un amico e qualcuno che ti avrebbe aiutata a fuggire. Ti ha tradita e provato…

Liz: Senti basta. Andiamo.

Sentì la ragazza muoversi quasi spintonandola e dirigersi verso i tre.

4.

Si alzò e li liberò. Paul osservò i tre.

Omega: Qual’è il piano?

Paul: Torniamo alla base e continuiamo il Progetto.

I tre si avviarono lontano dall’accampamento, erano tutti impegnati a traslocare verso la finta libertà, passarono facilmente inosservati.

Delta osservò Omega e Gamma dietro di Paul.

Flashback.

Rinfoderò la pistola. L’uomo in giacca e cravatta lo scrutava.

Uomo misterioso: Fausto Alli. Questa è la tua attuale identità, truffatore e all’occorrenza assassino. Sono qua per assumerti. Puoi chiamarmi Amado. Tu sarai Delta.

5.

Le catene caddero. Osservò l’uomo con occhi stanchi.

Gregoir: Vi avevo seguiti, dalla casa di Karl aspettando il momento propizio.

Amy: Grazie.

Desmond ed Amy seguirono l’uomo lungo i corridoi. Improvvisamente una porta che sbatte.

Alan: Non abbiamo finito con voi!

Amy: Davvero Alan? Perché sei andato via? Per questo?

Alan: Tu non puoi capire…

Desmond vide Gregoir spingere Amy e saltare verso Alan. Il proiettile non colpì nessuno. Atterarono il nemico facendolo svenire.

6.

Flashback.

Osservò i due. Amado sorrise. La guardia era davanti il furgone.

Guardia: Come nei patti, li ho fatti evadere.

Amado: I soldi verranno depositati sul tuo conto.

Osservò a destra Thomas Fete, serial killer senza scrupoli destinato a divenire Omega. Accanto a lui il rapinatore di banche Tim Pore, il futuro Gamma.

7.

Trattenne il respiro. I due erano dinanzi una porta aperta, una fioca luce li illuminava. Mark riconobbe colui con cui dialogavano ovvero Sam, forse era il momento di agire.

8.

Titubò. Il viaggio era durato parecchie ore. Dinanzi i tre l’accampamento desolato ed il cancello sollevato. Quello in cui morì la moglie di Desmond e dove avanzavano Liz, Emily e gli altri.

Amy: Cos’è successo? Dove sono tutti?

Gregoir: Credo che Desmond stia pensando ad altro…

La ragazza osservò l’uomo avanzare verso il cancello aperto, come se qualcosa stesse riaffiorando.

9.

La stanza ovale terminava il tragitto.

Hubert: Ore ed ore di viaggio per questo.

Emily: Deve esserci qualcosa!

Chris: Siamo partiti dodici ore fa dall’accampamento, perlustriamo questa stanza da ore. Abbiamo toccato ogni angolo.

Emily: Non può non condurre a qualcosa… E noi non siamo dentro una caldera in questo momento. Ci sono i prigionieri in superficie.

Hubert: Dove siamo secondo te?

Emily: Nei cunicoli sotto la caldera. Li hanno ricoperti di cemento e creato un labirinto. Deve essere per forza l’uscita o porta ad un altro cunicolo o addirittura più in fondo…

Liz non li ascoltava. Osservava l’entrata. Lo vedeva pur sapendo non essere reale.

Greg: Morirai qua sotto, come se fossi per sempre tra le mie braccia ed in balia del mio desiderio di possederti.

10.

Vide Hubert sbuffare toccando l’ennesima lastra inutile. Poi dei passi. Si volse. Emily osservò Gregoir, Amy e Desmond apparire ed una voce metallica.

Voce: Umano riconosciuto. Dottor Desmond, quali sono gli ordini?

La voce proveniva dall’alto. Il terreno tremò ed una parete di sollevò.

Continua.

Serie: Terrore sotto terra #2STAGIONE


Ti piace0 apprezzamentiPubblicato in Horror, Narrativa

Letture correlate

Discussioni